Translate

domenica 30 aprile 2017

Ambigui attacchi alla Procura di Catania...


Da alcuni giorni stiamo assistendo ad una disputa, tra il Procuratore di Catania Carmelo Zuccaro e una parte di quella politica, che non vuole esser messa in discussione...
Il caso nazionale è quello delle "Ong", di queste organizzazioni non governative, poste ad emergenza dei migranti, che secondo alcune ipotesi della Procura di Catania, sono finanziate dai trafficanti...
Le dichiarazioni "stranamente", hanno provocato l'intervento sia del ministro della Giustizia Andrea Orlando che di quello dell’Interno Marco Minniti, a cui si sono contrapposti il Vice Presidente della Camera Luigi Di Maio e il responsabile degli Esteri, Angelino Alfano...
E' evidente come gli attacchi "vergognosi" portati contro il Procuratore Zuccaro, non provano a comprendere le situazioni emerse e cioè che forse alcune Ong... hanno avuto contatti con gli scafisti, ma bensì, ciò che si sta cercando di fare, è quello di strumentalizzare la vicenda, per mettere definitivamente un bavaglio, ad una delle Procure d'Italia più importanti, la stessa che sta tentando di portare avanti delle inchieste che sappiamo bene, coinvolgono grosse personalità sia istituzionali, che politiche, imprenditoriali ed in particolare mafiose...
Ed allora, proprio per sviare l'attenzione di quelle indagini, si cercano nuove e diverse presupposizioni, per eliminare o mettere in cattiva luce, quei magistrati incorruttibili, conferendo visibilità a notizie e fatti, di cui soltanto quegli uffici istituzionali, ne conoscono le reali prove... 
Tutto il resto, serve esclusivamente ad alzare un polverone mediatico, sperando, grazie a queste strategie d'attacco, di poter allontanare questa figura onesta e decisiva nel contesto siciliano... 
Mi sembra di rivedere, quanto compiuto alcuni anni fa con il collega Giovanni Salvi, promuovendolo (meritatamente) a Procuratore generale di Roma... ma di fatto, allontanandolo da quelle inchieste "particolari" che stava in prima persona seguendo, insieme ai suoi fidati collaboratori, ed ora, nuovamente riprese dal Procuratore Zuccaro!!!
Vi ricordate Cesare Primo Mori, passato alla storia col soprannome di "Prefetto di ferro", ecco, dopo essersi dedicato -durante quel suo periodo di attività in Sicilia- all'attività di contrasto al fenomeno politico/mafioso, decisero di allontanarlo definitivamente, nominandolo (casualmente) Senatore del Regno...  e solo pochi mesi dopo, posto a riposo "per anzianità di servizio"...
Credo che l'esempio sopra descritto sia perfettamente calzante con quanto sta avvenendo in questa nostra isola... e cioè che quando si comincia a dare fastidio, si determinano tutta una serie di eventi, che fanno sì d'allontanare, l'incomodo di turno...
D'altronde se qualcuno è convinto d'illuderci che, dietro questi migranti, non vi sia celato un vero e proprio business, è meglio che inizi a cambiare strategia...
In questi anni, abbiamo potuto costatare come quei centri di accoglienza straordinaria dei migranti, rifugiati, ecc... dalla nostra provincia di Catania fino a Venezia, passando per Foggia, Crotone e per la Campania, hanno evidenziato, non solo milioni di euro intascati da alcune società di servizi per quella loro gestione, ma soprattutto l'utilizzo di fondi pubblici per molte di quelle cosiddette organizzazioni di volontariato, le quali hanno prodotto migliaia di assunzioni, che a breve vedrete, con le prossime elezioni... si convertiranno in voti!!!
Vorrei terminare con un proverbio, che credo calzi perfettamente, con quanto si sta tentando di compiere in questa nostra città: "Ccà nisciuno è fisso..."!!!

sabato 29 aprile 2017

Ancora morti bianche: d'altronde mancando i controlli e la formazione, cosa si vuol sperare???

Tragedia sulla linea Varna-Bressanone: l'incidente ha causato uno scontro di due treni cantiere, dove uno dei mezzi ha percorso circa 2 km fuori controllo, per poi finire per schiantarsi in modo violento su due operai, che sono deceduti all'istante.
Un Tir piomba su un cantiere stradale e causa due morti: nove feriti sull'autostrada A10.
Sono solo due disgrazie, occorse in questi giorni, che mostrano come sul piano della prevenzione, ci sia ancora tanto lavoro da fare...
Va premesso innanzitutto che uno dei fattori più gravi, è costituito principalmente dalla mancanza dei controlli, a causa, sia del personale fortemente ridotto, che per la riduzione logistica di quelle struttura, limitata negli anni da sempre meno risorse finanziarie...
Da un'analisi difatti è emerso come, solo il  5% delle aziende viene controllato... mentre i restanti, proseguono il più delle volte negli illeciti, con personale non registrato e la cosiddetta "sicurezza" lasciata al caso o alla fortuna...
Difatti, durante quei controlli è emerso come molte aziende, non  avessero mai consegnato ai propri dipendenti i DPI individuali o quelli collettivi e soprattutto, che gli attestati di formazione rilasciati per gli stessi, fossero di fatto falsi...
A parte quindi la truffa, il rischio... è quello di avere personale con patentini specializzati o con attestati di formazione di terza classe, senza che gli stessi, avessero ricevuto adeguate abilità, non avendo mai svolto direttamente sul campo, quelle necessarie prove teoriche e pratiche...
Ecco quindi che alla richiesta di verifica da parte dei committenti (o dei loro responsabili RSPP e/o Coordinatori della sicurezza), sulla consegna dei corsi di formazione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, sia per il personale presente o per quello in fase d'inserimento, ecco che la maggior parte di queste aziende, provvede a falsificare gli attestati o li ottiene pagando da enti non autorizzati anche tramite web...
Ecco quindi i veri motivi per cui molti di quei lavoratori, non essendo abilitati... non sanno prevenire i rischi, ma soprattutto, reagiscono in modo scorretto a quelle situazioni di pericolo...
Le indagini hanno dimostrato come i presunti corsi di formazione, non venivano nella realtà mai svolti, anche perché la maggior parte di quei datori di lavoro, preferivano comprare l'attestato, che non perdere una giornata di lavoro ai propri dipendenti, (giornata... ovviamente retribuita, proprio a causa della presenza obbligatoria di quei corsi...).
Abbiamo visto come d'altronde, proprio nella nostra regione Sicilia, molti di quei corsi di formazione, siano stati realizzati da uomini legati alla politica, per dare modo a loro di creare società fittizie intestandole a prestanome, far girare milioni di euro dalle casse regionali, dare posti di lavoro a familiari e parenti, favorendo amici consulenti che avrebbero successivamente ricambiato il favore, dando quel necessario appoggio alle prossime elezioni...
Un vero e proprio business, favorito dal rapido diffondersi di queste cosiddette strutture parallele, veri e propri concorrenti di quegli Enti Paritetici autorizzati...  
Inoltre, alla limitata verifica di quei controlli, va aggiunta la lentezza della giustizia e le pene irrisorie inflitte a quei datori di lavoro... una volta scoperti, gli stessi che, pagando una semplice ammenda, si sono ritrovati nuovamente liberi dal proseguire per come finora fatto...
Ovviamente con questo sistema "illegale", sono in molti ad averci guadagnato: gli imprenditori che non restavano privi dei propri lavoratori, le società alle quali venivano affidate le formazioni, i loro consulenti... il più delle volte privi di qualsivoglia abilitazione o esperienza personale per compiere quei corsi di formazione e in tutto questo, chi ci ha rimesso come sempre, sono i dipendenti, che non hanno ottenuto alcuna reale abilitazione professionale, se non soltanto un certificato, da utilizzare quale carta straccia...
Nel frattempo come vediamo... i ponteggi crollano, le pratiche di primo soccorso errate causano gravi danni, non solo agli infortunati, ma anche a quegli stessi soccorritori; identica situazione si ripete nei casi d'incendio, con l'errato utilizzo delle vie di esodo o delle uscite d'emergenza ed infine, per quei casi di morte legati a lavori in ambienti confinati o per quelli di alta quota...
I lavoratori... per guadagnarsi un pezzo di pane, lasciano per sempre le proprie famiglie; mariti, padri, figli... restano vittime in questo paese, di quella continua negligenza, sia di chi avrebbe dovuto semplicemente far rispettare le normative previste, che di tutti coloro che avrebbe dovuto quelle regole (in tema di sicurezza) applicarle, ma soprattutto, della mancanza onestà da parte di noi tutti, nel voler mettere in pratica, quegli elementari principi da sempre posseduti (senza l'esigenza di eventuali attestati...), chiamati per l'appunto... moralità!!! 

venerdì 28 aprile 2017

Controlli nelle cave... da parte del "Gruppo interforze"!!!

Si chiama così... ed è composta da rappresentanti della DIA, della Polizia di Stato, dell'Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, della Direzione Territoriale del Lavoro...
Ha quale fine, quello di prevenire le infiltrazioni mafiose all'interno di molte delle nostre cave e/o discariche autorizzate, oggetto tra l'altro, oltre alla semplice estrazione dei materiali di cava, anche alla produzione e/o la vendita di calcestruzzi, di conglomerati bituminosi, di conglomerati cementizi e materiali per l’edilizia in genere....
Gli accessi alle aree di cava di questi giorni, effettuati in collaborazione anche con il personale del Distretto Minerario ed il Settore Territorio e Ambiente, servono a verificare se sono state commessi durante le operazioni previste di scavo, eventuali illeciti o se il personale presente , abbia i necessari requisiti previsti dal CCNL o da quanto previsto dalla normativa sulla sicurezza (D.Lg.vo 81/08 e s.m.i.).
E' cosa risaputa come, il business dei rifiuti e delle discariche, abbia costituito in questi anni, una dei maggiori profitti per le imprese, utili che sono stati successivamente reinvestiti dagli stessi in attività illecite...
Se pensate che sono milioni... gli euro guadagnati attraverso il corretto smaltimento dei rifiuti, immaginatevi a quanto ammonterebbero quegli stessi utili... in quei casi, nei quali, quelle fasi operative, sono state realizzate in maniera truffaldina...
Una grande opportunità, messa in pratica da molte imprese... aiutati dalle esigue verifiche compiute ma soprattutto, per la disponibilità alla collusione di quanti, avrebbero dovuto di fatto controllare!!!
Se considerate che, tra cave abusive e discariche non autorizzate, si giunge a numeri con quattro cifre, si comprende come, c'è ancora oggi molto da fare...
Il tutto come dicevo sopra, si traduce in un lucrosissimo business, quello dello smaltimento illegale, che oltre ad andare a foraggiare quell'organizzazione mafiosa e quei suoi insospettabili imprenditori, crea tutta una serie di pericoli per l'ambiente, le falde acquifere, con evidenti ripercussioni sulla salute, di noi cittadini...
Ecco quindi che ciò che dovrebbe essere riciclato o trattato in quanto tossico prima di essere smaltito, finisce praticamente nel nulla, rifiuti che vengono abbandonati o sepolti all'interno di quelle cave, grotte, ecc... oppure, trasformati o per meglio dire "riciclati", quali sottoprodotti di leganti dei quali diventano componenti... 
D'altronde i certificati di accompagnamento vengono solitamente distrutti oppure falsificati, grazie a un giro di bolle "fantasma" e attraverso formulari di identificazione scambiati, si sottraggono quelle tonnellate ad ogni possibilità di controllo. 
Così può accadere che finiscano in discariche non autorizzate ad accoglierli nella loro veste originaria, e si evita di conseguenza di sottoporli a trattamenti di bonifica, se pur virtualmente risultano effettuati e come si dice... il gioco è fatto!!!
Un giro inesauribile di denaro garantito, con tonnellate di rifiuti che compaiono e scompaiono... 
Miliardi di euro che secondo gli investigatori, vanno ad alimentare quel sistema corruttivo all'interno delle PA, che conferma la presenza costante dei clan mafiosi... capace di individuare, attraverso quei loro osservatori, quali territori utilizzare e con quali comuni operare...
Oltre alla mafia, prosperano anche quelle società che proprio sulla gestione illecita dei rifiuti hanno fondato la loro attività; in quelle loro cave è stato disseminato di tutto... tonnellate e tonnellate di rifiuti tossici, fanghi ed altri veleni inquinati... coperti ora da un terreno vegetale "verdissimo"...
E' ovvio che in questo business sono coinvolti in molti... 
Da quella organizzazione criminale, agli imprenditori collusi, dai colletti bianchi egli amministratori, da quei dirigenti pubblici agli ispettori, per finire con tutti coloro che pur sapendo, hanno partecipato indirettamente (con i loro silenzi omertosi), a quella immane catastrofe...
Chissà, visto anche quanto sta accadendo in questi giorni, inizia a intravedersi la speranza di un qualche cambiamento positivo... 
I prossimi mesi saranno fondamentali, per comprendere quanto questa ripresa di legalità, contrasti definitivamente quanto "illegalmente" è stato in tutti questi anni compiuto, risultando certamente determinante, per eliminare, una volta e per tutte, quel sistema mafioso/imprenditoriale e quei suoi ormai certi, collegamenti e infiltrazioni!!!

giovedì 27 aprile 2017

Perché i cittadini scelgono la politica "guasta", diversamente da quanto compiono correttamente al supermercato???

Mi trovavo alcuni giorni fa, all'interno dell'ufficio di una mia cara amica, Romj...
Stava dialogando al telefono e mi ha fatto cenno di sedermi, quando parlando con il suo interlocutore di politica, gli ha detto: vedi... la politica è come un bene, ciascuno di noi entra al supermercato è sceglie quanto gli necessita...
Ci sono tanti prodotti specifici con marchi diversi, ciascuno di essi possiede un proprio colore, ha una sua precisa forma e soprattutto ha un prezzo diverso da quello degli altri: c'è quello economicamente più vantaggioso ed anche il più caro...
Noi... cosa facciamo, in base alla nostra esperienza scegliamo...
Facciamo uso di quanto fatto in precedenza, proviamo per la prima volta quelli mai usati, ci facciamo influenzare da quella pubblicità vista sui media, ed alla fine... scegliamo, cercando di fare la scelta giusta, in qualità e prezzo!!!
Ed inoltre, prendendo ancora una volta ad esempio quel supermercato, cosa succede se all'improvviso, per un errore commerciale, ci troviamo dinnanzi ad uno scaffale, dove su un lato è posizionato un caffè ad un prezzo e sull'altro lato, lo stesso prodotto ad un prezzo doppio... 
Allora dimmi, noi... cosa facciamo, scegliamo quello più caro...??? Certamente no, prenderemo a pari condizioni quello più vantaggioso!!!
Ecco, questo è l'esempio che volevo fare... ciascuno di noi è capace di saper scegliere liberamente, di mettere in pratica quella propria capacità per comprendere dove indirizzarsi...
Ed allora, perché non fare lo stesso con la politica???
Perché ci si lascia infinocchiare da quei signori che offrono prodotti merceologicamente scaduti... quando si può scegliere qualcosa di prelibato!!!
Perché accontentarsi di quanto ci viene propinato, sapendo che colui che propone di offrirceli, avrà sicuramente secondi fini, se non economici, certamente personali???
Quando viene qualcuno a offrirvi il proprio sostegno... quando senza alcuna nostra richiesta, ci viene manifestata quella generosità mai richiesta, non è che forse ci vuole rifilare qualcosa di guasto o di avariato???
Pensateci... qual'è il loro tornaconto...???
E' qual'è il vostro... recarvi in quella segreteria politica (a mò di supermercato...), per elemosinare un buono o una busta alimentare???
Non vi vergognate di quanto andate compiendo, non sarebbe moralmente più dignitoso dire pubblicamente... io non ho bisogno di nulla, io con voi non ci voglio avere a che fare...!!!
Ecco... ho trovato in quanto diceva molti punti in comune, raffigurava d'altronde quanto avevo cercato di manifestare nel corso della mia vita...
Era una delle motivazioni che mi sono imposto, quello di voler scegliere liberamente... con la mia testa, senza alcuna influenza esterna, svincolato da tessere di partito, anzi, quelle tessere... mi hanno sempre fatto "schifo" ed è il motivo per cui, non ne ho mai... posseduta una!!!
Già le ho da sempre rappresentate come quei prodotti esposti in un supermercato "partitocratico" e cioè... alterati, putridi, decomposti e soprattutto deteriorati!!!
Ed allora, in questi giorni, non dovete pensare che tutto nella politica sia marcio, qualcosa di buono c'è, bisogna soltanto cercare... 
Si tratta di valutare quanto viene offerto, con la propria testa, già... proprio come quando si è al supermercato... 
Vedrete, se ciascuno farà le proprie scelte in maniera "coerente", anche questo nostro paese migliorerà... diversamente, continueremo a ritrovarci ancora una volta dinnanzi a quegli anacronistici e persistenti personaggi scaduti, che proprio come quei prodotti alimentari... restano aggrappati putrefatti a quei loro scaffali!!!

mercoledì 26 aprile 2017

Sempre e "solo"... Fiumefreddo!!!

Ho piacere di riportare quanto condiviso sulla pagina ufficiale di Facebook, da parte dell'Avv. Antonio Fiumefreddo, Amministratore Unico della Società "Riscossione Sicilia".
A differenza di coloro che parlano soltanto, almeno qui c'è qualcuno, che dimostra di battersi per questa sua (e nostra...) terra, in particolare, sull'ingiustizia che si stava compiendo ai nostri danni, sia sotto il profilo medico-sanitario, che su quello economico, derivante dalla proposta di detassazione delle piattaforme petrolifere, eccovi il testo:

Sulle piattaforme petrolifere abbiamo vinto... 
Il Governo ha ritirato la detassazione. Ma è stata una battaglia in solitudine. 
Unica a rispondermi il ministro Anna Finocchiaro, che ringrazio. 
Ecco la lettera che avevo inviato a Gentiloni:

Alla cortese attenzione del
Presidente del Consiglio dei Ministri
On. Dr. Paolo GENTILONI Palazzo Chigi
ROMA

Presidente Gentiloni,
mi rivolgo a Lei direttamente per protestare formalmente contro la decisione del Governo di detassare le piattaforme petrolifere, addirittura con effetto retroattivo.
La decisione del Governo da lei presieduto è recata nel provvedimento denominato “Misure urgenti in materia finanziaria, iniziative a favore degli enti territoriali, ulteriori interventi in favore delle zone colpite da eventi sismici e misure per lo sviluppo” approvato dal Consiglio dei Ministri lo scorso 11 aprile. 
Il testo contiene appunto una norma “finalizzata alla detassazione, con effetto retroattivo, degli effetti ICI, IMU e TASI delle piattaforme di estrazione idrocarburi ubicate nel mare territoriale“.
Ebbene, gentile Presidente del Consiglio, debbo sottolinearLe che se le conseguenze finanziarie sui territori saranno nefaste ancor più devastanti saranno le conseguenze che un tale provvedimento produrrà sul piano della giustizia sociale.
Come spiegare, infatti, ai cittadini che vivono sotto la soglia di povertà, dovendosi sostentare con una pensione minima sociale di 600 euro, che quella pensione non potrà essere aumentata ovvero le tasse sul suo capite ridotte mentre si aboliscono ai petrolieri?
Come spiegare ai cittadini che intraprendono la piccola impresa o ai commercianti che gestiscono come padri di famiglia le aziende che le loro tasse non potranno essere ridotte e che dovranno fare ancora sacrifici mentre invece ai petrolieri le tasse vengono eliminate con un condono tombale, peraltro aborrito da quell’Europa di cui facciamo parte?
Come spiegare ai disabili e alle fasce deboli che dovranno rinunciare a servizi essenziali di assistenza perché mancano i fondi, se poi ai petrolieri si cancellano le tasse?
Creda Presidente, che il vulnus che un tale iniquo provvedimento arrecherebbe è persino più pericoloso per l’attacco che porta allo status proprio della cittadinanza, nel senso che rischia di smarrirsi il senso e persino il concetto stesso dell’eguaglianza di fronte alla Legge se ai più poveri si chiede di versare lacrime e ai più ricchi si riempiono le tasche di regali insperati.
Si produce così una disaffezione verso le Istituzioni che deriva proprio dal non sentirle proprie, e si offre la sensazione forte che essere cittadini non corrisponda più ad essere Sovrani nello Stato se poi pochi potenti ottengono ciò che vogliono sottraendolo ai più.
Mi permetta, ancora, di farLe osservare un’altra sconcertante conseguenza di questo deplorevole provvedimento, e qui Le parlo da siciliano che  vive circondato dalle trivellazioni in mare.
Sia chiaro che non intendo cavalcare facili populismi ma pragmaticamente prendere atto di un dato impressionate, e pienamente documentato, ricordando alla Sua sensibilità che le piattaforme nel mare di Melilli e di Priolo hanno provocato il più alto tasso di leucemie in Italia, e che non meno allarmanti sono le malformazioni neonatali e le malattie oncologiche direttamente addebitabili alla presenza di insediamenti industriali per la estrazione e la lavorazione degli idrocarburi  a Gela piuttosto che a Milazzo, dove peraltro insistono aree riconosciute come da bonificare, a voler tacere delle conseguenze, anche di tipo alimentare oltre che economico, sull’habitat marino.
Ed allora, non sarebbe stato, ed anzi non sarebbe, doveroso, pretendere dai beneficiari di quegli insediamenti un risarcimento da spendere sui territori martoriati?
Chi ha sporcato il nostro mare ed inquinato la nostra terra, avvelenando i nostri figli, non può essere chiamato persino ad una contribuzione maggiore da destinare alla bonifica della terra e del mare di cui siamo stati privati?
Non possono i proventi di quelle tasse che il Governo vuole abolire investirsi anche in centri  di eccellenza della sanità che studino come prevenire nella popolazione le conseguenze tragiche per la salute o che siano luoghi in cui si possa curare il danno inferto?
Per ultimo, mi rivolgo a Lei nella mia qualità di amministratore unico di Riscossione Sicilia per denunciarle quanta ingiustizia ancora produrrà questo sciagurato provvedimento, se diverrà legge, ed infatti, inviando per la prima volta l’anno scorso gli ufficiali esattoriali presso le piattaforme, per pretendere il pagamento delle tasse dovute, i nostri ufficiali si sentirono rispondere che nessuno gliele aveva mai chieste.
Risposta greve ed arrogante certo, ma mi domando: che fine faranno costoro che hanno negli anni evaso le imposte? Resteranno impuniti, è la risposta che dovrò dare ai miei concittadini?
No Presidente, non è giusto trattare così i cittadini, quei cittadini che si sono messi in fila, nella crisi economica più grave della storia italiana, per rottamare le cartelle e che ben avrebbero gradito d’esser trattati come quei petrolieri con la cancellazione del debito, mentre invece dovranno grondare sudore per pagare le rate a saldo.
Non credo che il Paese possa peraltro permettersi di rinunciare a tanto denaro da regalare alle multinazionali del petrolio, ma di sicuro la Sicilia non può permettersi di farne a meno.
Le chiedo, pertanto, di volere ritirare il provvedimento in questione per la manifesta sua incostituzionalità e per l’offesa che arreca ai cittadini italiani.
In mancanza, Le preannuncio che intraprenderò, nella mia qualità, tutte le battaglie legalmente, giuridicamente e costituzionalmente percorribili per bloccare un provvedimento assurdo e violento.

Palermo, aprile 2017
Cordialmente

Avv. Antonio Fiumefreddo
amministratore unico

martedì 25 aprile 2017

"FORZA SICILIA: il nuovo partito dei "Leccaculi"!!!

Penso che sia necessario chiarire un concetto...
Continuare ad insistere per come si è fatto finora... non produrrà nulla di buono!!!
I partiti che avete in questi anni sostenuto, hanno prodotto di buono, quanto avete modo di costatare...
I suoi uomini, sempre più collusi con quel sistema clientelare e mafioso, sono stati in grado di diffondere esclusivamente, illegalità e corruzione!!!
Inoltre, ponendosi in testa, con quella loro inadeguatezza, nel compimento di nuove riforme, che non hanno in concreto prodotto alcun contrasto, ne a quella nota associazione criminale, che a quei suoi uomini, direttamente (e/o indirettamente) coinvolti, in qualità di affiliati o associati... 
Voi li vedete manifestare pubblicamente, parlano di legalità, ma se guardiamo i fatti o ancor meglio i dati ufficiali riportati su questa nostra isola, possiamo leggere come la stessa, risulti per traffici illeciti e corruzione, ai primi posti nel mondo...

Allora mi chiedo...  quale sarebbe questa legalità di cui tanto si parla??? 
Non è che forse da un lato si cerca con le parole di contrastarla, mentre con i fatti, vi è un'intero gruppo di persone, che basa ogni propria attività operativa... su quelle determinate azioni illegali???
E quali vantaggi ottengono questi nostri politici... dai semplici consiglieri ai deputati regionali (o nazionali), da questa disastrosa condizione, sia morale che economica???
Credo che il motivo perché nulla cambi o perché tutto resti per l'appunto... così com'è, sia da ricercare in questo sistema "vizioso", il quale, conceda proprio a questi suoi uomini, di aumentare il loro potere, di tenere monitorati i cittadini, di collegare ciascuno di essi ad un preciso partito, ponendo nel contempo i suoi referenti verso posizioni influenti, affinché possano utilizzare quelle strategie necessarie, per oliare il sistema, ricambiare i favori ricevuti, proteggere gli "amici degli amici" (contrastando quanti avversi alla loro causa o forse troppo inclini alla legittimità del diritto), ed infine, avvisare tempestivamente quei loro referenti, su eventuali indagini delle forze dell'ordine, provando altresì a coprire quelle azioni illegali....

Ecco i motivi per cui si è andati negli anni sempre più a peggiorare... non solo per colpa della mafia... che con i suoi uomini cerca di controllare e condizionare il territorio, bensì per quei politici e amministratori (protettori di quell'associazione a delinquere...) che, pur di non mettersi mai in cattiva luce o per non perdere le proprie poltrone istituzionali o amministrative, si adoperano a protezione di quell'associazione, sottomettendosi di fatto con i loro modi a "leccaculo" di quel sistema corruttivo e criminale...
Così facendo si è riusciti a corromperlo, imbrogliando la gente loro vicina e dando l'impressione di contrastare quel circuito infetto, ma nella realtà... vi hanno soltanto preso in giro!!!
Questo è ciò che maggiormente da fastidio...
Quella interpretazione della legalità ipocrita, basata su ciò che interessa loro, negoziandola a seconda delle circostanze e utilizzando quel proprio potere, sempre a scapito di taluni, nei confronti di altri...
Ed allora non comprendo perché non costituiscono tutti insieme appassionatamente un nuovo partito... quello dei "leccaculi", d'altronde per loro - soggetti senza alcuna personalità - è perfetto...  si potranno riunire e condividere in quell'unico calderone, quelle loro banali esistenze, fatte di favori, e raccomandazioni!!!
Ciascuno di essi potrà dare il proprio contributo, non solo personale, ma anche familiare... peraltro, come escludere tutti quegli appoggi dati nel corso degli anni a coloro che, prima di loro, si sono riusciti ad insediare "leccando" in quel sistema cortigiano...
"Forza Sicilia" vi suggerisco anche il nome di questo nuovo movimento politico!!!
E' aperto a tutti, da quanti sono stati "votati" negli anni ai partiti di sinistra, a coloro che da una vita sono legati ad una cosiddetta destra, sommando a questi, quelle forze di quell'ex centro democristiano, suddivisi ora, in futili partitini...
A questi sopra ovviamente, potranno aggiungersi i restanti cittadini titubanti (poiché non sanno su quale carro vincente salire...), suddivisi tra pisciabrori, quaquaraquà, leccaculi, ecc...
Ovviamente per quanto concerne il mantenimento di questo nuovo partito, si potrà richiedere una sottoscrizione volontaria a tutti gli iscritti oppure si potrà puntare su eventuali donazioni private (in attesa di eventuali finanziamenti pubblici...).
Mi fa piacere sottolineare, che proprio su questo aspetto, prima fra tutte, la Società per azioni "MAFIA SPA", si è offerta di finanziare questa brillante iniziativa politica, con l'auspicio di poter costruire insieme (a quegli abituali referenti di sua conoscenza...), un futuro felice, radioso e pieno di proficue soddisfazioni!!!

lunedì 24 aprile 2017

Ricominciamo...

Vi ricordate...  la canzone di Pappalardo???
E' perfetta per i nostri politici siciliani...
"E lasciami gridare... Lasciami sfogare... Io senza politica non so stare...!!!
Io non posso restare… seduto in disparte, né arte né parte... non sono capace, di stare a guardare... ricominciamo, sì... ricominciamo" e via discorrendo...
Ecco quindi che il centro destra, pur di non perdere voti per strada e soprattutto poltrone, cerca di riorganizzarsi... 
Miccichè... rivolgendosi a Musumeci dice: "azzeriamo tutto e ricominciamoooooo..."!!!
D'altronde dove si vuole andare con questi numeri ... lo sanno tutti che il M5Stelle è dato in Sicilia al 40%  ed allora, come si vorrebbe cercare di contrastare questo fiume in piena di consensi... limitando ad esempio i danni... promettendo posti di lavoro per tutti???
Ma finitela... ormai non vi crede più nessuno, i cittadini hanno compreso come in questi anni sono stati presi per i fondelli... ed ora, a breve, durante le prossime elezioni, contraccambieranno con la stessa moneta...
Sì... certamente vi prometteranno il loro voto, il loro sostegno... vi sorrideranno e acconsentiranno alle vostre richieste, ma appena saranno all'interno di quel seggio elettorale, col caz.... che vi voteranno!!!
Avete voglia di spulciare "seggio per seggio", alla ricerca dei voti promessi... non li troverete, perché ognuno di loro ha compreso come sia giunto il momento di votare con coscienza e non per le solite promesse o per quei favoristi... e inoltre, non vi meravigliate, se conterete un numero esorbitante di astensioni...
La gente se rotta i cogl.... di voi tutti, gente inutile, come dice la canzone di sopra - senza arte ne parte -  che siede in quelle poltrone solo per privilegi personali e/o per esclusivi vantaggi economici...
Ma forse credevate davvero, che ciascuno di noi, considerava la vostra presenza lì, per fare qualcosa di buono???
Ed ora, come se nulla fosse si ripresentano, nascosti dietro quelle liste civiche, cercano ancora una volta, di raccogliere voti... 
Avessero almeno il coraggio di usare il nome dei propri partiti... neanche quello sono capaci di fare!!!
Per cui, ci ritroviamo il solito centro-destra formata dal partito del cavaliere ( si ancora lui... ci vuole coraggio...), la lega di Bossi ( si lo so... c'è Salvini, ma quello è come nei film... una comparsa...), poi Fratelli Italia (l'Italia se desta dell'elmo di Scipio s'è cinta la testa... dov'è la vittoria le porga la chioma, che schiava di Roma...), di cui ancora, molti loro iscritti inneggiano con il saluto romano e con Alfano che non sapendo cosa fare ( d'altronde con meno del 3% quanto può contare...), tenta di ricondurre i propri elettori nell'ovile, rientrando in seno alla famiglia che si era a suo tempo abbandonata...
L'importante per tutti è andare uniti, verso dove non si è ancora compreso, d'altronde, manca un programma condiviso, non esiste alcuna strategia politica, economica e finanziaria, nessuna prospettiva di lavoro e d'investimento ed allora... di cosa stanno parlando... del nulla!!!
L'importante per loro è evitare veti, fughe, cambi di casacca, diatribe, riciclaggi, primarie, ecc... ma di concreto, a parte ciò... non c'è NULLA!!!
Nessuno di loro dichiara ad esempio... noi con la "mafia" non ci stiamo, noi quei voti dei mafiosi non li vogliamo, perché ci fanno totalmente schifo, anzi adotteremo tutta una serie d'interventi che garantiranno legalità, aumenteranno ulteriormente le pene, contrasteranno in tutti i modi le azioni violente di "cosa-nostra", allontanando definitivamente da questa terra infetta, quella diffusa corruzione!!!
Si, se vi aspettate che rinuncino a quei voti... state freschi, dopotutto, sono gli unici rimasti ancora a disposizione, per potersi accaparrare un qualche seggio...  
Chiunque dovesse oggi votarvi per una qualche promessa fatta, per un raccomandazione richiesta, per un vantaggio personale o familiare, sappia che è peggiore (o per meglio dire ancor più "schifoso") di quanti hanno distrutto in questi 200 anni, questa nostra meravigliosa isola: non posso quindi che esprimere nei loro confronti, un sincero augurio...
Sì... un augurio a tutti loro e naturalmente ai loro figli, ovviamente... mi riservo di scriverlo, ma credo che per certe cose, non c'è bisogno di sprecare ulteriori parole!!!

domenica 23 aprile 2017

L'Avv. Antonio Fiumefreddo, salva la Società "Riscossione Sicilia" dalla messa in liquidazione!!!


Il nostro paese a differenza di altri, si contraddistingue solitamente per una fastidiosa consuetudine: quella di non saper mai riconoscere i meriti degli altri!!!
Tende principalmente a privilegiare o ancor meglio ad esaltare, i propri di meriti o quelli certamente, di quanti loro vicini tra parenti, familiari o amici...
Ecco quindi che le coccarde vengono solitamente date a chi difficilmente le merita, a chi non fa mai nulla per il sociale o per migliorare questo stato di cose, a chi solitamente è raccomandato, a chi occupa quelle posizione autorevoli o privilegiate, i quali vengono regolarmente adulati, da quei suoi ruffiani concittadini...
Per tutti gli altri, per chi dimostra d'essere stato capace di compiere il proprio dovere, ancor più se questo è realizzato  per fini prettamente sociali e con gravi ripercussioni personali, ecco per quest'ultimi, l'unico sentimento che viene corrisposto è l'ingratitudine!!!
Anzi, ciò che si manifesta nell'opinione pubblica (per quei benefici indirettamente ricevuti) è un vero e proprio attacco personale, verso per l'appunto chi è stato capace di opporsi a quel sistema clientelare, che basa quella propria sopravvivenza, sul continuo scambio illecito di favori e protezioni, non soltanto nei rapporti comuni sociali, ma bensì in quelli politici e amministrativi...
Per aver violato ora quel meccanismo collaudato, ecco che si scatenano, nei confronti di questa cosiddetta "pecora nera",  tutta una serie di giudizi oltraggiosi, simboleggiati da violenze verbali, colme di rancore e rabbia...
La maggior parte delle persone difatti, pur di non dover manifestare la propria gratitudine, diventano ingrate e rancorose, in particolare proprio su chi contrariamente, meriterebbe quel loro necessario sostegno...
Ciò è dovuto, per come riportavo sopra, a quella difficoltà generale di saper condividere, nei confronti degli altri (più meritevoli), quei sentimenti positivi... 
E' infatti per questi motivi che la maggior parte dei miei conterranei, ricorre a seguire una strada diversa, quella cioè di diventare antagonista di quei soggetti, ponendosi di fatto contro, quel singolo che li sta aiutando... 
I beneficiari di quell'operato compiuto (da quello stimato individuo...), non possono accettare che il clamore derivato da quelle azioni, venga proiettato esclusivamente su quegli unici soggetti (a loro modo di vedere immeritevoli), probabilmente perché quell'improvviso (altrui) successo, non proietti su di essi, quella momentanea verificatasi notorietà...

Ecco perché a differenza di molti miei concittadini, desidero esprimere un plauso all'Amministratore unico di "Riscossione Sicilia", Avv. Antonio Fiumfreddo, circostanza quest'ultima che ho potuto personalmente manifestare alcuni giorni fa casualmente, all'interno del Tribunale di Catania (incoraggiandolo ad andare avanti senza timori e soprattutto, senza farsi condizionare da quelle ricevute intimidazioni...): situazione che ha saputo dimostrare, attraverso l'operazione di rottamazione delle cartelle esattoriali, raccogliendo il quinto posto nel nostro paese per volume di adesioni e con il ricavato dell'aggio - oltre 1,5 Miliardi di euro - iniziare a riconsiderare la possibilità di salvare la società di riscossione, dalla messa in liquidazione...
Avvocato... i miei complimenti!!!

sabato 22 aprile 2017

Associazione a delinquere, bancarotta fraudolenta, appropriazione indebita, truffa, ecc...


Associazione a delinquere, bancarotta fraudolenta, appropriazione indebita, truffa e violazione delle normative bancarie, sono solo alcune delle accuse alle quali dovrà rispondere un nostro senatore della Repubblica, eletto sotto le fila dei vari partiti del cavaliere (Forza Italia, Popolo delle libertà, coalizioni di centro-destra, ecc...), nonché coordinatore del Pdl... ed ora, insieme ad altri 45 imputati, dovrà chiarire quanto accaduto a l'ex Credito Cooperativo Fiorentino...
Intanto è stato condannato a nove anni di reclusione per la bancarotta, di cui due per truffa ai danni dello Stato per i contributi irregolari ricevuti per le testate "Il Giornale della Toscana" e "Metropoli"...
L'hanno definita la "banca-bancomat" del senatore... perché veniva usata a suo completo piacimento e basava la propria presenza sul mercato, grazie alla disinvoltura con la quale essa stessa, versava finanziamenti a taluni imprenditori amici, con i quali ovviamente legava, andava instaurando una fitta rete di clientele.
Le indagini condotte dai magistrati hanno evidenziato come lo stesso senatore di Ala "Alleanza liberal popolare per le autonomie", abbia ampliato anche alle attività editoriali i propri affari, pubblicando "Il Giornale della Toscana" come dorso regionale de "Il Giornale"... (sempre di proprietà del cavaliere ) ed il settimanale Metropoli.
L'ipotesi di accusa da parte dei Pm, è che le due cooperative editrici delle testate (la Società Toscana Edizioni srl e la Sette Mari scarl), sarebbero servite esclusivamente ad accaparrare fondi pubblici per l’editoria, non essendo per nulla in regola con i requisiti richiesti... 
Ciò nonostante, le stesse, dal 2005 al 2009 hanno incamerato più di 4 milioni di euro di contributi... ci fosse mai qualcuno che controlla... mai!!!
D'altronde il sistema si basa sempre sulla stesse regole illegali... dove decine di finanziamenti vengono erogate a società riconducibili agli amici politici, nelle nuove vesti di imprenditori...
Contratti irregolari basati su operazioni fittizie, l'abituale sistema delle scatole cinesi che avrebbe favorito una schiera di società appartenenti allo stesso gruppo, movimenti finanziari che vanno a dirigersi verso noti paradisi fiscali, alcune di queste società, fatte pian piano sparire amministrativamente, attraverso ben noti processi di liquidazione o con interventi pilotati di fallimento e via discorrendo... alla fine di quanto compiuto, giunge come sempre in ritardo lo Stato, che richiede per quelle attività illecite i soliti risarcimenti: nel caso specifico 42 milioni di euro per contributi erogati, comprensivi ovviamente degli interessi!!!
Se qualcuno di voi è convinto, che un solo centesimo rientrerà nelle casse dello Stato, fatemelo sapere... si accettano scommesse!!!
Comunque come sempre per giungere ad un verdetto, sì è dovuto attendere ben 70 udienze, con oltre 3.600 pagine processuali, con un senatore della repubblica (delle banane...) condannato e il nostro Stato, che -come ormai da troppo tempo- non fa certamente una bella figura agli occhi del mondo...
Già, se dovessimo contare tutti coloro che in questi anni sono stati indagati a vario titolo dalla magistratura, credo che oggi, starebbero certamente ancora lì seduti...

Si precisa altresì che, le foto con il logo "il fatto quotidiano", sono state scaricate direttamente da google immagini.


venerdì 21 aprile 2017

Gli appalti pubblici e la nuova mafia emergente...

Qualcosa sta per cambiare...
Gli appalti pubblici milionari, rappresentano per la mafia, il primo obbiettivo a cui puntare con le proprie imprese "amiche" e nel caso in cui, questi contratti, dovessero finire in mani differenti e cioè ad imprese private "non affiliate", allora, si dovrà procedere, con i noti meccanismi estorsivi, affinché i titolari quelle imprese, ahimè "fortunate", comprendano come sia opportuno adeguarsi alle condizioni e priorità... di quelle cosche. 
In questi anni le indagini condotte dalle forse dell'ordine, hanno dimostrato come dietro quegli appalti, vi sia un grande interesse da parte di quella associazione... definita "cosa nostra"... 
Le nuove imprese sviluppatesi in questi anni e i loro referenti, stanno cercando di sostituirsi a quelle colpite dai provvedimenti giudiziari (sia di sequestro che di confisca) e ai loro rappresentanti societari, giunti ormai sotto la lente d'ingrandimento, da parte delle procure... 
Nuovi scenari quindi, si stanno prospettando... 
Si sono rotti quegli equilibri che garantivano la pax tra i vari affiliati... e che facevano sì che ciascuno governasse in quelle proprie aree di appartenenza, senza mai intaccare quelle degli altri...
Ma ora, con gli arresti eccellenti di quei boss... con il blocco giudiziario degli imperi finanziari dei soggetti "prestanome" legati ad essi, con familiari e parenti blindati da procedure amministrative e indagini penali, ecco che ora, nuovi referenti di quella stessa criminalità e/o opposta, tenta di prendere il potere di quelle aree, rimaste "libere" o quantomeno, non più sotto il controllo, di quei vecchi... certamente superati referenti!!!
Gli interessi economici d'altronde sono troppo alti... e i giovani emergenti legati alla nuova criminalità organizzata, rimasti finora sempre un passo indietro, adesso vogliono ciò che gli compete e passano all'attacco, senza più sottomissioni, imponendo con forza il controllo del territorio ed evidenziando a quanti ancora non vogliono comprendere, che ormai i tempi sono mutati!!!

Per altro, la sensazione che ciascuno di noi ha, leggendo quotidianamente gli avvenimenti riportati, è quella che si stia cercando in tutti i modi, di giungere ad una mediazione e che qualcuno, che ancora gode del "rispetto" di quei gruppi, stia provando una intermediazione tra le parti, cercando d'ottenere una tregua, che eviti di fatto, uno scontro di mafia...
Non va dimenticato inoltre, come da questa possibile conciliazione, non tiene conto di coloro che sono stati esclusi... e che potrebbero reagire, provocando azioni violente che darebbero vita a manifestazioni cruenti...
Ormai sembra certo... ma sono in molti a mettere in discussione le disposizioni giunte dall'alto, in particolare, tra essi, vi è chi sta iniziando a dubitare di quegli ordini (provenienti probabilmente dai penitenziari), che non sempre, rappresentano in maniera equa, le richieste di ciascuno... 
Come diceva Luigi Einaudi: "Dove sono troppi a comandare, nasce la confusione"!!!

giovedì 20 aprile 2017

Bisogna impedire i licenziamenti!!!

Votiamoli, già preparatevi a votarli... e nel contempo, mentre vi state accingendo a fare la fila presso quelle loro segreterie... loro cosa fanno, come al solito nulla... anzi no qualcosa fanno, vi fanno perdere il vostro posto di lavoro!!!
Difatti, se da un lato ci troviamo un governo di sinistra che propaganda un'economia in fase di ripresa, dall'altro vi sono giornalmente persone, che vanno ad integrare quel serbatoio dei disoccupati...
I sindacati... (sì... non meravigliatevi, ma esistono ancora...) non fanno altro che discutere di ordinarietà, senza mettere in pratica qualcosa, che possa modificare questa attuale situazione...
D'altronde, come detto sopra, il loro unico interesse è percepire quelle proprie indennità, certamente vantaggiose e proficue, ricevendo alla fine, per quel loro mandato... fantastiche pensioni d'oro, avendo nel frattempo utilizzato negli anni, quella propria posizione, per richiedere favori personali per i propri familiari e parenti...
Ed ecco quindi, che nessuno di loro... protesta, scende in piazza o contrasta le azioni "perverse" messe in campo dal governo, ad iniziarsi da quella follia del "Job act"!!!
Ecco quindi che lo scontro si traduce tra due contendenti, uno che possiede il coltello dalla parte del manico (società multimilionarie quasi tutte di proprietà estera, ad esempio Almaviva, Tim, Alitalia, Sky Italia,  G-se, ecc...), e l'altro, i lavoratori, sempre più a rischio... del proprio posto di lavoro!!!
La scelta è tra il taglio dei salari, la possibilità di licenziare liberamente, gli orari eccesdivi rispetto a quanto previsto dai CCNL, che sono un vero e proprio sfruttamento del personale, oppure, decidere semplicemente... d'andare a casa!!! 
Alcune società hanno già disdettato gli accordi aziendale, d'altronde, trovano appoggio, con la linea politica dei nostri governanti, che è quella di far guadagnare ancor più i nuovi “padroni” stranieri, tanto alla fine, una fetta di quella torta, resterà anche nelle loro tasche...
Già, dove sono Cgil, Cisl e Uil??? Com'è che quando servono non ci sono mai... e i loro uomini e donne, sempre alla ricerca di nuovi tesseramenti, perché stranamente non scendono in piazza??? 
Perché non chiamano a rapporto tutti i loro iscritti, paralizzando se necessario questo sistema economico che ci sta portando al tracollo finanziario???
Questa gente non combatte... o meglio, non ha mai combattuto, certamente non negli ultimi quarant'anni, sì... hanno preferito restare in silenzio, si sono sottomessi al sistema e alcuni di loro "dirigenti", sono stati di fatto... complici!!!  
La verità è che bisognerebbe impedire i licenziamenti, bloccare quanto si sta programmando alle spalle non solo dei lavoratori, ma di tutti i cittadini... ed é una vergogna, vedere come ciascuno di noi, non muova neppure un dito per sostenere quanti oggi in difficoltà, solo perché, non si è colpiti personalmente o perché finora, non è stato intaccato il proprio "orticello"!!!
L'italia... non è una Repubblica democratica fondata sul lavoro... d'altronde come potrebbe esserlo, quando la sovranità non appartiene al popolo, ma alle multinazionali straniere che esercitano con le proprie azioni, forme e violazioni che superano in ogni circostanza, i limiti previsti dalla nostra Costituzione.
Ma del resto... a chi dovrebbe interessare tutto ciò, come dicevo sopra, a nessuno!!!

mercoledì 19 aprile 2017

Le responsabilità del committente proprietario dell’immobile...


Mi permetto di riportare un articolo interessante, pubblicato su "puntosicuro.it" a cura di Gerardo Porreca, che analizza la sicurezza sul lavoro, in particolare, le responsabilità del committente proprietario dell’immobile.
In tema di prevenzione il committente è titolare di una posizione di garanzia sufficiente a fondare la sua responsabilità per l’infortunio occorso a un lavoratore dell’impresa sia pure unica alla quale ha affidato i lavori. 
Si fa sempre più stringente la posizione assunta dalla Corte di Cassazione nei confronti del committente di un’opera edile ritenuto dalla stessa in occasione di precedenti sentenze il "deus ex machina" della organizzazione del cantiere installato per la realizzazione per suo conto di un'opera edile. 
Questa volta tale figura è stata individuata nel proprietario di un appartamento che ha incaricato un’impresa edile per la ristrutturazione dello stesso e che ha visto accadere nel cantiere stesso l’infortunio mortale di un lavoratore dipendente dell’ impresa affidataria.
In tema di prevenzione degli infortuni sul lavoro, ha precisato la suprema Corte nella sentenza, il committente è titolare di una posizione di garanzia sufficiente a fondare la sua responsabilità per l’infortunio occorso a un lavoratore dell’impresa, sia pure unica, alla quale ha affidato i lavori sia nella fase di scelta dell’impresa, essendo a suo carico la verifica della sua idoneità tecnico professionale, sia nella fase di realizzazione dei lavori, essendo tenuto a controllare l'adozione da parte dell’impresa stessa delle misure generali sulla tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori.
Il fatto, l'iter giudiziario e il ricorso in Cassazione:
La Corte d'Appello ha confermata la sentenza di condanna resa dal locale Tribunale nei confronti del proprietario di un appartamento quale responsabile del reato di omicidio colposo ai danni di un lavoratore dipendente dell’impresa affidataria il quale, nel corso di alcuni lavori per la rimozione dei pannelli solari collocati sul tetto dell’appartamento del committente, era precipitato da un'altezza di oltre otto metri, riportando lesioni personali gravissime alle quali era seguito il decesso.
All'imputato era stata contestata, quale committente, una condotta improntata a negligenza e imperizia con violazione della normativa in materia di prevenzione degli infortuni sul lavoro per avere omesso, in particolare, di verificare, ai sensi dell’art. 90 comma 9 lett. a del D. Lgs. n. 81/2008, l' idoneità tecnico professionale della ditta esecutrice (il cui datore di lavoro era stato processato separatamente). 
Nel capo di imputazione era stata indicata la normativa antinfortunistica la cui violazione era stata ascritta al datore di lavoro e era stato contestato precisamente di aver omesso di redigere il piano operativo di sicurezza in relazione alla valutazione di tutti i rischi presenti in cantiere, di avere omesso di adottare, per l'esecuzione dei lavori in quota effettuati sulla copertura dell'edificio, adeguate impalcature atte ad eliminare i pericoli di caduta di persone o di cose, di avere omesso di impartire ai lavoratori dipendenti un programma di informazione sui rischi per la salute e sicurezza sul lavoro connessi all'attività svolta e di avere omesso di impartire ai lavoratori dipendenti una formazione sufficiente ed adeguata in materia di salute e sicurezza in riferimento ai concetti di rischio, danno, prevenzione e rischi riferiti alle mansioni.
La Corte territoriale ha respinto il ricorso presentato dall'imputato, ad eccezione della parte relativa all'applicazione del beneficio della sospensione condizionale della pena, ed ha ritenute corrette sia l'imputazione formulata a carico dell'imputato, sia le argomentazioni svolte dal Tribunale a sostegno della pronuncia di condanna, atteso che il committente, qualora avesse richiesto la esibizione della documentazione prevista dalla legge, avrebbe facilmente accertato che l’impresa affidataria agiva in spregio delle norme in materia di prevenzione e non aveva adottato alcuna regola a tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori, tanto che i lavori in quota venivano eseguiti senza alcun presidio di protezione. 
Quanto alla consapevolezza della situazione di pericolo in cantiere, la Corte di Appello aveva valorizzata la circostanza che l’imputato aveva avuto immediata percezione delle condizioni in cui lavoravano gli operai, per la sua costante ingerenza nello svolgimento dei lavori e la sua assidua presenza sul cantiere. 
La stessa Corte di Appello, inoltre, pur rilevando un limitato concorso di colpa del lavoratore infortunato, il quale aveva imprudentemente "lanciato" verso il basso il pannello solare smontato senza prima frantumarlo con una operazione che gli aveva fatto perdere l'equilibrio, aveva escluso che tale condotta avesse interrotto il nesso di causalità tra le omissioni contestate all'imputato e l'evento. 
Il ricorso in Cassazione e le decisioni della Corte di Cassazione
L’imputato ha proposto ricorso per cassazione a mezzo del difensore di fiducia lamentando, come motivazione principale, che la Corte di Appello aveva compiuto in maniera acritica la ricostruzione della vicenda e la valutazione delle prove, rifacendosi a quanto già argomentato dal Tribunale, senza rispondere in maniera puntuale ai motivi di appello.
La Corte di Cassazione ha ritenuto il ricorso inammissibile per una manifesta infondatezza dei motivi. 
Con riferimento all'osservazione che la Corte di Appello si era limitata a rifarsi per quanto riguarda la ricostruzione della vicenda e la valutazione delle prove a quanto già argomentato dal Tribunale senza rispondere ai motivi dell’appello, la suprema Corte di Cassazione ha affermato che “in tema di prevenzione degli infortuni sul lavoro, il committente, anche in caso di affidamento dei lavori ad un'unica ditta appaltatrice, è titolare di una posizione di garanzia idonea a fondare la sua responsabilità per l'infortunio, sia per la scelta dell'impresa, essendo tenuto agli obblighi di verifica imposti dall'art. 3, comma ottavo, D. Lgs. 14 agosto 1996 n. 494, sia in caso di omesso controllo all'adozione, da parte dell'appaltatore, delle misure generali di tutela della salute e della sicurezza sui luoghi di lavoro”.
“Dal committente non può tuttavia esigersi”, ha così proseguito la Sez. IV, “un controllo pressante, continui e capillare sull'organizzazione e l'andamento dei lavori, con la conseguenza che, ai fini della configurazione della sua responsabilità, occorre verificare in concreto quale sia stata l'incidenza della sua condotta nell'eziologia dell'evento, a fronte delle capacità organizzative della ditta scelta per l'esecuzione dei lavori, avuto riguardo alla specificità dei lavori da eseguire, ai criteri seguiti dallo stesso committente per la scelta dell'appaltatore, alla sua ingerenza nell'esecuzione dei lavori oggetto d'appalto, nonché alla agevole ed immediata percepibilità da parte del committente di situazioni di pericolo”.
I giudici di merito, secondo la suprema Corte, hanno fatto corretta applicazione di tali principi avendo posto in evidenza che il committente dei lavori e proprietario dell'immobile, si recava frequentemente sul cantiere, concordando e dando direttive al titolare della ditta in ordine ai lavori da svolgere, ed avendo così modo di percepire direttamente le modalità di esecuzione. 
In particolare la Sez. IV ha posto in evidenza che il committente, secondo la ricostruzione dei fatti esposta in sentenza, si era recato personalmente all'interno dell'immobile per verificare lo stato dei pannelli solari e, dopo essere salito sul tetto attraverso la scala ed aver constatato che i pannelli erano danneggiati, aveva dato direttive al titolare della ditta appaltatrice per la rimozione dei pannelli medesimi e la sostituzione con apposite tegole.
Dunque l'imputato aveva avuto modo di apprezzare di persona le modalità di svolgimento delle varie attività lavorative e l'assoluta assenza di dispositivi di sicurezza, ed in particolare, la mattina dell'infortunio, recatosi sul posto, aveva verificato direttamente l'assenza di ponteggi o dispositivi di sicurezza idonei a prevenire il rischio di cadute o precipitazioni di cose o persone, e la circostanza che i lavoratori fossero saliti sul tetto servendosi solo di una scala appoggiata alla parete, senza il montaggio di impalcature e l'utilizzo di imbracature.
Le plurime e gravi irregolarità presenti in cantiere, ha fatto osservare la Corte di Cassazione, sarebbero state immediatamente appurate dal committente qualora egli avesse rispettato l'obbligo normativamente previsto di verificare in primo luogo l'idoneità tecnico-professionale della ditta appaltatrice, mediante la richiesta di esibizione della documentazione prevista, e ciò perché dalla mancanza di tale documentazione avrebbe con immediatezza colto le gravi carenze ed omissioni dell’impresa affidataria rispetto agli obblighi di prevenzione e tutela dei lavoratori.
Le argomentazioni svolte nella sentenza impugnata, ha così concluso la suprema Corte, sono state pertanto considerate immuni da vizi logici e giuridici e conformi ai principi di diritto dalla stessa affermati per cui le censure del ricorrente sono state considerate manifestamente destituite di fondamento. 
Alla declaratoria di inammissibilità del ricorso è seguita la condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali e della somma di € 2.000,00 in favore della cassa delle ammende nonché al rimborso delle spese in favore delle parti civili come da dispositivo.
Cassazione Penale Sezione IV - Sentenza n. 55180 del 29 dicembre 2016 (u.p. 16 novembre 2016) - Pres. Romis – Est. Menichetti – Ric. C.S. 
In tema di prevenzione degli infortuni sul lavoro il committente è titolare di una posizione di garanzia sufficiente a fondare la sua responsabilità per l’infortunio occorso a un lavoratore dell'impresa sia pure unica alla quale ha affidato i lavori.

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo