Translate

domenica 8 ottobre 2017

Nello Musumeci: "In politica non è importante solo quel che è... ma anche quel che appare..."


Ieri pomeriggio mi sono recato al porto di Catania, precisamente alla "vecchia dogana" per ascoltare la presentazione del candidato presidente, Nello Musumeci...
Ovviamente non ero stato invitato... anche perché nessuno dei suoi fedelissimi mi aveva comunicato di quell'incontro, difatti, mi ci sono trovato casualmente...
D'altronde, il sottoscritto è uno dei pochi -se non forse l'unico- che ha espresso pubblicamente in questo mio blog, alcune valutazioni discordanti, non certo sulla persona, ma su quella campagna elettorale presentata agli elettori, in particolare sul hastag "#diventeràbellissima" e su quella propaganda pubblicitaria del "pizzo che piace ai siciliani"...
Ma come si dice... pur non avendo tanti  meriti, uno credo di possederlo... ed è quello di essere sempre equo nei miei giudizi o in quelle pronunciate critiche...
Difatti, basti leggere quanto scrivo e si vede come in alcune circostanze il sottoscritto, sia tornato indietro su alcune proprie valutazioni... 
Ecco perché provo sempre a non criticare per faziosità e ancor meno per danneggiare l'immagine di qualcuno per interessi personali o ancor peggio, perché possibilmente "suggerite" da eventuali terzi... 
Quindi, riprendendo da dove avevo iniziato, mi sono presentato per ascoltare quanto aveva da dire, in particolare volevo udire la modalità di scelta che era stata decisa, per i candidati posti all'interno di quella sua liste... 
D'altronde quanto sopra, rappresenta - almeno per il sottoscritto - l'unico obbligatorio criterio di valutazione che condiziona e determina, la preferenza del mio voto!!!
Il sottoscritto difatti, non darebbe mai il suo voto, ad un aspirante deputato che ha dimostrato nel corso degli anni d'essere stato inquisito e quindi condannato per fatti gravi contro lo Stato, oppure, aver avuto tra i propri familiari e/o parenti, indagati in associazioni mafiose!!!
Eppure, la maggior parte dei miei conterranei non possiedono questa coerenza morale... anzi, il più delle volte, sostengono proprio quei soggetti, affinché possano ricevere successivamente chissà... qualche favore personale, un posto di lavoro, una raccomandazione, una protezione, ecc... 
Quindi non mi meraviglio se in questi lunghi anni, siamo stati governati da una serie d'individui che, si sono dimostrati essere affiliati a quella ben nota, associazione criminale...
Già, come non evidenziare quanto emerso sui nominati presidenti di regione, che sorprendentemente a tutt'oggi riescono a dirottare i voti verso propri familiari o quanti danno prova d'essere per loro "prestanome politici", garantendo per essi quelle posizioni (dal momento che non possono personalmente presentarsi), e ricevendo di conseguenza quei voti necessari per vincere la competizione elettorale (grazie a quel sistema che aveva a suo tempo, già sostenuto loro, voti che ora vengono dirottati su questi prestanome...), ma soprattutto, conquistando quegli incarichi importanti, per condizionare questa nostra terra e per consentire a quel sistema mafioso, di continuare a manovrare la nostra economia!!!
Certo, va considerato quanto ha correttamente dichiarato il candidato presidente Musumeci e cioè, che i candidati a quella carica di premier o i nominativi della lista, non vengono scelti dai cittadini, ma da quegli stessi partiti...  
Già, sarebbe bastato ad esempio utilizzare quella semplice espressione democratica delle "primarie" -ciascuno per la propria coalizione- facendo così esprimere direttamente ai cittadini il leader che avrebbe dovuto rappresentare quella coalizione, ed anche il programma con il quale si stava presentando, soprattutto quando vi è una ipotesi di candidatura non proprio convergente... ma alla fine... abbiamo visto come non è stato!!!    
Ecco perché lo stesso candidato presidente ha voluto dichiarare: "Quell'idea che sembrava condivisa da tutti, a metà strada è stata bloccata e si è andati avanti con un "tira e molla" che comunque poi alla fine, ha visto prevalere il senso di responsabilità da parte di tutti"...  
Il sottoscritto difatti su questo punto ha espresso la propria opinione e cioè, che molti di quei suoi alleati, a breve avrebbero fatto un passo indietro, dirottando i propri voti verso altri candidati alla presidenza, cosa che sta già avvenendo e che a breve porterà sicuramente ad altre sorprese...
"Si guardi dai suoi amici... e non si fidi di nessuno": con questa frase mi sono congedato dal candidato Presidente Nello Musumeci, dopo che uscendo dalla sala, stava salutando tutti gli amici e conoscenti intervenuti e passando accanto al sottoscritto, con squisita gentilezza, mi aveva stretto la mano...
A quel punto ho dovuto esternare quanto sentivo: "la ringrazio, ma sa... io sono la stessa persona che pubblicamente l'ha criticata..." egli sorpreso da quella mi frase, si è fermato e tornato indietro mi ha chiesto "in quale occasione"  ho risposto "attraverso il mio blog... su quella pubblicità del pizzo"...
"Ah, si... so bene chi è...", l'ho ovviamente salutato, augurando ad egli: "buona competizione"...  
Per altro, lo stesso candidato del "centro-destra" aveva dichiarato alcuni minuti prima: "con trecento nostri candidati in lista, su cinque liste... non so nemmeno chi c'è fra i candidati delle nostre liste e forse è meglio che per qualche giorno non lo sappia... però una cosa è vera, mai, mai era stato posto il tema delle "liste pulite", mai... ora ne parlano tutti in questi giorni (il sottoscritto ne parla da sempre...), ma un mese fa, sono stato io a porre il tema... e lo fatto consapevole dell'esperienza maturata da cui da parlamentare della Commissione parlamentare antimafia siciliana, ed Angelo Attaguile, per la sua competenza di Segretario nella Commissione nazionale Antimafia, ha detto quello che doveva dire"... 
Su questo punto, mi permetto di esprimere un plauso al discorso pronunciato dall'On. Attaguile, che ha saputo manifestare pubblicamente con vigore, tutta la propria divergenza verso quei soggetti che sono stati... anche soltanto in odor di mafia, promuovendo altresì, a tutti i componenti all'interno di quel partito "Noi con Salvini", un protocollo di legalità ed un codice etico, che esclude chiunque sia stato legato in precedenza ad altri partiti politici, ma soprattutto che si sia trovato coinvolto, direttamente o indirettamente, in vicende giudiziari penalmente gravi...
Le "liste pulite" d'altronde... dice bene Musumeci, non si riferiscono alla rilevanza penale, "perché chi è candidato, è già in regola con le leggi dello Stato, perché la legge dello Stato stabilisce quali sono i limiti della candidabilità, elegibililità, e incompatibilità precisando i limiti di decandenza"!!!
Quando si parla impropriamente forse di "liste pulite" ci si riferisce all'aspetto etico, alla opportunità politica che una persona sia in lista in quel determinato partito, per ragioni che prescindono spesso da cui accennavo o dalla propria finalità, perché "in politica non è importante solo quel che è... ma anche quel che appare..."!!!
Ha detto bene Musumeci: "io ho lanciato questo grido d'allarme... e chi le fa le liste??? Non il candidato presidente, ma li fanno i partiti, le forze politiche ed io confidavo nel senso di responsabilità di tutte le forze politiche... pensate che, la mia dedica di usare il nome, io l'ho firmata quindici giorni fa... quindi... e ancora oggi, io non conosco le liste, avrei potuto prenderne visione ieri, soltanto mezz'ora, un'ora prima della presentazione... 
La cosa assurda è che mentre l'On. Musumeci esponeva quel suo pensiero (il sottoscritto stava registrando con il proprio cellulare la riunione, per farne il post che state leggendo...), ho assistito ad un episodio curioso: un collega di quella coalizione (sì... so che vorreste sapere di chi si tratta, ma non posso dirlo, almeno non in questa sede... ovviamente se verrò chiamato dal candidato presidente, gli faro ascoltare quella voce...) rivolgendosi ad un amico accanto, gli ha detto: "ma cosa sta dicendo... non è questo il taglio che deve, non deve parlare così...  il fatto che stia sottolineando questa cosa... no... non è giusto... e se ne andato incazz...!!!  
Quindi da ciò comprenderete come a volte... "nessuno è profeta nella propria patria" e sono questi i motivi che mi hanno spinto alcuni giorni fa, a scrivere al candidato presidente del centro-destra: "dagli amici mi guardi Dio, che dai nemici mi guardo io...", perché ho motivo di credere che alla fine saranno in molti a tradirlo... 
Per gli stessi motivi, non mi sono scandalizzato nell'aver letto ieri, l'articolo pubblicato on-line dalla Repubblica:  http://palermo.repubblica.it/politica/2017/10/07/news/condannati_indagati_e_sotto_processo_tutti_in_lista_i_candidati_indesiderati_-177608336/
Perché esso fa comprenderete come il più delle volte, certe notizie evidenziate dai media, servono principalmente a diffondere messaggi "ostili", per avversare il politico che si desidera contrastare...
Se difatti leggerete quell'articolo, comprenderete come in quella nota, si manifesti sin dalla scelta dell'immagine di copertina, la volontà di colpire il candidato presidente del centro-destra...
Si osservi infatti quella foto: si vede l'On. Musumeci in un atteggiamento quasi "imbarazzato" (certamente chissà in quale contesto è stata realizzata...), ma serve a far imprimere ai lettori, quel proprio disagio...
Come dicevo sopra, sembra che l'articolo faccia i nomi di tutti quei "Condannati, indagati e sotto processo: tutti in lista i candidati "indesiderati"guardate tutti gli esponenti di quei partiti colpiti...", ed invece no... sembrerà strano ma di un partito non si parla affatto, anzi, non si accenna minimamente ad esso...
Ecco, abbiamo scoperto chi è il "mandante"... d'altronde sappiamo bene a chi appartiene il quotidiano "La Repubblica" e da quali colori è sovvenzionato!!!
Quindi se pur riconosco a quel quotidiano il merito d'aver fatto emergere con quell'articolo certamente nomi scomodi, dall'altro, avrei preferito leggere un'esposizione più "irreprensibile e onesta intellettualmente", senza dover assistere -per l'ennesima volta- a quella propaganda politica, utilizzata nei paesi a modello "comunista"!!!

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo