Translate

domenica 26 novembre 2017

Una parte degli Italiani si fida ancora del "Cavaliere": peccato... se solo s'informassero!!!

Tralascio la biografia personale e familiare che trovate ricercandola sul web. 
M'interessa evidenziare soltanto alcuni aspetti, quelli attraverso cui è riuscito dal nulla, a diventare uno dei più influenti uomini del nostro paese. 
Inizia la sua professione nel 1961 nel campo dell'edilizia, acquistando un terreno, grazie alle fidejussioni fornitagli dal banchiere Carlo Rasini, che ovviamente gli procurerà anche un socio, il costruttore Pietro Canali: nasce così la "Cantieri Riuniti Milanesi". 
Due anni dopo fonda la "Edilnord Sas" insieme ad alcuni soci accomandanti, tra cui Carlo Rasini (quello sopra della concessa garanzia...) ed il commercialista svizzero Carlo Rezzonico (per c/ della misteriosa finanziaria luganese Finanzierungesellschaft für Residenzen Ag).
Nel 1965 è pronto il primo condominio, di cui però non si vende nemmeno un appartamento, ma improvvisamente (già... non si sa come), riesce a venderlo al Fondo di previdenza dei dirigenti commerciali!!!
Nel 1968 nasce l’Edilnord 2, che acquisterà i terreni a Segrate, dove sorgerà la famosa "Milano 2".
Nel 1969 sono stati venduti 1000 appartamenti!!!
Nel 1973 fonda la Italcantieri Srl, grazie ad altre due misteriose fiduciarie ticinesi (la Cofigen, legata al finanziere Tito Tettamanti e la Eti AG Holding, amministrata dal finanziere Ercole Doninelli).
Grazie ai buoni uffici dell’amico Cesare Previti, acquista ad Arcore la villa Casati Stampa, con tutti i terreni annessi, ad un prezzo di super favore. 
Ah... dimenticavo, Previti è il pro-tutore dell’unica erede dei Casati Stampa, la contessina Annamaria (appena dodicenne...), contemporaneamente però il Previti, è oltre che amico di Berlusconi anche in affari con lui...
Nel 1974, grazie a due fiduciarie della Bnl, la "Servizio Italia" e la "Saf", nasce l’Immobiliare San Martino, amministrata da un amico ed ex compagno universitario palermitano, Marcello Dell'Utri!!!
Ecco quindi che nel condominio di Milano 2 ha l'intuizione di far nascere la prima Tv via cavo... "Telemilano 58", che passerà presto all'etere con il nome di "Canale 5". 
Nello stesso anno si trasferisce con la famiglia a villa Casati, ed avrà tra i suoi dipendenti quale "fattore", il noto boss mafioso Vittorio Mangano, conosciuto come lo "stalliere di Arcore", assunto in Sicilia da Dell’Utri per operare in nord Italia, all'interno di quella Villa e nei suoi terreni circostanti...
Mangano lascerà Arcore soltanto un anno e mezzo dopo, in seguito a due arresti e ad una inchiesta a suo carico, per il sequestro di un ospite della villa, amico di Berlusconi...
Nel 1975, dalle due fiduciarie nasce la "Fininvest"...seguono la Edilnord e la Milano 2: la prima, rappresenta la "storica" società attiva nel settore immobiliare,  passata più volte di mano negli ultimi cinquant'anni...
Infatti, all'inizio degli anni '90, il controllo fu ceduto al fratello dell'ex premier, Paolo, salvo poi ritornare successivamente in capo a Fininvest, che verrà venduta nell'estate del 2001 (quando c'è Egli alla presidenza del Consiglio), per 425 miliardi di vecchie lire (si chiamerà Ground immobiliare Spa) alla Pirelli Real Estate (diventata poi Prelios) del noto Marco Tronchetti Provera (un manager quest'ultimo, in quel periodo all'apice del successo poiché alle prese con l'acquisizione di Telecom Italia, successivamente rilevata per la quota di maggioranza da Telco, la cassaforte ora controllata dalla spagnola Telefonica)...
Ma Berlusconi non compare mai... schermato da una miriade di "prestanomi" fino al 1975, quando diventa presidente di "Italcantieri" e nel 1979 quando assumerà la presidenza della "Fininvest". 
Nel 1977 viene nominato "Cavaliere del Lavoro" e acquista una quota dell’editrice de "Il Giornale", fondato nel 1974 da Indro Montanelli. 
Tra il 1978 e il 1983, riceve circa 500 miliardi (al valore di oggi), di cui almeno una quindicina in contanti, per rifornire le 24 Holding italiane -salite successivamente a 37- che compongono la Fininvest, di cui si ignorano a tutt'oggi la provenienza.
Sono gli anni in cui s'interessa di politica, in particolare della scalata dell'amico Bettino Craxi, segretario allora del Psi dal 1976 ed a breve, giungerà a governare il Paese (sarà anche il padrino di battesimo della prima figlia Barbara...).
Nel 1978, si scopre essere affiliato alla loggia massonica deviata e occulta “P2" (Propaganda 2) del maestro venerabile Licio Gelli, a cui è stato presentato dal giornalista Roberto Gervaso. 
Con la tessera numero "1816", inizierà di lì a poco a ricevere crediti (oltre ogni normalità) dal Monte dei Paschi e dalla Bnl (due banche su cui erano presenti alcuni uomini-chiave affiliati proprio alla P2). 
Quando la loggia massonica viene definita dal governo Spadolini come “eversiva”, Berlusconi insieme a Marcello Dell’Utri, fonda Publitalia 80, la concessionaria pubblicitarie per le reti tv...
Nel 1982, acquista l’emittente televisiva Italia 1 dall'editore Edilio Rusconi e dopo solo due anni acquista l’emittente Rete 4 dalla Mondadori: è diventato titolare di tre network televisivi nazionali ed entra in concorrenza diretta con la Rai!!!
A seguito di ciò, tre pretori, di Torino, Pescara e Roma, sequestrano gli impianti, che consentono le trasmissioni illegali di programmi in “interconnessione”, cioè in contemporanea su tutto il territorio nazionale...
Ecco quindi che l'amico Craxi vara un decreto con urgenza (è il primo “decreto Berlusconi”) per legalizzare una condizione illegale!!!
Ma il decreto non viene convertito in legge in quanto incostituzionale...
Allora Craxi ne vara un altro (il secondo “decreto Berlusconi”), minacciando tutti i partiti alleati di andare alle elezioni anticipate in caso di nuova bocciatura del decreto, ed ecco quindi che nel febbraio dell'85' il decreto sarà approvato, dopo che il governo avrà posto la questione di fiducia...
Nel 1985 Berlusconi divorzia da Carla Dell’Oglio e ufficializza il legame con Veronica Lario, che gli darà altri due figli: Eleonora (1986) e Luigi (1988).
La cosa interessante e che a ufficializzare il rito civile sia (nel 1990) il sindaco socialista di Milano Paolo Pillitteri (cognato di Craxi) e i testimoni degli sposi sono, Bettino e Anna Craxi, Confalonieri e Gianni Letta!!!
Nel 1986, Berlusconi acquista il Milan Calcio e prova ad acquisire la società francese televisiva "La Cinq": l'operazione non andrà in porto, sarà Jacques Chirac a cacciarlo dal suolo francese, definendolo “venditore di minestre”!!!
Nel 1988, il governo De Mita, annuncia la legge Mammì sul sistema radiotelevisivo che verrà approvata nel 1190: in pratica blocca il sistema "Rai-Fininvest", senza imporre al Cavaliere alcuna garanzia antitrust. 
Berlusconi acquista la Standa e inizia una lunga battaglia con De Benedetti per il controllo della Mondadori, la prima casa editrice che controlla quotidiani (La Repubblica e 13 giornali locali), settimanali (Panorama, Espresso, Epoca) e tutto il settore libri. 
Grazie a una sentenza del giudice Vittorio Metta, che il tribunale di Milano riterrà poi comprata con tangenti dall'Avvocato Previti (per c/ di Berlusconi), il Cavaliere strappa la Mondadori al suo concorrente. Una successiva mediazione politica porterà poi alla restituzione a De Benedetti almeno di Repubblica, Espresso e giornali locali. Tutto il resto rimarrà a Berlusconi...
Berlusconi amplia le proprie televisioni con "Telepiù" mentre dovrà rinunciare personalmente al quotidiano  "Il Giornale di  Mondadori, che verrà girato nello stesso anno al fratello Paolo...
Inizia Tangentopoli e molti dei suoi amici sono costretti a scappare, ed allora, siamo nel 1994 entra direttamente in politica, fondando il partito di Forza Italia, con il quale vince le elezioni politiche del 27 marzo alla guida del Polo delle Libertà, diventando presidente del Consiglio. 
Il 21 novembre viene coinvolto nell'inchiesta sulle tangenti alla Guardia di Finanza e l'indomani è costretto a dimettersi, per la mozione di sfiducia della Lega Nord, che non condivide più la sua politica sociale e preme per la risoluzione del conflitto d’interessi...
Nel 1996, il "Cavaliere" è indagato per storie di mafia, falso in bilancio, frode fiscali e soprattutto corruzione giudiziaria insieme a Previti...
Si ricandiderà alle elezioni politiche, ma perderà a scapito del centrosinistra (Ulivo), capitanato da Romano Prodi. 
Trascorrerà 5 anni all'opposizione, alle prese con una serie di inchieste giudiziarie e di processi, conclusi con diverse condanne in primo grado, poi trasformate in prescrizioni (raramente... in assoluzioni in appello e in Cassazione!!!).
Nel 2001 ritorna con la "Casa delle Libertà" e il 15 maggio vince le elezioni e torna alla presidenza del Consiglio... seguiranno altri due governi nel 2005 e nel 2008...
Su una cosa però il "Cavaliere" ha ragione: dal 2011 ad oggi, subentreranno una serie di governi illegittimi, in quanto mai votati da noi cittadini e precisamente, il governo Monti, Letta, Renzi e per ultimo quello attuale con Paolo Gentiloni, Presidente del Consiglio!!!
Li hanno definiti "governi tecnici" e sono stati compiuti grazie all'ausilio dell'ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano...
La storia un giorno racconterà di questo paese... dei quelle scelte non democratiche, ma imposte quasi a modello "colpo di stato"!!!
Ora, pur in attesa della sentenza da parte della Corte europea dei diritti umani di Strasburgo (sentenza che probabilmente giungerà non prima dell'estate 2018...), Berlusconi resta nei fatti "incandidabile" e quindi per l'ex Cavaliere non ci sarebbe alcuna speranza di ritornare in Parlamento e ancor meno al governo...
Ed allora non comprendo perché Egli si presenta oggi a parlare per nome/conto di quel (suo...) partito o ancor più di quella coalizione di centrodestra, che evidenzia al suo interno "alleati" che dimostrano essere totalmente succubi di quel loro interlocutore, nuovi "prestanome" politici, posti lì accucciati come cagnolini, solerti a scodinzolare quella propria coda, dinnanzi al loro padrone!!!
Ma perché meravigliarsi, molti miei connazionali per altro... non fanno ancora oggi lo stesso!!!


Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo