Translate

sabato 30 settembre 2017

5 Novembre 2017: "Il giorno delle civette"!!!

Si chiamano liste "civette" e rappresentano politicamente quanto di più perfido può avvenire - durante una tornata elettorale - a chi malauguratamente, s'imbatte in esse...
Queste liste elettorali, sono elaborate (in maniera celata e magari anche attraverso accordi “sottobanco” definiti con l'avversario), non per vincere la competizione o per sostenere il proprio candidato, ma per "drenare" quei voti e farlo così... perdere!!! 
Lo stesso Mussolini ad esempio, adottò questo tipo di liste; difatti, alle elezioni del 1924 usò queste per nascondere il partito fascista sotto altri nomi, per potersi successivamente appropriare di quei pochi seggi rimasti ancora a disposizione delle opposizioni...
Oggi quindi ho la convinzione che si stanno formando delle "liste civette" o meglio di disturbo...  con simboli e denominazioni diverse da quelle della coalizione principale, il tutto per sottrarre voti a quel proprio raggruppamento e indirizzarle all'ultimo minuto, verso le forze d'opposizioni...
Quanto sopra riportato, mi sembra che stia per accadere nella coalizione del Centro-destra, capeggiata da Nello Musumeci... dove taluni suoi alleati confermano di appoggiare quella sua candidatura alla presidenza della Regione... ma di fatto, qualcuno sta boicottando quelle votazioni (senza fare nomi...) creando future alternative... 
D'altronde non è una novità... è già accaduto 5 anni fa, dove alcuni "traditori" di quella coalizione di centro-destra, sono passati improvvisamente con l'opposizione, portando a vincere il candidato del Pd, Rosario Crocetta... 
Oggi infatti, quello stesso posto di governatore è ancora ambito dal centrosinistra, in particolare proprio da quel partito del segretario Renzi, che sta sostenendo il Prof. Fabrizio Micari...
Ma non è il solo partito ad appoggiarlo, anche altre liste indipendenti si sono fatte avanti... vedasi ad esempio il "P.S.I." del segretario regionale Nino Oddo o "Sicilia Futura" del presidente Totò Cardinale a cui vanno sommate molte liste civiche, che hanno conseguito in Sicilia nelle ultime Amministrative, risultati interessanti di grande solidità e prospettiva...
Certamente una vittoria del centro-sinistra è alquanto difficile, ma pur di contrastare quel M5Stelle di Cancelleri, sono in molti a coalizzarsi con quell'unico obbiettivo, che deve portare a non far vincere le elezioni ai grillini, dati ancora oggi in molti sondaggi... vincenti!!!  
Ecco perché non sarà semplice per Musumeci, tenere coeso quel suo gruppo, perché in molti - prevedendo anche una sua possibile sconfitta - stanno dirottando una parte del proprio elettorale verso l'altro schieramento d'opposizione, cercano così di garantirsi anticipatamente una poltrona, in entrambi le coalizioni...
D'altronde, tutto ormai si gioca sulle liste o meglio, sui soggetti chiamati a rappresentare quella coalizione e poca importanza dimostrano avere gli elettori per il pensiero politico... o sul tipo di società a cui ambire, oppure, cosa intendere per agire politico e valutare di conseguenza i rapporti che investono la politica, negli ambiti della vita comune...
Le persone chiamate al voto non si chiedono nulla di quanto sopra!!!
La preferenza è fatta esclusivamente sulla persona, sull'eventuale possibilità di ricevere in cambio un qualche favore personale, il voto è di fatto "clientelismo" e non c'è nessuno tra i cittadini che sappia dire con coraggio a quel candidato: io non ti voto!!!
Ciò che accadrà il 5 Novembre è una vera e propria "messa in scena" di quanto l'elezione è già stata pianificata e simulata; chissà se quel giorno assisteremo alla cocente delusione di qualcuno, che già sin d'ora, si sente vincitore...
Voler credere che si andrà a votare in maniera democratica è qualcosa di falso: i voti sono già stati promessi e di vero in questa campagna elettorale non vi è nulla, perché tutto è stato deciso a monte, con la designazione dei vincitori e dei vinti!!!
I sondaggi...??? Lasciateli perdere, in Sicilia non hanno mai contato nulla!!!

venerdì 29 settembre 2017

Grazie Vittorio... hai fatto la cosa giusta!!!

Dando seguito alla lettera aperta (da "Siciliano Libero") inviata a mezzo email al Prof. Vittorio Sgarbi e pubblicata in questo mio Blog alcuni giorni fa, sono veramente felice di avere appreso stamani, dal quotidiano La Sicilia, della sua rinuncia alla candidature di presidente della nostra regione...
Nell'articolo si evidenzia inoltre la possibilità che Egli possa diventare assessore ai Beni culturali, sempre nell'eventualità che... diventi presidente Nello Musumeci.
Certamente un vero peccato per il neonato movimento "Rinascimento" a cui in molti speravano, visto quale "quarto polo" di questa competizione elettorale, ma bisogna riconoscere altresì che i tempi erano ridotti al minimo, e dispiace vedere il progetto "MIR" arenarsi, perché rappresentava davvero qualcosa di unico e interessante...
Sono profondamente compiaciuto di ascoltare dalle parole del Prof. quanto dichiarato dal candidato Musumeci, sulla volontà di voler contribuire alla promozione del nostro patrimonio culturale...
D'altronde era l'unico motivo d'interesse per il sottoscritto, anche perché sono pochi i soggetti che potrebbero rappresentare con grande passione i nostri capolavori...
Certo, mi auguro che questa eventuale possibilità, non finisca in maniera eguale a quanto già accaduto con il governatore prossimo a scadenza, Rosario Crocetta, che decise di revocare l'incarico ai due assessori "immagine" della giunta che doveva cambiare la Sicilia: Battiato e Zichichi!!!
Infatti il vero problema oggi, per il candidato di centro-destra è rappresentato da tutti coloro che lo stanno sostenendo e che ovviamente vogliono una poltrona di assessore... senza poi averne i requisiti e ancor meno i meriti!!!
L'importante come ripeto sempre, per molti di essi... è sedersi!!! 
Quanto poi siano capaci (e si è visto in tutti questi anni...) è tutt'altro discorso, anzi non ha alcuna importanza...  
Della Sicilia...??? Ma cosa può fregare loro di questa terra... non l'hanno mai amata, hanno soltanto pensato a sfruttarla ed oggi, come ieri, non faranno altro che distruggerla, altro che bellezza, vedrete... come si dice: "ai posteri ardua sentenza"!!!
Comunque, il sottoscritto resta sempre convinto che la vittoria del centro-destra non è così scontata... e non mi meraviglierei che quel giorno, durante le votazioni, possano uscire delle sorprese eclatanti!!! 
Per altro, sono in attesa di vedere pubblicate alcune notizie "shock" che a breve influenzeranno il giudizio finora dato su quello schieramento... ed inoltre, ho quasi la certezza, che all'interno di quel centrodestra, qualcuno stia facendo il doppio gioco, facendo mancare al momento opportuno, quei necessari voti al candidato presidente...   
D'altronde non dimentichiamoci che questa candidatura è stata proprio dal diretto interessato "forzata", perché sapevamo tutti (quantomeno coloro che si interessano di politica...) che vi erano altrettanti nomi "importanti" da proporre: vedasi Stefania Prestigiacomo, Gaetano Armao oppure Roberto LaGalla che in una nota, aveva dichiarato la propria contrarietà: "IdeaSicilia" esprime ancora una volta la sua critica al metodo di lavoro delle principali forze politiche che, attraverso designazioni imposte dall'alto, svelano l’intreccio degli interessi politici nazionali ai quali la Sicilia viene subordinata e penalizzata. Non un’idea programmatica, non una condivisione coerente di obiettivi strategici ma solo sterile ritualità di una politica di fronte alla quale i siciliani restano stupiti e fortemente critici!!! 
Quindi, se pur sono in molti ormai a scommettere che il centro-destra vincerà, io resto ancora perplesso e non darei questa vittoria scontata!!!
Non dimenticatevi inoltre che la vittoria di Nello Musumeci, potrebbe fare saltare i programmi d'ascesa di molti attuali gregari, che vedono in questo uomo (certamente più preparato di loro) un possibile antagonista -non solo- a quella corte di Palazzo D'Orleans... 
Infatti, una parziale disfatta a queste elezioni del centro-destra o quanto meno della mancata nomina a Presidente, da una parte farebbe certamente perdere alcune poltrone già prefissate all'interno di quello schieramento, ma avrebbe quale conseguenza, quella di consentire ad alcuni di essi, d'eliminare - una volta e per tutte - questo scomodo collega "avversario", dalla scena politica regionale e soprattutto nazionale!!!     
Diceva Umberto Eco: Quando i veri nemici sono troppo forti, bisogna pur scegliere dei nemici più deboli...



 , 

giovedì 28 settembre 2017

Finalmente... il "Codice antimafia" diventa legge!!!


Non sembra vero, ma dopo tanto "inutile" discutere, il codice antimafia è diventato legge!!!
Sì... la Camera ha approvato il ddl di modifica al codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione...
Erano presenti in 394 in 28 si sono astenuti (chissà perchè...) mentre gli altri 366 hanno votato...
Certo vedere che soltanto 259 erano favorevoli mentre 107 hanno votato contro, fa comprendere quanta pulizia ci sia ancora da fare, a cominciare proprio da quel palazzo!!!
D'altronde se qualcuno ancora tra essi, preferisce non comprendere quanto sia importante per il nostro paese, contrastare non solo la criminalità organizzata, ma anche tutti quegli uomini dai colletti "grigi", che garantiscono in questo paese, corruzione e collusioni, debbo pensare che forse hanno interessi personali affinché nulla cambi... 
Dopo gli errori gravi commessi dalle nostre istituzioni, nella gestione dei beni sequestrati, con l'adozione di  misure di prevenzione, personali e patrimoniali, che abbiamo visto quanto inconcludenti siano state, si è deciso di cambiare pagina...  
La nuova riforma infatti, punta a velocizzare le misure di prevenzione patrimoniale, rendendo più trasparenti le scelte degli amministratori giudiziari, ridisegnando l'Agenzia per i beni sequestrati e includendo soprattutto - è questa l'importante novità - tutti quei soggetti che si macchiano di reati di corruzioni, circostanza quest'ultima che impegna il governo a rivedere quella nota equiparazione tra mafioso e corrotto...
Rosy Bindi (Presidente della Commissione Antimafia) ha commentato "È un regalo al Paese", mentre il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, ha parlato di una svolta che fornisce in primo luogo trasparenza ed anche nuovi strumenti contro la mafia, garantendo inoltre coloro che sono stati sottoposti a misure di prevenzione. 
Lo stesso ministro ha scritto nella sua pagina social: "Una buona notizia per la lotta alla criminalità organizzata e per lo Stato di diritto; da oggi ci sono più strumenti per combattere la mafia, più trasparenza nella gestione dei beni confiscati, più garanzie per chi è sottoposto a misure di prevenzione". 
Ora, sono tutti soddisfatti, dalle associazioni di legalità, ai sindacati, da quelle organizzazioni antiracket e antiusura, che vedono nell'approvazione della riforma "un atto di responsabilità politica importante, un deciso passo migliorativo nell'azione di prevenzione e di contrasto alle mafie e alla corruzione. Fenomeni che minacciano da troppo tempo la nostra democrazia, la nostra sicurezza e che sottraggono ingenti risorse alla collettività, impedendo uno sviluppo economico e sociale, sano e diffuso, in tutto il nostro Paese". 
Tralascio quanti hanno dimostrato sentimenti di avversione per questo testo, che era stato difatti in tutti modi contrastato sin dal novembre 2015, quando aveva ricevuto alla Camera il suo primo via libera, ed era stato successivamente il 6 luglio bloccato al Senato in seconda lettura... passando definitivamente in terza lettura alla Camera senza subire modifiche, per concludere il suo iter e diventare legge...
I numeri dicono che sono ben 20 mila i beni confiscati alle mafie (tra terreni, aziende e immobili) tramite sequestro preventivo, di cui fanno parte circa 3.000 società...
Un patrimonio immenso di quasi 30 miliardi, ma di cui è stato dimostrato, attraverso quella gestione amministrata ... come oltre il 90% di quelle società, giungono in fallimento!!! 
Per quanto concerne le novità, la legge estende i possibili destinatari di quelle misure di prevenzione, non solo a chi si è prestato a fare il prestanome o aiutando i latitanti di associazioni mafiosa a delinquere, ma inserisce anche tutti coloro che commettono reati contro la pubblica amministrazione, come peculato, corruzione (ma solo nel caso di reato associativo) anche in atti giudiziari e concussione!!!
Ancor più importante è l'applicazione di un ulteriore controllo e cioè l'accertamento del patrimonio dell'autore del reato, soprattutto se questo risulta sproporzionato rispetto al reddito o se il condannato non è in grado giustificare la provenienza di quei beni... 
Per cui, anche se non viene applicato il provvedimento di "confisca", si potrà procedere con l'amministrazione giudiziaria e il controllo giudiziario. 
La confisca diviene obbligatoria anche per alcuni reati, quali quelli ambientali o di auto-riciclaggio, vere e proprie attività dell'ecomafie e della criminalità organizzata...
Il provvedimento si applicherà anche in caso di amnistia, prescrizione o morte, di chi l'ha subita...
L'applicazione delle misure di prevenzione patrimoniali è resa inoltre ancor più celere, prevedendo per questi reati una "trattazione prioritaria"; verranno cioè istituiti nei Tribunali dei capoluogo (sedi di Corte d'Appello), sezioni o collegi specializzati per trattare in via esclusiva tali procedimenti... 
Viene introdotto inoltre, l'Istituto del controllo giudiziario delle aziende in caso di pericolo concreto di infiltrazioni mafiose: controllo previsto per un periodo che va da uno a 3 anni e può essere chiesto volontariamente dalle stesse imprese.
Si passa quindi alla fine di quel clientelismo e parentopoli... 
Viene stabilita una maggiore trasparenza nella scelta degli amministratori giudiziari (che abbiamo visto negli anni, essere stati in molte occasioni, veri e propri prestanome compiacenti di coloro che avevano subito i provvedimenti interdittivi... oppure erano imparentati con i giudici delegati o con quanti facevano parte di quel cerchio magico...), scegliendo coloro che hanno dimostrazione durante la loro esperienza, non solo di avere quelle necessarie e idonee competenze professionali, ma soprattutto, garantire quella necessaria indipendenza morale...
Inoltre è fondamentale che le nomine prevedano la "rotazione negli incarichi", affinché non si determinino quei presupposti di naturale confidenza, per come in questi anni si è visto.. ed è accaduto!!!
Per cui... la nuova norma prevede che l'incarico non potrà essere dato a parenti, né a "conviventi e commensali abituali" del magistrato che lo conferisce.... si cerca di evitare l'ennesima brutta figura, commessa nel Tribunale di Palermo e non solo... 
L'hanno infatti chiamata "norma Saguto", riprendendo il nome dell'ex Presidente della sezione misure di prevenzione del Tribunale del capoluogo siciliano, sospesa e indagata per corruzione... 
Sembra inoltre che il governo è delegato a disciplinare un regime di incompatibilità da estendere ai curatori fallimentari: stop a chi ha parentela, affinità, convivenza o assidua frequentazione con uno qualunque dei magistrati dell'ufficio giudiziario che conferisce l'incarico...
Infine, il problema della gestione e la salvaguardia delle commesse e dei posti di lavoro...
Per favorire la continuità delle aziende sequestrate nasce un fondo da 10 milioni di euro l'anno, per aiutare quelle aziende a proseguire le proprie attività...
Gli imprenditori del settore matureranno, dopo un anno di collaborazione, un diritto di prelazione in caso di vendita o affitto dell'azienda con la possibilità di un supporto tecnico gratuito. 
Grandi novità a breve ci saranno a breve anche sulla segnalazione di banche colluse con la malavita...
A conclusione, viene riorganizzata l'Agenzia Nazionale per i Beni Confiscati.
La sede centrale sarà a Roma e avrà un direttore che si occuperà dell'amministrazione dei beni dopo la confisca di secondo grado; verranno ridefiniti i compiti, potenziata l'attività di acquisizione dati e il ruolo in fase di sequestro con l'obiettivo di consentire un'assegnazione provvisoria di beni e aziende, che l'Agenzia può anche destinare beni e aziende direttamente a enti territoriali e associazioni.
Non sembra vero, ma forse questo nostro Stato ha deciso di cominciare a fare vedere i muscoli ed era ora..., dopo anni e anni trascorsi in maniera sterili (direi per lo più "inconcludenti"...), soprattutto dopo aver fallito nella scelta di quei propri uomini e donne...
Chissà, forse finalmente, grazie a questa norma, possiamo iniziare a credere che in breve tempo, si potrà vedere limitato quel sistema corruttivo e soprattutto quel potere economico/clientelare di quella nota organizzazione criminale!!!

mercoledì 27 settembre 2017

Quale scenario politico si sta preparando per noi Siciliani??? Semplice... dipende da noi!!!


Le elezioni regionali del 5 Novembre, potrebbero segnare per la nostra politica nazionale una netta svolta... 
Quanto sopra dipende principalmente dalle decisioni coraggiose che questo paese avrà nel decidere di cambiare, oppure, se preferirà restare come sempre, a guardare gli eventi che sono gli stessi che da sempre conosce...
Perché alla fine... tutto si racchiude in quella semplice scelta di noi cittadini: Il voto!!!
Non si tratta quindi di voler comprendere oggi, quali prospettive future si potranno avere a seconda o meno di quella "X", perché nessuno tra quei candidati oggi è in condizione di assicurarci nulla... 
E quindi, sarebbe una vera illusione credere che ora, attraverso quel voto, si possa giungere in breve tempo ad una profonda trasformazione di questo sistema sociale, alla modifica di quei rapporti tra la politica e la società civile, con la possibile conseguente crisi di quell'apparato dei partiti, che ha da  sempre condizionato le decisioni di quest'isola...
Lo scenario che in questo momento si presenta in Sicilia, è quello tra il vecchio ed il nuovo, tra un sistema di forze coalizzate opposte, tra centro-destra e centro-sinistra che tenta di vincere ed un movimento penta stellare che da solo cerca, con il sostegno dei cittadini, di ribellarsi a quelle prevaricazioni, che da sempre hanno predominato su questa terra...
D'altronde abbiamo visto in questi anni come il nostro non è un paese che permette al popolo di governare, bensì sono solo alcuni uomini che decidono per tutti... già basti vedere quanto è accaduto negli anni scorsi con i governi Monti... Renzi ed ora Gentiloni, dietro l'occulta regia dei nostri Presidenti Napolitano e Mattarella...
Sono governi che nessuno ha mai votato, d'altronde vorrei chiedere loro: era corretto o no, far esprimere a noi cittadini da chi avremmo voluto essere governati???
Ed invece no... hanno scelto loro per noi, peggio di una dittatura!!!
Poi, quando si tratta di fare decidere chi può vincere e cioè - in maniera molto democratica - chi ha un voto in più rispetto agli altri... ecco che s'ingegnano soluzioni e modifiche istituzionali, affinché il vincitore possa essere, all'indomani delle elezioni, non il partito che rappresenta la maggioranza del paese, ma bensì tutto l'opposto: Una coalizione di minoranza, che attraverso quegli espedienti tecnico/giuridici, si ritrova per come era stato approntato, ad avere la maggioranza parlamentare... 
Hanno pure il coraggio di chiamarla democrazia...
Ma quale democrazia...  la parola "democrazia" deriva dal dal greco antico: δῆμος, démos, "popolo" e κράτος, krátos, "potere"...  etimologicamente significa "governo del popolo", ovvero un sistema di forma di governo in cui il potere viene esercitato dal popolo, tramite rappresentanti liberamente eletti!!!
Ora ditemi rispetto a quanto scritto sopra, quanto c'è di vero??? Nulla... un governo non scelto dal popolo, con rappresentanti seduti in quelle poltrone, decisi dai partiti e mai dagli elettori...  
Ora se questa si chiama democrazia... forse è meglio che rimandiamo tutti i nostri governanti a studiare!!!
Ecco perché le elezioni del 5 novembre potrebbero rappresentare una svolta a livello nazionale... perché oggi è difficile comprendere, ciò che è il vecchio da ciò che è il nuovo, d'altronde osservate bene, in ciascuna di quelle coalizioni si ritrovano una serie di soggetti non facilmente decifrabili, per ciò che sono stati negli anni passati ed ora si rigenerano per ciò che vorrebbero ancora essere... 
Una cosa è certa il centro-sinistra immaginato da Renzi, quantomeno nella nostra regione, verrà sconfitto!!!
Una nuova sinistra sta nascendo... ma ci vuole tempo e le elezioni regionali sono troppo vicine, affinché i cittadini possano comprenderne appieno, quelle certamente valide ragioni su cui oggi si pone quel loro programma...  
Per cui, con la sconfitta di quel centro & sinistra insieme... ciò che resta è un movimento di centro e destra sempre più in crescita, che segue l'andamento delle elezioni europee, dove il centro destra ha vinto... e dove il voto di protesta è stato assorbito da quei partiti nazionalisti di estrema destra...
Anche nel nostro paese c'è una forte ripresa di quei partiti nazionalisti, ritornati dopo essere stati per troppo tempo inglobati in quelle coalizioni di centro-destra, che hanno negli anni fatto disperdere i voti di quel MSI a seguito anche di quelle inchieste giudiziarie (apologia al fascismo) che hanno coinvolto anche l'allora leader Almirante... 
Già quegli elettori, si sono sempre più allontanati, in particolare dopo che le coalizioni, Fronte della Gioventù -Movimento Sociale Italiano e Destra Nazionale sono state riunite nel 1995 sotto il nome di Alleanza Nazionale, dall'allora presidente Gianfranco Fini... e soprattutto dopo che nel 2008 promuoverà lo scioglimento degli stessi, per aderire in quel nuovo partito di centrodestra, fondato insieme a Silvio Berlusconi, chiamato "Il Popolo della Libertà" (tralascio in questa sede, le vicende giudiziarie che hanno coinvolto entrambi in questi lunghi anni...)!!! 
Oggi, una parte di quella destra (Fiamma Tricolore e Forza Nuova) sta rinascendo in Sicilia con una coalizione denominata: Fronte dei Siciliani... 
Infine, ma non certo per importanza... l'unico partito che corre da solo, quel M5Stelle dato oggi, secondo i sondaggi, dopo la coalizione di Nello Musumeci...  
Come avrete avuto modo di vedere, la campagna elettorale si sta svolgendo non sui programmi, ma sul protagonismo dei sui candidati, che tentano in tutti i modi di valorizzare quegli elementi comuni all'interno della propria coalizione e cercano in ogni modo, di soffocare quelle contraddizioni interne causate principalmente da quel proprio carattere disomogeneo... 
D'altronde, quando si mettono insieme schieramenti cosi disuguali, conservatori e moderni, aggressivi e moderati, tradizionalisti e progressisti, ecco che diventa arduo per chiunque riuscire a tenere unita una coalizione (se non fosse per quella stabilita suddivisione delle poltrone... ci sarebbe veramente da ridere...), ed ancor più difficile ovviamente diventa per noi cittadini, comprendere alla fine, quale movimento scegliere!!! 
Infatti, come si può far finta di decidere "liberamente", quando ciascuno di noi sa bene cosa vi sia all'interno di quei contenitori (chiamate coalizioni...) e quanto fastidiosi sono, alcuni di quei soggetti che restando "camuffati", muovono le file di quel raggruppamento...
Del resto (rivolgendomi ai miei conterranei...), se quanto sopra non vi da alcun fastidio, significa che anche a Voi piace essere come quei "pisciabrodi": Soggetti che hanno l'abitudine di scrutare sempre avanti e di non vedere mai quanto accade intorno a loro; già, si evita così facendo... di restare personalmente coinvolti!!!



martedì 26 settembre 2017

Lettera aperta da un "Siciliano libero" a Vittorio Sgarbi...


Caro Vittorio, sì... so bene che dovrei chiamarti "Professore" ma per questa volta perdona quest'eccesso di confidenza e consentimi quindi di sottrarre un po' di quel divario...
Quanto sto per esprimere d'altronde, rappresenta il pensiero di un semplice cittadino, che desidera esclusivamente il meglio per la propria terra e che vuole quindi usufruire del miglior Prof. Vittorio Sgarbi...
Vorrei cioè ottenere a proprio vantaggio o per meglio dire, a vantaggio di tutti i miei conterranei, l'uomo di cultura, la persona meritevole e capace, che ha saputo dimostrare esser per quest'isola -nelle circostanze in cui è stato chiamato- professionale.
Sono state situazioni che hanno evidenziato, non solo quelle sue competenze...  ma hanno permesso a quelle nostre meraviglie, di poter essere apprezzate dal mondo intero... 
Ecco quindi il perché chiedo oggi a Lei, d'abbandonare quella competizione regionale in corso, allontanando da se quell'infausta idea di diventare presidente della nostra regione, ruolo che certamente non è consono alla sua persona, poiché non premierebbe in alcun modo quel suo ingegno...
Lei d'altronde incarna in se valori come bravura, competenza e preparazione, che certamente poco si addicono ad una veste politica... che dimostra essere predisposta al clientelismo e mai alla meritocrazia!!!   
Dimenticavo, ma solo perché ritenevo superfluo doverlo rimarcare...
Lei è soprattutto una persona perbene e onesta, lontano da molti suoi colleghi, come per esempio alcuni titolari di cattedre di atenei italiani, che hanno dimostrato proprio in queste ore (mi riferisco ai 59 colleghi professori universitari indagati) non solo d'esser corrotti, ma di di aver manipolato quelle procedure di Abilitazione all'insegnamento...
Comprendo quindi, quanto sia difficile per Lei rinunciare a quella candidatura, in particolare viste le richieste pressanti di molti amici siciliani, che vorrebbero averla Presidente, per vedere questa terra finalmente libera da compromessi e soprattutto lontana da quella politica condotta attraverso accordi sottobanco e promesse varie...
Ma Lei, oggi, non ha alcun motivo di dover scendere in campo, quantomeno non in questo confusionario momento...
Perché se da un lato è vero che la Sicilia ha necessità di avere un uomo moralmente retto, dall'altro è auspicabile, per poter valorizzare quello stesso uomo, puntare su ragioni certamente più valide...
Mi riferisco alla promozione del nostro patrimonio naturale, artistico e culturale, ed a quanto offre in bellezza la nostra isola... 
Una regione che può diventare, grazie al turismo, veicolo trainante della nostra economia, attraverso innovative politiche di sviluppo e mirati programmi d'intervento che permettano l'ingresso di investimenti esteri, affinché si soddisfino tutte quelle richieste, sia nazionali che provenienti dal mondo intero...
Oggi quelle esigenze chiedono sempre più d'implementare e migliorare quei servizi essenziali, che vanno dalle infrastrutture alle strutture alberghiere, dai villaggi turistici ai bed & breakfast, passando per le case vacanze, gli agriturismi, i lidi, le strutture di enogastronomia, ristorazione, per concludersi infine con le visite guidate, presso le nostre città, musei e patrimoni archeologici...
Spero veramente di cuore che questa mia missiva, la dissuada dal continuare con quel meditato e valido percorso politico, che certamente a breve Lei potrà nuovamente riprendere (insieme ai suoi amici/conoscenti e collaboratori...), in quanto prototipo positivo di quei valori tanto voluti dai cittadini di questo paese, che oggi manifestano in maniera inefficace - esprimendo quel voto di astensione o di protesta- considerando quel espediente, l'unico modo di contrasto ad una politica sterile, che disattende quotidianamente ogni loro esigenza...
Certo, sono cosciente che questa mia richiesta Le farà perdere oggi un'importante battaglia... ma come diceva Isidor Feinstein Stone: "Il solo tipo di battaglie degne di essere combattute sono quelle che andrai a perdere, perché qualcuno deve combatterle e perderle... e perderle... e perderle... fino a che un giorno qualcuno che crede come tu stai credendo... le vince!!!
Ci rivediamo quindi alle prossime competizioni nazionali...

lunedì 25 settembre 2017

C'era una volta un ponte per giungere all'Ars...

"Potevamo stupirvi con effetti speciali"... iniziava con queste parole, una nota pubblicità di televisori... ed oggi, quegli attori sono stati sostituiti dai nostri attuali politici...
Ho sentito ieri dire dal senatore di Forza Italia, Renato Schifani,: "con la vittoria del Centrodestra in Sicilia, ripartirà insieme con il futuro governo regionale, guidato da Nello Musumeci, anche il progetto del Ponte sullo Stretto di Messina”... 
Incredibile come questa vana speranza del ponte, torni quotidianamente ad illudere e ingannare le menti di quei siciliani creduloni...  
"Bisogna ripartire da da questa grande opera, fondamentale per il rilancio della Sicilia e della città metropolitana di Messina e, vincendo a Roma e in questa regione, finalmente la realizzeremo”.
BRAVO... BRAVISSIMO... MERAVIGLIOSO...!!! 
Io veramente resto senza parole, quando ho il piacere di ascoltare degli abili esperti d'infrastruttura, soggetti competenti e preparati, top manager in project financing, ferrati soprattutto in ciò che rappresenta per la nostra economia ed il nostro bilancio, la realizzazione di un'opera come questa... 
D'altronde un paese come il nostro, che sta attraversando un momento così felice finanziariamente, eccellente sotto il profilo produttivo, con investimenti regolari provenienti dall'estero per miliardi e miliardi di euro, già, cosa sarà mai per noi, costruire quest'opera faraonica... un piccolo ponte di speranza, sospeso tra la penisola e la nostra isola???
Che grande paese è il nostro, che uomini meravigliosi questi nostri governanti, mi sento veramente fiero di potermi raffigurare in loro!!!
Già... sapete che vi dico, comincio a festeggiare, apro una delle mie migliori bottiglie e brindo alla fine di questa competizione elettorale, affinché si diano subito inizio i lavori sul ponte...
Per altro, questo ponte si sa... è fondamentale per dare soluzione alle richieste di noi cittadini, ai loro bisogni occupazionali... (ci stanno raccontando quanto compiuto a suo tempo, con la costruzione delle raffinerie...),  sono queste le cose importanti di cui ha bisogno la nostra comunità...
Mi piacciono inoltre quelle campagne propagandiste che dicono: "Basta con i voti di protesta, basta con quel M5Stelle.... non fanno altro che lamentarsi: noi siamo stati il passato, il presente e saremo il futuro!!!
Infatti, come dimenticare l'impegno profuso negli anni scorsi per questa loro terra, tutti quei 61 deputati siciliani posti lì a Roma per difendere le nostre esigenze, altro che semplice caccia delle poltrone, altro che ricerca d'incarichi di governo, la loro è stata una missione, compiuta ogni giorno con passione e dedizione, un impegno politico trasmesso da padre a figlio... ed ora ai nipoti.
Quando si dice che in Sicilia "a famigghia... veni prima ri tuttu"!!!
Che persone stupende, gente che ama la propria terra più di ogni altra cosa,  persone oneste che fanno di questa loro virtù un esempio da trasmettere alla politica, un modo per poter star vicino alla propria gente e fare in modo che questa terra, continui ad essere ciò che da sempre è... e continua ad essere: una delle regioni maggiormente eccellenti di questo nostro Paese!!!
Sì... scusate, ma stasera ero in vena di "sparare minchiate", d'altra parte... mi adeguo ai nostri politici!!!

domenica 24 settembre 2017

Bisogna crederci, chi ci crede supera ogni ostacolo e chi ci crede... vince!!!

Il Cavaliere è gasato... 
Carica i suoi uomini (che parola orribile "suoi"... mi sentirei -se fossi al loro posto- "meschino" e non come persona ma proprio come uomo...) per le prossime regionali, dichiarando... "Prevediamo una grande vittoria"!!!
Aggiunge... "Bisogna crederci, chi ci crede supera ogni ostacolo, chi ci crede vince" ed il sottoscritto difatti vorrebbe credere nel coraggio dei siciliani, già, in quel voler cambiare una volta e per tutte, questo nostro sistema clientelare...
Non dico per chi votare... non chiedo d'indirizzare quella loro scelta verso un partito... desidero soltanto avere la certezza che ciascuno di loro, abbia votato con estrema libertà, senza alcuna coercizioni e soprattutto senza aver dovuto barattare quel proprio voto per una eventuale promessa...
Al sottoscritto non interessa quale Presidente dell'Ars vinvcerà oppure quale di quei candidati sia giusto promuovere, l'importante è non sentire lamentare nessuno... nei prossimi cinque anni...
Sì perché... cari miei conterranei, io vi conosco bene... parlate sempre, anzi forse anche troppo, ma quando si tratta di metterci la faccia, ma che dico la firma (su un qualunque foglio, in particolare se legale...), ecco che all'improvviso, ci si volatilizza... 
Di contro, quando c'è qualcosa che può condurre a vantaggi personali e/o economici, eccoli lì... pronti a metterci il proprio nome e cognome!!!
Sono d'accordo con l'ex premier, quando parlando della prossima stagione politica, dice: "Ci troviamo davanti a un anno importante, in cui tra regionali e politiche si deciderà il futuro dell'Italia"!!!
Infatti, ecco perché diventa fondamentale decidere bene, perché probabilmente questa potrebbe essere l'ultima volta che andremo a votare... 
Già, continuando così, ci potrebbe essere un vero e proprio ritorno al passato... dove la parola "democrazia", verrà ricordata dai posteri come qualcosa di fantastico, non più reale... sì, sembra una follia, ma un potere autocratico potrebbe a breve imporsi su noi cittadini...
Basti guardare cosa sta accadendo in Europa... 
Le forze di estrema destra e/o sinistra, stanno guadagnando sempre più seggi, rappresentando in questo momento la terza forza politica di alcune nazioni europee, dimostrando ampi margini di miglioramento...
I dati infatti emersi, mostrano come questi partiti indipendentisti, sono costantemente in aumento, ma soprattutto che quei valori nazionalisti stanno prevalendo su quelli europei, con sentimenti xenofobi e razzisti sempre più in evidenza...
Oggi quindi...anche un semplice voto regionale, diventa importante, in particolare viste le gravi incognite e le preoccupazioni che i cittadini di quest'isola hanno, a causa dei problemi derivati dall'immigrazione e dai continui sbarchi...
Ecco il perché bisogna crederci... perché chi crede supera ogni ostacolo e soprattutto perché chi ci crede, alla fine vince!!"
Ed allora chiedo ai miei conterranei, come potete pensare di stare lì ad ascoltare ancora quell'anziano (tra pochi giorni) 81'enne... tra l'altro "condannato" (a seguito di una sentenza) e che vuole per di più discutere del futuro di questa mia terra,  presentandosi celato, dietro quei "suoi" uomini... mezzi uomini, ominicchi e quaquaraquà... esponendo quel suo programma politico, da uomo onesto, integro, contribuente leale...
Scusate, ma ho il dubbio di essermi perso vent'anni di storia del nostro paese oppure chissà, mi trovavo forse da tutt'altra parte???
Ciò nonostante... è meglio che mi dedichi a leggere quel libro, come quella ragazza nella foto... sì, riprendo da dove avevo sospeso!!!




sabato 23 settembre 2017

Per favore: "Chiamatemi subito un deputato ed un senatore"!!!

Ho letto alcuni giorni fa di un anziano prete siciliano di una nota località costiera, che trovandosi ormai moribondo in ospedale e sentendo vicino quella sua fine, ha fatto una richiesta ai presenti alquanto singolare... 
Già, ha chiesto ai medici di ricercare in maniera celere, due stimati soggetti... 
In particolare avrebbe desiderato avere al suo capezzale, un deputato ed un senatore.
Ecco quindi che ci si è attivati alla ricerca più vicina di quei soggetti... e appena son stati trovati, è stato chiesto loro di giungere in ospedale il prima possibile, viste le gravi condizioni di salute di quel uomo di chiesa...
Difatti dopo meno di un'ora, le due personalità erano già accanto a quel ecclesiastico prossimo al decesso...
Il prete vedendoli... se pur con poca voce, ha chiesto loro, in maniera commossa, di sedersi su entrambi i lati del letto. 
Era trascorsa all'incirca una mezz'ora, ecco che da quel silenzio, il prete, se pur tremolante, guardando con le lacrime agli occhi, decise di prendere le loro mani... 
Certamente quel gesto improvvisamente compiuto, fece commuovere profondamente il "deputato" e il "senatore"... 
Sì... erano veramente commossi e nello stesso tempo si sentivano fieri, quasi "essenziali" in quel particolare momento... e soprattutto grati d'essere stati chiamati da quel sacerdote, se pur in un avvenimento così doloroso...
Ecco quindi che uno dei due... precisamente il senatore, conquistato da quella significativa circostanza d'angoscia, decise di chiedere qualcosa al prete: 
"Padre, grazie per averci chiamato... ma mi dica, perché ha chiesto di averci al suo fianco e soprattutto perché proprio noi?"
Il prete, se pur dolorante fece uno sforzo e rispose:
"Tutta la mia vita è stata dedicata a Nostro Signore, ed io... come Egli, vorrei finire i miei giorni nello sesso modo...
Ricordate... "Gesù è morto in mezzo a due ladroni ed anch'io... vorrei morire nello stesso modo"!!!

😅😅😅😆😆😆
Perdonatemi... ma non sempre si può essere seri, soprattutto quando si parla di politica o di quei suoi interpreti... 
Meglio scherzarci su... anche perché con loro al potere, si sa... "non ci resta che piangere"!!!

venerdì 22 settembre 2017

Una vita dedicata alla giustizia...

La cittadina è quella di Canicattì, a pochi chilometri d'Agrigento, l'uomo... è Rosario Livatino, di professione... Magistrato!!!  
Sotto casa teneva parcheggiata la sua Ford fiesta amaranto, la stessa con la quale raggiungeva tutte le mattine il suo ufficio presso il tribunale di Agrigento. 
Si era occupato di quella che sarebbe stata a breve la "Tangentopoli siciliana", mettendo a segno numerosi colpi nei confronti della mafia e di quei suoi affiliati, attraverso quell'appena arrivato, strumento della "confisca dei beni"...
Un giovane che aveva dedicato tutta la sua vita alla giustizia... 
Un magistrato incorruttibile che con il suo lavoro aveva messo in luce, quei rapporti ora conosciuti da tutti, tra politica, imprenditoria e mafia...
Un vero e proprio potere economico e sociale, che garantiva equilibri e vantaggi a tutti quei partecipanti...
L'hanno definito il "Giudice ragazzino"... ma la storia evidenzierà un magistrato rigoroso, che lavorava in silenzio, senza suscitare clamori, che cercava di compiere quel proprio dovere,  solo perché semplicemente credeva in ciò che faceva... 
Sconosciuto da quasi tutta l'opinione pubblica, fino al giorno del suo brutale assassinio...
Coraggioso e soprattutto consapevole dei rischi a cui andava incontro, non si è limitato nel procedere contro quanti lo stavano ostacolando in quella sua missione, pur comprendendo la solitudine che si era intorno ad egli generata, a causa di quella decisa battaglia contro cosa-nostra...
Una vita trascorsa dietro le carte processuali, ore e ore passate in quel suo ufficio a comprendere i meccanismi criminali e corruttivi...
La sua, è una vita determinata, che andava dritta all'obiettivo, senza tentennamenti o esitazioni...
Dispiace vedere come questi uomini coraggiosi vengano solitamente ricordati, esclusivamente durante quelle giornate della memoria, che serono principalmente, non tanto per commemorare quegli uomini e quelle donne che hanno dato la loro vita per la nostra patria, ma per svolgere pubbliche manifestazioni propagandistiche, utili per coloro che desiderano mettersi in mostra...
Difatti... come dimenticare cosa disse solo otto mesi dopo la morte del giudice, l'allora presidente della Repubblica Francesco Cossiga, che definì "giudici ragazzini" una serie di magistrati neofiti impegnati nella lotta alla mafia: "Possiamo continuare con questo tabù, che poi significa che ogni ragazzino che ha vinto il concorso ritiene di dover esercitare l'azione penale a diritto e a rovescio, come gli pare e gli piace, senza rispondere a nessuno...? Non è possibile che si creda che un ragazzino, solo perché ha fatto il concorso di diritto romano, sia in grado di condurre indagini complesse contro la mafia e il traffico di droga. Questa è un'autentica sciocchezza!
A questo ragazzino io non gli affiderei nemmeno l'amministrazione di una casa terrena, come si dice in Sardegna, una casa a un piano con una sola finestra, che è anche la porta".
In uno dei suoi appunti c'era scritto: "Quando moriremo, nessuno ci verrà a chiedere quanto siamo stati credenti, ma credibili"...
Vorrei sapere quanti, tra quegli illustri uomini istituzionali (ma potremmo aggiungere anche molti di quelli tutt'ora presenti...), possono dire ad alta voce, di esser stati credibili...
Io una risposta al posto loro l'avrei e di sicuro... non è favorevole!!! 

giovedì 21 settembre 2017

Sicilia: Proviamo a conoscere i candidati alla presidenza della regione.

Il 5 Novembre sapremo chi sarà eletto a nuovo governatore...
Per quanto ne so, i principali pretendenti a quella carica di presidente dovrebbero essere sei e precisamente: Nello Musumeci, Giancarlo Cancelleri, Fabrizio Micari, Roberto La Rosa, Claudio Fava e per ultimo Vittorio Sgarbi (del quale però dichiaro sin d'ora non essere molto convinto di questa sua candidature... comunque per ora, inserirlo non costa nulla...).
La corsa come si sa... è iniziata da un bel pezzo poiché si sa, erano in molti ad ambire a quella poltrona di Palazzo d’Orleans...
Ma come spesso avviene durante una gara... molti di loro si sono dovuti in anticipo ritirare, a causa degli accordi "sottobanco" compiuti tra i principali leader di quegli schieramenti politici, che hanno deciso nella sostanza, quali coalizioni portare avanti e soprattutto, chi dovrà sedere in quell'assemblea regionale!!!
Sono certo che se ci fosse stata una legge, che prevedeva -per ciascuno di loro- nessuna indennità per quel loro ruolo svolto all'interno dell'assemblea regionale, beh, credo che il 99,9% di coloro che oggi stanno duellando, non avrebbero chiesto neppure d'essere inserito in una qualsivoglia lista!!!
Ma si sa, questo è uno dei gravi problemi che assilla la nostra nazione... basti vedere quanto accaduto alcuni giorni fa, dove ben 608 parlamentari di prima nomina, hanno raggiunto quel “fatidico traguardo” dei 4 anni, sei mesi e un giorno di legislatura, per ottenere quello sperato vitalizio...
Pensate veramente che ci possa essere tra loro qualcuno che pensa di accomodarsi in quelle poltrone per il bene di questa terra e nel contempo, dichiari di voler rinunciare ai circa 12.000/euro al mese??? 
Per favore, nell'approfittare della stupidita di molti miei conterranei, che poi sono gli stessi che vi hanno promesso il voto, lasciate almeno a quanti come me "liberi"... di usare la propria intelligenza per valutare i fatti, per come realmente essi sono!!!
Ed allora proviamo a comprendere chi sono questi aspiranti governatori e soprattutto evidenziamo risaltiamo i nomi e/o i partiti/movimenti che in un qualche modo, li sostengono..
Il favorito... a detta di molti è Nello Musumeci, ed è stato scelto da tutto il centrodestra.
Aveva ufficializzato la propria candidatura a governatore con il movimento civico #Diventerà Bellissima, ma soltanto con quei voti, non sarebbe potuto andare da nessuna parte...
Ecco quindi venirgli a sostegno tutti coloro che appartengono a quella coalizione di centrodestra: dal Cavaliere (o meglio da quel suo discente Gianfranco Miccichè) con il partito "Forza Italia", alla Meloni con "Fratelli d’Italia", quindi a seguire "Noi con Salvini" ed ancora “Energie per l’Italia” guidato da Stefano Parisi, Udc e dal CFC (Centro Cristiano Democratico), "Cantiere Popolare" degli amici dell'ex presidente Cuffaro, "MpA" dell'ex presidente Lombardo, "Nuovo CDU", "Movimento Sicilia Nazione" e "IdeaSicilia"...
Come dice il detto... chi più ne ha, più ne metta!!! 
Certo, raggiungere l'accordo non è stato facile... in particolare perché Musumeci ha dovuto mediare con due alte personalità, l'ex rettore di Palermo Roberto Lagalla (legato ai tempi all'ex presidente Cuffaro) e l'Avv. Gaetano Armao, fondatore di quel movimento "Siciliani Indignati", assessore durante il governo  Lombardo...
Quindi Nello Musumeci, dovrebbe rappresentare l'uomo vincente di questa tornata elettorale; ma non bisogna dimenticare che anche nel 2012 si era prefigurata una sua vittoria, che alla fine non c'è stata, risultando sconfitto da quel Rosario Crocetta...
E dire che oggi, proprio tra quei suoi sostenitori, ci sono gli stessi nomi che a suo tempo l'hanno tradito!!!
Quindi,se fossi al suo posto, non dormirei sonni tranquilli.... perché come dice il suo amico di Arcore: chi tradisce una volta, tradisce sempre" !!!
Passiamo al centrosinistra... dopo vari contrasti all'interno del Pd, hanno scelto il loro candidato: Prof. Fabrizio Micari... 
E' dal 2015 rettore dell’Università di Palermo e non possiede alcuna esperienza politica e per concentrarsi su questa campagna elettorale si è messo in congedo... 
Il suo nome è stato scelto personalmente da Matteo Renzi ed è sostenuto oltre che dal "Pd", anche da "Area Popolare", dal Sindaco di Palermo Leoluca Orlando, dai "Centristi per la Sicilia", "Sicilia Futura" con una lista insieme ai socialisti di Riccardo Nencini, "Centro Democratico" di Bruno Tabacci. 
Anche l'attuale governatore Rosario Crocetta, dopo aver annunciato la sua ricandidatura, ha deciso di rinunciare per sostenere (con la lista “Il Megafono”) il prof. Micari...
A seguire questa candidatura c'è anche il ministro degli esteri Angelino Alfano... anche se una parte di quella sua "Alternativa Popolare", sembra portato a sostenere il candidato del centrodestra... 
Già, quest'ultimi non sanno mai che pesci pigliare, ma soprattutto non confermano mai anticipatamente il loro sostegno: sarà che vogliono salire sempre sul carro del vincitore e non volendo sbagliare puntata... stanno lì fino all'ultimo a guardare cosa avviene e poi solo a votazione compiuta... esprimono ufficialmente quel loro sostegno!!!
Passiamo quindi al M5stelle ed al suo candidato, Giancarlo Cancelleri.
Il nomo come sapete è stato scelto tramite primarie sul web, anche se sono emerse in questi giorni alcune contestazioni da parte di altri attivisti dello stesso movimento, che hanno portato il Tribunale di Palermo a deliberare sulla illegittimità di quella unica preferenza...   
Si era già presentato nel 2012 ed era stato battuto e forse questa sua rinomina, potrebbe risultare per quel movimento, un vero e proprio "boomerang"...
Certo, tutti i leader nazionali del movimento di Grillo/Casaleggio hanno trascorso l’estate nell'isola per sostenere il loro candidato, ma soprattutto si sta cercando di ottenere una vittoria schiacciante, affinché sia di traino per le prossime elezioni politiche del 2018.
Il motto di Grillo è infatti: "Prendiamo la Sicilia e vinceremo le nazionali"!!!
Debbo dire che alcuni mesi fa ero convinto che il M5stelle avrebbe vinto queste elezioni...
Oggi insisto nel ritenere che l'ago della bilancia, sia rappresentato dal gruppo "Cuffaro", il quale potrebbe decidere (per fare una semplice scortesia al Cav. & Co.) di non appoggiare Musumeci... ed anche l'eventuale discesa in campo di molti astensionisti, potrebbe modificare le sorti di queste prossime elezioni!!!
"Siciliani Liberi" con questo nome si presenta il candidato l'Avv. Roberto La Rosa... 
Il progetto politico prevede tra i punti programmatici, il sostegno al reddito per i non occupati e le casalinghe, la costituzione di una scuola e di una moneta siciliane, la riappropriazione delle proprie risorse finanziarie, la diminuzione dell'Iva e la defiscalizzazione della benzina, ed ancora, la realizzazione della Zona Economica Speciale per l'intero territorio dell'Isola e l'indipendenza dello Stato di Sicilia con l'intento di uscire dall'Europa e dall'euro!!!
Per la sinistra ecco il nome di Claudio Fava. 
Una parte delle forze politiche di sinistra, hanno deciso di non sostenere il candidato espresso dall'ex presidente del consiglio Matteo Renzi, ed hanno scelto così d'unirsi sotto il nome di Claudio Fava e del suo movimento "I Cento Passi". 
D'altronde questo cognome, rappresenta per la nostra regione qualcosa di cui andare fieri... sapendo quanto, ciascuno di noi, è in debito per quella parte di libertà ricevuta, in cambio purtroppo dell'estremo sacrificio compiuto...   
Già, Claudio è il figlio del giornalista Pippo Fava, ucciso dalla mafia nel 1984 ed è certamente un catanese "doc"... laureato in giurisprudenza ma soprattutto, è vicepresidente della Commissione parlamentare antimafia!!!
Dal 2017 ha aderito al gruppo parlamentare Articolo 1- Mdp. 
La sua candidatura a Presidente della Regione siciliana è appoggiata da gruppo di Bersani "Mdp", Sinistra Italiana, Possibile, Verdi ed altre forze di sinistra come Prc e Pci, Azione Civile, il movimento di Antonio Ingroia.
Ed infine "Rinascimento" del noto critico d'arte, prof. Vittorio Sgarbi...
Credo che stia fingendo, comunque in una sua dichiarazioni ha detto: “corro per vincere"!!!
Non si è inoltre turbato nel rendersi disponibile ad accettare il sostegno dell’ex governatore Cuffaro e del MIR, i "Moderati in rivoluzione" di Giampiero Samorì. 
Alcuni mesi fa, proprio in prospettiva della candidatura di governatore, ha deciso di prendere la propria residenza a Calascibetta, in provincia di Enna. 
Ha già svolto incarichi politici nella nostra regione: è stato difatti eletto Sindaco di Salemi nel 2008 (dimettendosi nel 2012 in seguito alla proposta di scioglimento del Comune per “infiltrazioni mafiose”). 
Si è quindi ricandidato due anni dopo... ma senza successo, mentre nel 2012 aveva corso per la poltrona di primo cittadino a Cefalù, ma arrivò terzo. 
In questi giorni ha fatto conoscere alcuni nominativi di quel suo eventuale esecutivo: Chiambretti, Morgan, Luxuria, ed anche Bruno Contrada, Mario Mori e Valerio Massimo Manfredi...
Provo quindi a indovinare cosa accadrà alle prossime elezioni regionali, considerando una presenza di elettori votanti intorno al 50%...
MUSUMECI tra il 28-34%
MICARI tra il 12-16%
CANCELLERI tra il 26-32%
LA ROSA tra il 4-8%
FAVA tra il 10-14%
SGARBI tra il 2-6%
E' evidente che con questi risultati la vittoria se la contenderanno... il candidato del Centrodestra e quello del M5Stelle!!!
Vedremo il 5 Novembre, come finirà...

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo