Translate

martedì 12 dicembre 2017

Basterebbe un'inchiesta al giorno... per togliere un po di ladri di torno!!!

C'è un silenzio strano in città, già... troppo silenzio, quasi che ci si aspetti, da un momento all'altro, un arresto imminente...
Nessuno che parla, sono pochi coloro che si sbilanciano, ancor meno sono le previsioni, non quelle meteorologiche... ma quelle giudiziarie!!! 
Qualche anno fa c'erano i cosiddetti delinquenti, quelli sì che facevano notizia...
Bande criminali armate che si fronteggiavano, mafiosi che di volta in volta cadevano sotto i colpi degli avversari, una serie di omicidi eccellenti... oggi di contro (e aggiungerei per fortuna...), c'è soltanto "silenzio"... ed è grazie ai "politici" indagati, che si tiene ancora alta, la voce della comunicazione...
Se non fosse per loro, non ci sarebbe di cosa scrivere... quel giornalismo d'inchiesta andrebbe a morire... mentre così, grazie a quegli indagati -come una "soap opera" televisiva - ci si appassiona nel leggere di quelle inchieste, dei vari processi e via discorrendo....
Ciascuno di essi difficilmente riuscirà a rientrare nuovamente in quell'ambiente politico... ormai, li si è fatti fuori... e sono stati i compagni di quel viaggio, ad averli abbandonati e che ora, nel momento di difficoltà... li hanno lasciato soli!!!
Si... ogni tanto, di quei politici, se ne incontra qualcuno...
Al sottoscritto ad esempio è capitato di vederne qualcuno... sembrano dei "clochard", non so... forse per come erano malamente vestiti o per quanto fosserro smagriti, comunque limpressione che mi hanno dato, è di avere di fronte dei vagabondi che si muovevano con lo sguardo assente rivolto in basso e nell'assoluta indifferenza generale... 
E dire che un tempo, si facevano le fila dietro quei loro studi... ed ora, di contro, quegli uffici sono stati chiusi, dimenticati...anche da quei finti amici!!!
Lo so, vederli ora quei politici... fanno quasi tenerezza, sembra che vivano quelle loro vite a modello di "semilibertà", già, in quel loro tormentato portamento, si evidenzia la frustrazione di questa attuale esistenza...
E' come se ogni notte dovessero tornassero in galera... ma loro questo problema non lo hanno, anzi, possono rientrare tranquillamente in casa propria...
Ma forse è proprio quella casa a pesargli di più... la stessa che da tempo non sentono propria, quelle quattro mura in cui si sentono dei veri e propri estranei, dove sanno di non godere più, neppure della stima familiare... 
E' evidente... hanno perso tutto, i familiari, gli amici, quei conoscenti che, proprio nel vederli si chinavano per salutarli, ma ormai è finito tutto e nessuno più ricorderà, tutte le cose positive fatte negli anni passati... 
Sì... ormai nella memoria di ciascuno, ci sarà posto soltanto per le inchieste, gli arresti e quelle eventuali condanne!!!
Molti di quei politici ormai non ci sono più... e per molti cittadini questa è una cosa positiva, visto quanto "socialmente pericolosi" siano stati...  e per quanti ancora rimasti, ecco... la fortuna vuole che molti di essi, abbiano perso quella loro influenza politica e sono ormai fuori da quel giro e nessuno vuole ricordarli più.....
Comunque pian piano, qualcosa... grazie a quelle inchieste è stata fatta, mentre qualche altra azione, andrebbe ancora fatta...
Ma come dice il proverbio: "basterebbe un'inchiesta al giorno... per togliere un po di ladri di torno" e noi... sappiamo che a volte, bisogna accontentarsi!!! 

lunedì 11 dicembre 2017

Saper dire... NO!!!

Quante volte avete saputo dire NO!!!
Parlo di tutte le volte in cui vi è stato offerto qualcosa, in cambio di un qualcos'altro da compiersi o forse già realizzato!!!
Sono in molti ad aver dimenticato... che è proprio con quel rifiuto, che esprimiamo al nostro interlocutore chi siamo e ciò di cui non abbiamo bisogno...
Se ad esempio si rifiuta del denaro, si fa comprendere a chi ci propone quell'offerta, che siamo dei soggetti totalmente diversi, da quelli con cui il nostro negoziatore ha avuto a che fare e quel nostro diniego, farà comprendere ad egli che quando vorrà incontrarci, dovrà farlo sempre con il massimo rispetto!!!
Il sottoscritto, se pur non condivide quell'atteggiamento evidenziato, ne comprende certamente il metodo, poiché si rifà a quanti oggi pretendono, ed è quindi logico per quei soggetti pensare di fare il giusto, d'altronde pensano che tutti, appartengano nei modi, allo stesso fascio... 
Peraltro, sono in molti a pensare che, se non li prendono loro quelle mazzette, li prenderà sicuramente qualcun altro... e di contro, quel voler mostrare il proprio disaccordo, farà sì che a breve in molti (in particolare se colleghi...), chiederanno il vostro allontanamento. 
Eppure, sembra strano a dirlo, ma il voler dire NO... non dovrebbe riservare  tutti quei problemi, poiché con l'aver espresso quella parola, si affermano concetti di onesta e legalità a cui certamente ciascuno di noi dovrebbe aspirare... ed invece nella pratica, accade l'esatto contrario, di ciò che si voleva con quel gesto... affermare!!! 
Infatti, a seguito di quella decisione, per i più... insolita, si entra in un tunnel dal quale non si esce più... 
Già, si viene visti come "infermi" o ancor peggio come dei "contagiati", da quali virus non si sa, ma si diventa agli altrui occhi, come qualcosa da evitare e così tutti hanno paura di frequentarvi, peraltro non piacevate prima, ancor meno oggi a seguito di quel diniego e così venite isolati, non perché vi siete dimostrati ladri o lestofanti o corrotti, bensì... proprio per il contrario, perché siete stati moralmente troppo onesti e ciò non può essere accettato, tant'è che il giudizio che viene espresso su di voi, diventa giorno per giorno da parte di tutti... sempre più negativo!!!
Vi vengono attribuite false azioni irresponsabili o comportamenti inadeguati, che minano quella vostra stessa professionalità, per colpe certamente non proprie...
Ma quanto effettuato serve esclusivamente a farvi comprendere che, se volete rimanere in quel luogo, dovete allinearvi a quel sistema... oppure è molto meglio che ve ne andiate da tutt'altra parte!!!
Per loro di fatto, quella vostra presenza è sgradevole, anzi direi preoccupante, visto che coloro che vi circondano, sono proprio quanti  hanno già acconsentito ad effettuare quelle richieste, certo a volte "immorali", ma a cui essi, si sono adeguati perfettamente...
D'altronde, in questo nostro Paese è ormai consuetudine dire immediatamente "Sì", il più delle volte per non deludere l'amico di turno o ancor peggio, per assecondare il proprio datore di lavoro, oppure perché non si riesce a dire "NO" a quella proposta indecente, presentata attraverso una bustarella... 
Bisogna inoltre comprendere di come a volte, ci sono taluni soggetti, che non vogliono apparire "timorosi" o incapaci di compiere quanto viene loro richiesto, e quindi, pur di non esternare quel concetto negativo... "no...grazie, non posso, dovete comprendere che mi è difficile fare quanto mi chiedete, non posso rischiare o quant'altro..."  preferiscono, all'imbarazzo... dire di Sì!!!
Ecco che così... si è entrati in quel circolo vizioso i cui effetti saranno visibili a momento debito... e quel giorno saranno devastanti...
Difatti, con quella propria partecipazione, ci si è trasformati in  veri e propri "burattini", costretti a muoversi su quei fili, a seconda delle scelte altrui, con il rischio però che prima o poi, tutto crolli all'improvviso su se stessi...
Certo... bisognava pensarci prima, si sa dopotutto che un comportamento etico, passa innanzitutto dal saper dire il più delle volte...NO!!!



domenica 10 dicembre 2017

In discussione il ruolo della "Commissione Nazionale Antimafia"!!!

Quanto avevo già espresso, sulla pubblicazione di quei nomi "impresentabili" (a tempo scaduto) da parte della Commissione antimafia, ha ora risvegliato le reazioni di quei diretti interessati, che proprio da quelle accuse, sono stati finora fortemente ostacolati...   
Ecco quindi che i sei deputati siciliani “impresentabili”, si sono infuriati contro quella Commissione, in particolare il deputato regionale di Messina, Cateno De Luca, ha espresso, attraverso il proprio legale, Carlo Taormina, il proprio disappunto, dichiarando: "È difficile comprendere in base a quale disposizione, una Commissione Antimafia, possa certificare l'impresentabilità di cittadini ad una competizione elettorale, quando sotto nessun profilo emergano coinvolgimenti in fatti di mafia"!!!
Certo, l'aspetto giuridico ha dimostrato tutte le proprie debolezze, presentando di fatto ancora oggi forti lacune e naturalmente, non può essere giudicato corretto, il giudizio dato da una commissione, se basato esclusivamente su fattori di massima o soltanto etici...
Bisogna fare affidamento a delle regole precise, a normative certe ed ove queste non siano presenti, bisogna far sì che queste lacune legislative... vengano in maniera celere colmate!!!
D'altronde dice bene l'Avv. Taormina: se oggi la legislazione non prevede neppure poteri di inclusione per i mafiosi, prevedendo misure di prevenzione e divieto di voto... ecco, fino a quando ciò non si verificherà, anche i coinvolti in fatti di mafia avranno diritto di voto e quindi sono di fatto elettorato passivo...  
Quanto sopra, secondo il legale di De Luca, dimostra "l’abusività racchiusa nella categoria degli impresentabili, inventata dalla commissione antimafia ed impostasi per le condizioni di degrado in cui versa la classe politica, perciò incapace di reagire...  
Lo stesso deputato regionale, aveva diffidato la Commissione antimafia dall'includerlo nella lista degli impresentabili, fornendo documentazione delle sue assoluzioni e i proscioglimenti rispetto al processo cui era sottoposto, nonché i provvedimenti di totale annullamento delle misure cautelari di arresto e di sequestro dei beni, da parte prima del giudice delle indagini preliminari e poi del Tribunale della libertà, entrambi a distanza di pochi giorni dal suo arresto, eseguito solo due giorni dopo la sua elezione a deputato regionale...  
Un percorso affrontato quello dell'On. De Luca, che dimostrava, attraverso quei documenti trasmessi alla Commissione, di come egli fosse estraneo a condizioni di "impresentabilità", ma così non sono stati considerati quei documenti a propria difesa, ed il giudizio finale della Commissione antimafia... è ben noto a tutti!!! 
Ecco perché l’Avv. Taormina, ritiene quanto compiuto dalla stessa Commissione, "gravemente lesiva della sua reputazione e fonte di responsabilità non solo penali ma anche di tipo risarcitorio, ragione per la quale il deputato si rivolgerà all'autorità giudiziaria per ottenere la punizione dei colpevoli e il ristoro dei danni"!!!
Il Deputato regionale messinese intende inoltre chiedere alla magistratura, la verifica dei poteri della commissione antimafia, per conoscere se essa sia investita del potere di affibbiare qualificazioni, come ad esempio quella della "impresentabilità"...
Secondo il De Luca, la Costituzione Italiana è fondata sulla presunzione di innocenza e da una normativa, che stabilisce tassativamente i presupposti per presentarsi o meno ad una competizione elettorale e sono per l'appunto i parametri utilizzati dallo stesso, nell'ultima competizione regionale...
Non si comprende quindi, a quale ruolo, la Commissione Antimafia faccia riferimento, elevandosi a ruolo di “arbitro”, nella scelta dei candidati... 
Certo, il tema è di difficile soluzione, anche perché l'esclusione di quegli "impresentabili", in una vera democrazia, avrebbe dovuto condurre all'eliminazione dei voti scrutinati e non per come è accaduto,  inseriti nelle varie coalizioni, stravolgendo di fatto, la scena politica della nostra regione... 
Ma da noi si sa... l'inganno è sempre dietro l'angolo, ed è il motivo per cui nessuno pensa a realizzarle quelle necessarie normative, affinché tutto possa restare... così com'è!!!

sabato 9 dicembre 2017

Un nuovo caso "SAGUTO", che nulla centra con "Catania"...

Alcuni giorni fa, la mia cara amica Francesca mi inviava il link del video della puntata del 5 Dicembre trasmessa dalle "Iene", di cui allego il link:
Naturalmente al centro del dibattito vi sono i provvedimenti da parte del Tribunale e soprattutto, quanto accaduto all'ex Presidente della Sezione di misure di prevenzione del tribunale di Palermo, Silvana Saguto, accusata di corruzione e abuso di ufficio...
L’inviato, Matteo Viviani, questa volta però... racconta di un'altra storia, con al centro la famiglia "Cavallotti", la quale, non solo è stata sottoposta ad un provvedimento giudiziario ma soprattutto, è rimasta vittima della cattiva amministrazione dello Stato...
I Sig.ri Cavallotti ai tempi, avevano un’impresa d'impianti di pulizia di gas metano, precisamente a Belmonte Mezzagno, in provincia di Palermo, ma secondo le indagini allora condotte, erano collusi con l'associazione criminale "cosa-nostra"...
La società, per i sopracitati motivi, è stata quindi sottoposta ad amministrazione giudiziaria e per quel dirigere compito, è stato incaricato un nuovo amministratore giudiziario, preposto per l'appunto, a quelle misure di prevenzione... 
Nel contempo i Sig.ri Cavallotti, titolari dell'azienda, sono stati arrestati e per loro è iniziato un lungo calvario processuale, completatosi dopo 12 anni con l'assoluzione...  
Per quanto si è appreso, sembra che la vicenda sia iniziata  a seguito di una segnalazione inviata alle autorità giudiziarie, nella quale si sosteneva che i figli, avessero di fatto, proceduto a sostituirsi ai propri genitori, veri e propri "prestanome"...
Ma, grazie ai giornalisti delle Iene, si sono potute ottenere delle intercettazioni, dove si è potuto ascoltare l’ex Amministratore Giudiziario che nei dialoghi parlava di “bilanci presentati a convenienza, di plusvalenze e soprattutto di proposte d'affari” concluse con i Sig.ri Cavallotti…"!!!
Da quelle stesse indagini giornalistiche, sembrerebbe che l'amministratore giudiziario nominato, non operava per c/ del tribunale, ma per alcune aziende sequestrate dal Tribunale... (vedasi d'altronde quale novità...) e difatti il giornalista Viviani nel suo servizio ripropone la frase: "Un inciucio, anzi un vero e proprio reato, commesso da chi quei reati invece dovrebbe aiutare lo Stato a contrastare"!!!
Ovviamente, la società concluse la sua avventura giudiziaria con il fallimento: le commesse furono perse, i dipendenti mandati a casa (resteranno senza ricevere un'euro delle proprie spettanze e in attesa di poter essere soddisfatti da quel cosiddetto "fondo di garanzia"...), il patrimonio di funzionamento (fabbricati mobili, impianti, mezzi d'opera, attrezzature, materie prime, prodotti e merci ancora in magazzino, crediti, denaro, ecc...) completamente svenduto, ma tutto ciò, verrà affrontato da tutte quelle forze sociali, in campo in nome della legalità, come un beneficio per l'azienda e non per come è stato: una "distruzione"!!!
E' strano che, l'esperienza finora abbia dimostrato come, sotto Amministrazione giudiziaria, le società finiscono la loro vita, in quanto la maggior parte delle perdite, è proprio dovuta al sostentamento di tutti quei signori, che attraverso gli incarichi ricevuti, diventano di fatto, veri e propri bancomat per amici, parenti, familiari e colleghi professionisti esterni, ai quali concedono interessanti incarichi di consulenza, pagati a suon di migliaia di euro...
Ma questa è un'altra storia, di cui ho già ampiamente parlato negli anni scorsi... e di cui ad oggi, non si è trovata alcuna soluzione!!!
Anche perché ditemi... "chi dovrebbe modificare questo stato di cose, forse coloro che, con quel sistema clientelare, ci hanno finora mangiato?"...
Concludo con il commento che la trasmissione fa nel servizio: “La storia dei Sig.ri Cavallotti mostra come una giusta legge antimafia, quando dietro c’è una cattiva amministrazione da parte dello Stato, rischia di incoraggiare quella cultura mafiosa che dovrebbe combattere“!!!

venerdì 8 dicembre 2017

L'appunto dimenticato di Falcone: “Cinà in buoni rapporti con Berlusconi. Berlusconi dà 20 milioni a Grado e anche a Vittorio Mangano“

Come può essere che un appunto così importante, resti per trent'anni dimenticato. 
Sembra che l'appunto facesse parte di un block-notes utilizzato forse durante un interrogatorio e poi, chissà per quale motivo è rimasto lì... disperso tra tutte quelle carte che stranamente non sono andate ancora distrutte...
Vi starete chiedendo cosa vi fosse scritto in quell'appunto di così rilevante...
Ecco, c'è scritto: “Cinà in buoni rapporti con Berlusconi. Berlusconi dà 20 milioni a Grado e anche a Vittorio Mangano“!!!
La calligrafia sembra essere proprio quella del giudice Giovanni Falcone e sono state trovate all'interno di quello che è stato proprio l’ufficio del magistrato, nel palazzo di giustizia di Palermo, una stanza che è diventata ormai da tempo... un vero e proprio un museo... 
A fare la scoperta, è stato proprio uno dei suoi più stretti collaboratori del magistrato, Giovanni Paparcuri, che dopo essere andato in pensione, accoglie in quel “bunker” del pool antimafia, proprio i visitatori...
Nel fare ciò, alcuni giorni fa, stava sfogliando alcuni scritti di Falcone, conservati come riportavo sopra in quel museo, contenevano vecchie dichiarazioni del pentito Marino Mannoia... all'improvviso, si è imbattuto in quell'appunto che parla di Berlusconi!!!
Veramente assurdo che nessuno se ne  fosse accorto prima... ecco quindi che Paparcuri ha immediatamente informato la Procura. 
Quelle frasi scritte, non fanno altro che dare seguito a quanto più volte, proprio il sottoscritto ha evidenziato e cioè confermano quanto già emerso, nel processo al co-fondadore  Marcello Dell’Utri, condannato in via definitiva, a sette anni di carcere, proprio per concorso esterno a Cosa nostra... 
Difatti, proprio recentemente, i Sig.ri dell'Utri (che proprio stamani ha minacciato lo sciopero della fame...) insieme al "Cavaliere", sono stati nuovamente iscritti dalla Procura di Firenze, quali indagati per le stragi di mafia del 1993, come possibili mandanti occulti, per gli attentati di Firenze, Roma e Milano...
D'altronde come dimenticare quanto dichiarato dal defunto "capo dei capi" di cosa nostra, Totò Riina, che più volte ha negato quelle stragi, dichiarando di sentirsi un "parafulmine", già un "capro espiatorio" per coprire i veri mandanti, probabilmente da ricercare in altri ambienti, diversi da quella associazione criminale...
Ma ritorniamo all'appunto... chi è Gaetano Cinà, indicato “in buoni rapporti con Berlusconi”???
E' certamente un mafioso, sembra essere stato molto amico di Dell'Utri; è l’uomo che nel 1987 annuncia proprio all'amico per telefono, l'arrivo al capoluogo milanese di una enorme cassata... con sopra il simbolo della Fininvest. 
Analoga situazione è quella di Gaetano Grado, affiliato a "cosa-nostra" e frequentemente presente negli anni 70' nella regione lombarda, dove come sappiamo, era presente il noto mafioso e "stalliere" Vittorio Mangano, divenuto fattore della villa di Arcore... 
Nulla di nuovo, sono elementi già a conoscenza di tutti, se non fosse che lo stesso pentito, si sia poi astenuto -quando interpellato- di riferire sul cavaliere, già... “non ricordo, sono anziano e malato... e poi non posso rilasciare alcuna dichiarazione alla stampa” e nel processo Dell’Utri, lo stesso pentito, si è avvalso della facoltà di non rispondere!!!
Dai documenti emersi nei procedimenti sembra che il boss Stefano Bontate, capo di Francesco Mannoia, avesse incontrato nei primi anni 70' proprio Berlusconi, grazie alla mediazione di Dell'Utri... e difatti la Cassazione riconobbe che Berlusconi stipulò un patto di protezione con quella associazione criminale, per scongiurare eventuali sequestri di persona a se o ai suoi familiari, ed anche per evitare danneggiamenti ai ripetitori tv posti in Sicilia...
Lo stesso boss Totò Riina, intercettato in carcere dichiarava: “A noi altri ci dava 250 milioni ogni sei mesi”!!!
Una cosa è certa... su quel periodo c'è ancora molto da scoprire... e certamente qualcuno è riuscito ad approfittare di quel periodo e certamente di quell'allora particolare condizione politico-istituzionale...
Chissà forse, in quel periodo di terrore, qualcuno ha utilizzato quelle bombe in maniera precisa e puntuale, affinché si generasse in ciascuno di noi, l'opinione che gli uomini di quel nostro Stato, fossero non solo deboli, ma anche collusi con quel sistema deviato e criminale e che ci fosse quindi bisogno, di un totale cambiamento... 
Circostanza quest'ultima... che di lì a poco, è propriamente avvenuta, con l'eliminazione politica di gran parte di quei partiti e di molti suoi interlocutori e con l'avvento quindi di nuovi cosiddetti "paladini" e/o "cavalieri", che si sono posti, agli occhi degli Italiani, come gli unici capaci di guidare questo nostro paese e di contrastare la criminalità organizzata...
Quanto accadrà successivamente, servirà esclusivamente ad occultare quanto realmente accaduto... Già... tutto finirà per essere sepolto nel dimenticatoio, come peraltro quest'ultimo appunto del giudice Falcone...
Chissà, non è detto che un giorno possa anche riaffiorare l'Agenda rossa del collega Borsellino...  

giovedì 7 dicembre 2017

Presidente Musumeci: completo con questa seconda parte, la mia lettera aperta.

Preg.mo Governatore, completo la mia precedente lettera,  con i restanti 10 punti  che mi auguro Lei saprà inserire nel Suo programma di governo:
11. Famiglia e casa
Esentare dall’IMU i proprietari di una sola casa con reddito imponibile inferiore a 30 mila euro; approvazione di una legge sul Mutuo Sociale, al fine di consentire alle giovani coppie di poter diventare proprietarie della propria abitazione; approvazione di un pacchetto-famiglia con misure di sostegno per le nascite e per garantire anche l'eventuale presenza degli anziani in famiglia; facilitare la tutela degli animali domestici, con specifici sostegni per le spese veterinarie per le famiglie meno abbienti, migliorare la situazione dei canili pubblici e lotta al randagismo, anche attraverso il sostegno delle associazioni animaliste.
Su quanto sopra vorrei aggiungere, che la cosiddetta tassa IMU (ex ICI) è un'imposta vergognosa, non parlo solo per la prima casa, finalmente ora esclusa da quella contribuzione, ma anche per una eventuale seconda abitazione, utilizzata per villeggiatura o quant'altro,  fatta con tanti sacrifici e dopo che, per acquistarla, si sono dovuti pagare allo Stato un bel po' di soldi...
Già, è come se lo Stato di fatto, avesse partecipato a quell'esborso, ai rischi sostenuti, alle spese affrontate, alle manutenzioni sostenute negli anni e via discorrendo... ma la cosa più assurda, è costatare le differenze di aliquote pagate da un proprietario che di casa ne possiede una o al massimo due, e tutti gli altri, anche chi possiede 50, 100 o 1000!!!
Su quanto sopra, andrebbero valutati anche i quei beni ecclesiastici, che poco hanno a che fare con la spiritualità e molto invece con l'evasione, in quanto sono introiti non dichiarati al nostro Stato, eppure vengono destinati - molti di essi - per finalità redditizie, vedasi ultimamente quali bed&breakfast, Ostelli oppure concesse ad Università private, ma si sa... la storia insegna, voler toccare la Chiesa, non è mai stata per in governanti... una buona idea!!!
12. Ambiente e risorse idriche
Potenziamento della raccolta differenziata, attraverso incentivi ai Comuni virtuosi (che accrescano la quota di questi rifiuti di almeno il 5% l’anno); sistema di imprese locali per il riciclo a valle di una diffusa raccolta differenziata; realizzazione di un piano quinquennale per il completamento delle opere idriche incomplete, attingendo a fondi europei e privati; realizzazione di un piano regionale per la costruzione di depuratori nei Comuni costieri; piano acque potabili, reflue e per l’irrigazione dei terreni agricoli; risanamento delle aree a rischio ambientale (Augusta, Gela, Milazzo) e approvazione di un piano per la gestione dei rifiuti industriali.
La produzione e la gestione dei rifiuti negli ultimi anni, ha mostrato una tale crescita, da farne uno dei problemi più gravi non soltanto per la nostra regione ma per l'intero Paese...
Come ben sappiamo, la maggior parte dei rifiuti finisce in discarica o viene incenerita, mentre soltanto da poco si è dato inizio alla cosiddetta raccolta differenziata, al riciclo presso specializzati stabilimenti dei rifiuti, consentendo di risparmiare materie prime e di ridurre l’uso delle discarica ma soprattutto proteggendo le falde, da eventuali inquinamenti del suolo...
Parlare di rifiuti e di smaltimento degli stessi, rappresenta però, un argomento scomodo, che finora si sa... l’amministrazione pubblica non affronta volentieri, a causa delle forti resistenze tra le popolazioni locali, che a prescindere dallo schieramento politico che avanza la proposta, non vuole sentire di avere inceneritori e/o discariche, vicine ai loro paesi...
Bisogna quindi riprogettare un radicale cambiamento nelle scelte d'intervento, valutare altre nuove possibilità e non come si è fatto finora e cioè, facendo subire ai cittadini la logica dell'emergenza, attraverso la forza imposta dai poteri del commissari di turno...
13. Energia con le rinnovabili
Un Piano quinquennale di produzione di energia da rifiuti riciclati; concessione dei 220mila ettari di terreno regionale per la produzione di energia pulita; sostegno alla diffusione dell’energia solare, del fotovoltaico a basso impatto ambientale e della piccole centrali a biomasse; approvazione di un piano sui Parchi eolici che consenta tanto la produzione di energia pulita, quanto la tutela del paesaggio; sostegno a progetti aziendali di risparmio energetico anche attraverso l’impiego di fonti rinnovabili (fotovoltaico a basso impatto ambientale e biomasse).
Un paese il nostro che già nel lontano 1981, ben 30 anni fa, costruiva ad Adrano, la prima centrale solare a concentrazione del mondo ed oggi siamo ancora qui... a parlare d'energia rinnovabile..., avendo realizzato solo l'1% di quanto si poteva fare... e come ben sappiamo, non si è voluto fare o meglio, chi ha realizzato quegli impianti, apparteneva a quella categoria della politica corrotta e mafiosa, la stessa che ha permesso a quei signori, grazie agli introiti ricevuti con la vendita di quella energia, di diventare a spese di questa nostra regione, ben più che milionari!!!
14. Beni culturali come patrimonio
Sostegno pubblico, con fondi europei e regionali, per progetti integrati turismo-beni culturali-beni ambientali, per la valorizzazione di itinerari di riconosciuta qualità in grado di veicolare i flussi turistici verso zone di pregio; realizzazione di piani paesaggisti per dotare la Regione di programmi di tutela del paesaggio e della qualità degli insediamenti; realizzazione di un programma di manutenzione e gestione dei beni archeologici con personale pubblico anche di altre amministrazioni e con il concorso di imprese private; favorire la istituzione di fondazioni pubblico-private per la gestione della rete museale...
Certo, abbiamo potuto costatare come la politica negli anni ha permesso alle proprie società amiche, di realizzare industrie, impianti, raffinerie... e dopo che è stato distrutto questo nostro paesaggio mirabile, dopo che si è permesso di costruire abusivamente in adiacenza alle zone costiere, dopo aver approvato progetti selvaggi che non trovano paragoni in nessuna parte d'Europa, d'altronde dov'erano i controlli, sì... ora dobbiamo ripartire, questa regione completamente martoriata...ha bisogno di un nuovo e completo restyling... 
15. Turismo leva economica
Piano di valorizzazione, anche informatico del patrimonio turistico e culturale, rete di porticcioli turistici integrati in una piattaforma web per dare informazioni, prenotazioni e acquisti on line sui servizi e il merchandising; favorire la presenza di strutture turistiche che consentano agli ospiti di poter trascorrere le vacanze con i propri animali da compagnia e realizzare un piano spiaggia per animali domestici; realizzazione di un piano per le Isole minori, territori ad alta vocazione turistica, che devono essere accompagnati da servizi efficienti.
Istituzione di una delega assessoriale a tal fine; ecco, il turismo che avrebbe dovuto rappresentare uno dei settori di punta della nostra economia, ha registrato per mancate scelte e per continue incompetenze, un calo interno che non ha saputo compensare neanche l'aumento della presenza degli stranieri....; un turismo il nostro, dove basta voltarsi per trovarsi immerso nell'arte e nella cultura, una regione la nostra, che è stata invasa da tutti i grandi popoli e dove avremmo potuto godere pienamente di quella  storia e di quelle loro opere; il turismo avrebbe dovuto esercitare un ruolo di primaria importanza nel sistema produttivo, rappresentando quel fattore di sviluppo decisivo nelle politiche economiche, in particolare considerato il contesto di crisi odierno...
16. Agricoltura e agricoltori 
Interventi per la liquidità delle aziende agroalimentari; potenziamento della sinergia tra Assessorato delle risorse agricole e alimentari e Istituti di credito ai fini dell’anticipazione delle fatture sui prodotti agricoli; emissione di provvedimenti per la ristrutturazione e dilazione dei debiti a carico degli imprenditori agricoli; promozione di efficaci interventi per la competitività delle aziende e delle filiere agroalimentari siciliane; sostegno per l’internazionalizzazione e la valorizzazione del paniere eno-gastronomico siciliano; ripristino funzionale delle Reti Consortili...
Una regione la nostra, che possiede un territorio che produce prodotti unici al mondo, ma che, a causa della scarsa competitività e della caduta dei prezzi ed un mercato globale senza barriere, si è giunti a redditività troppo basse, con costi di produzione elevati che mettono tutto il comparto in profonda crisi; le conseguenze sono visibili a tutti e la dimostrazione è data dal continuo abbandono delle terre e dei suoi agricoltori, che ormai non credono più alle promesse fatte e mai mantenute...
17. Rilancio dell’artigianato e del commercio
La creazione di un fondo di garanzia regionale a sostegno di micro-crediti erogati da società autorizzate secondo la disciplina Banca d’Italia, che si impegnino ad erogare piccoli crediti alle attività artigianali a condizioni di mercato, fornendo servizi aggiuntivi necessari per la buona riuscita dei progetti; puntare nell'apprendistato tornando a fare dialogare il mondo della formazione con quello della bottega e attuando un piano per indirizzare i giovani verso la riscoperta dei lavori manuali; l'approvazione di un piano sulla grande distribuzione organizzata, al fine di limitare il dilagare dei centri commerciali (di tipo nord-europeo) e garantire le piccole botteghe e i commercianti che già operano nei centri abitati; certo bisogna far comprendere ai giovani che l'artigianato può essere il futuro.
Ma se i ragazzi si aspettano dalla politica il posto statale, quello che gli è stato promesso è ovvio che nessuno ha voglia di lavorare manualmente..., d'altronde essi cercano d'imitare i personaggi televisivi, nuovi modelli a cui ispirarsi, soggetti che proprio come loro, ignoranti e senza alcuna professionalità, sono riusciti in maniera semplice a crearsi una propria posizione interessante...
18. Promuovere le imprese private
Realizzazione di un marchio di qualità siciliana che identifichi il prodotto sui mercati internazionali facilitandone la rintracciabilità; potenziamento dei due fondi per il micro credito istituiti con legge della Regione Siciliana; creazione di un fondo di rotazione presso l’IRFIS per la ricapitalizzazione delle imprese; agevolazioni fiscali per distretti d’imprese di settori interconnessi; accelerazione dei tempi di pagamento dei debiti pubblici verso le imprese e costituzione di un fondo per il rilascio di fidejussioni alle imprese per l’anticipazioni di fatture emesse;
Basta vedere società che ogni giorno, portano i propri libri al Tribunale; sono circa tre al giorno... per un totale annuo di circa 800-900 l'anno: continuando con questa media, non ci saranno più imprese da promuovere...
19. Sostenere i giovani e l’innovazione
Istituzione di un Fondo regionale per la concessione di prestiti d’onore a studenti e lavoratori per finalità di studio ed apprendistato anche fuori Regione; sostegno a l'imprenditoria giovanile (attraverso una negoziazione con lo Stato) per la creazione di nuove imprese, per le quali verrà introdotta una tassazione forfettaria onnicomprensiva di tutti gli oneri fiscali e previdenziali pari al 5% dell’imponibile, per un periodo di 10 anni; istituzione di Crediti agevolati riservati a giovani imprenditori (entro 35 anni) che si impegnino a realizzare un’attività produttiva; completa detassazione degli utili reinvestiti dalle imprese giovanili per i primi 5 anni; creazione di un fondo pubblico-privato per favorire partecipazioni di venture capital in imprese ad alto contenuto tecnologico; detassazione integrale delle spese per la ricerca applicata svolta nelle imprese o nelle Università.
Su questo punto mi permetto di risponderle successivamente attraverso un altra pagina del blog, anche perché quest'argomento, merita una maggiore e profonda riflessione... 
20. Maggiore attrazione degli investimenti esteri
Individuazione di aree, in zone di scarso rilievo turistico, dotate di un trattamento fiscale agevolato per almeno un decennio (flat tax), di un’ampia semplificazione delle procedure di insediamento e delle infrastrutture necessarie (zone franche urbane); realizzazione di un sito dedicato ai fattori positivi che possono influenzare l'attrattività degli investimenti;
Non immagino oggi quali possano essere queste aree di attrazione, certamente non il nostro Paese e ancor meno questa nostra Regione, che prospetta agli investitori stranieri, eventuali vantaggi economici, che di contro altri paesi offrono...
E' evidente, che ciascuno dei punti che ho elencato, presenta difficoltà di non facile soluzione, in quanto entrano variabili in gioco numerose e soprattutto diverse, che non permettono di prevedere anticipatamente, quegli effetti previsti a medio-lungo termine...
Le possibili strategie e la concreta volontà di realizzare quanto sopra, pur apprezzabili sotto il profilo dell'individuazione delle tematiche, non basta però a far si, che quanto sopra possa realmente concretizzarsi.
Serve innanzitutto un profondo rinnovamento, che passi prima per le coscienze e successivamente per quanti come Lei, saranno chiamati a verificare quei cambiamenti messi in atto, augurando che in maniera celere, inizino a dare quei risultati sperati...
Certo sperare non costa nulla, ma io vorrei che non accadesse mai quanto citato da Henning e cioè che "La speranza vuol dire soltanto... disperazione rimandata"!!!
Presidente Musumeci ora tocca a Lei: Buon lavoro.

mercoledì 6 dicembre 2017

E li chiamano "professionisti": Avvocati, medici, cancellieri, commercialisti, politici, funzionari, tutti indagati per corruzione!!!


Sono in 102 gli indagati, con 33 misure cautelari già spiccate...
Il sistema purtroppo, l'ennesimo, era perfettamente collaudato!!!
Si trattava di truffare l'INPS ed in ciò, bisogna ammetterlo, erano stati bravi, visto che con quel sistema, hanno saputo derubare l'Ente di circa un milione di euro...
Ovviamente, starete pensando che dietro quella truffa vi siano abituali delinquenti o che dietro questa vicenda, ci sia la ben nota associazione criminale/mafiosa...
No... questa volta, quei malviventi non centrano nulla!!! 
In questa occasione gli organizzatori sono degli insospettabili soggetti, quelli dai colletti "grigi", una serie di professioni a cui non basta possedere quanto già hanno ottenuto con quelle proprie professioni, ma debbono -chissà forse per giungere a fine mese- organizzare truffe, per poter avere sempre di più... beh, ora aggiungeranno a quel loro professionale Cv, anche questa vergogna!!!
Ma chi sono in fondo questi soggetti...???
Tralascio come sempre i nomi... ciò che importa d'altronde è sapere di cosa si occupavano: ecco quindi che in quella lunga lista troviamo, studi di consulenze fiscali, avvocati, medici specialisti, direttori dell'Istituto di previdenza, vicepresidenti di consigli comunali, liberi professionisti, personale interno agli Ospedali, collaboratori di patronati e persino tre cancellieri e un assistente giudiziario del Tribunale di Patti (ME).
Come diceva quel film di Marco Tullio Giordana: "La meglio gioventù"!!!
Il gruppo peraltro era in grado di far avere pensioni di invalidità civile a chi non ne aveva diritto, ed eguale situazione accadeva per le indennità di accompagnamento e lo status di portatore di handicap!!!
L'associazione a delinquere era in grado, attraverso questo gruppo (chiamiamoli...) "professionisti", di avere falsi certificati medici che attestavano varie patologia mediche che, a seconda della gravità, venivano pagate in maniera differente; ad esempio quella cardiologica costava all'incirca 200,00 euro, mentre quella ortopedica 150,00 euro.... 
Questa mattina però... sono finiti in arresto, grazie ai carabinieri di Messina. 
Naturalmente nel gruppo vi erano anche i cosiddetti "procacciatori di clienti", questi s'interessavano di raccogliere, attraverso i propri patronati, quei possibili soggetti, che potevano essere interessati a ricevere una eventuale pensione d'invalidità...
Certo ora il problema sta nel sequestrare quei loro conti o le proprietà immobiliari, che certamente saranno state intestate a familiari e/o ai soliti prestanome...
Difatti, la GdF di Patti ha finora operato un sequestro preventivo equivalente per circa 500.000 euro... sicuramente molto meno delle ingenti somme incassate da quei soggetti, nel corso degli anni...
Ora che la mega truffa ai danni dell’Inps è stata scoperta, sono stati contestati a quegli indagati, tutta una serie di reati: associazione a delinquere finalizzata alla corruzione e alla truffa, falso in atto pubblico, falsa perizia, ecc... 
Cosa aggiungere, ormai non mi meraviglio più di niente, come ad esempio di leggere consueti giri di tangenti, sofisticati sistemi per lucrare a scapito dei cittadini onesti... perché di questo si tratta, di vedere le difficoltà che hanno alcuni soggetti portatori di reali patologiche, a cui non vengono riconosciute le corrette erogazione per quegli handicap, mentre di contro, vedasi quanto accaduto sopra, taluni soggetti ben organizzati, siano riusciti in maniera indebita, ad approfittare di quelle erogazioni a vario titolo... togliendo quanto necessario a chi realmente ne aveva non solo diritto, ma soprattutto bisogno!!!
Qualcuno ora si starà convincendo che da ora in poi, il sistema diventerà "blindato" e di queste situazioni non ne accadranno più!!!
Ma il sottoscritto sa già come andrà a finire... e debbo aggiungere che pensandoci... mi viene da piangere!!! 
Ma questa volta, desidero modificare quel finale triste ed allora preferisco immaginarmi un'altra storia!!!
Già, voglio pensare che un giorno questi signori truffaldini, non riescano ad ottenere dal nostro sistema previdenziale quelle prestazioni richieste; sì... immagino di come, quelle domande, verranno "stranamente" negate dall'Ente, pur essendo quei soggetti di cui sopra, in possesso dei requisiti necessari...
Quanto sopra ovviamente, perché nel contempo il responsabile di quell'ufficio, sarà qualcuno che -allora come oggi- per autorizzare quelle corrette prestazioni, chiederà loro... un lauto compenso!!!
E la storia si ripete...   

martedì 5 dicembre 2017

Il "Grande Fratello" raccomandato!!!


Solitamente non è mia consuetudine scrivere su argomenti banali, ma ci sono circostanze dai quali non posso esimersi, in quanto denotano ambigui elementi di irregolarità o di equità, che esprimono in maniera palese principi immorali, che attraverso questo mio Blog cerco quotidianamente di evidenziare e quando possibile contrastare e denunciare...
Ed allora, parliamo di questo programma televisivo, condotto su Canale 5 dalla presentatrice Ilary Blasi (moglie del calciatore Francesco Totti), che ha avuto quest'anno uno "share" altissimo di pubblico, grazie soprattutto ai concorrenti scelti, che hanno saputo attraverso quella propria presenza, coinvolgere quanti da casa osservavano il programma...
Il sottoscritto, a differenza di quel alto numero di spettatori, non ha seguito nulla di quella trasmissione effettuata da quella "casa", contrariamente della propria figlia, che sin dalla prima puntata si è voluta "intestardire" nel volere guardare il programma...
Certo, la presenza di alcuni personaggi come ad esempio Cristiano Malgioglio, hanno migliorato la limitatezza strutturale del programma, in quanto, la sua partecipazione, ha fatto in modo di coinvolgere coloro che si trovavano all'interno di quella casa, attirando su di se, l'attenzione del pubblico.
E' stato chiamato "Il Grande Fratello VIP"... ma scusate, chi erano questi "Very Importatant Person"??? Cosa hanno fatto di così importante... già, ad esclusione di qualcuno, ripescato sotto il profilo professionale televisivo da "altra vita", ditemi... il resto dei partecipanti, chi li conosce.
Nomi per lo più sconosciuti... si qualcuno è lì perché la sorella stava con Fabrizio Corona, qualche altro perché moglie di un grande ballerino/coreografo, un'altra nota perché moglie di un nostro defunto giornalista e poi c'è chi è conosciuta per i molteplici mariti famosi, seguono... ex tronisti, corteggiatrici, figli di sportivi e modelle varie... quindi potremmo accostare quei contendenti, al titolo di un programma presentato proprio alcuni anni fa da Daniele Bossari: "Mistero" (uno dei pochi programmi tv interessanti, stranamente soppresso da Mediaset...).
Quindi eliminando questi formalmente sconosciuti, quanti restano dovrebbero far parte di quei cosiddetti VIP; mi riferisco a Cristiano Malgioglio, all'attrice Serena Grandi, al presentatore Marco Predolin e all'attore Lorenzo Flaherty!!!
Quindi, altro che programma VIP... negli Usa, definirebbero lo stesso programma "trash", ma qui si sa... siamo in Italia, un paese nel quale non viene premiato il merito, infatti ciò che da noi è scadente... può diventare all'improvviso meraviglioso!!!
Non hanno alcuna importanza i propri meriti o quelle proprie capacità,  qui non siamo al programma "Tu si que vales"... ciò che conta è la propria "raccomandazione", sarà quella a decidere se sei realmente un vip o una pippa...
Comunque ritorniamo alla correttezza del programma e ai voti espressi dagli spettatori...
A detta di mia figlia, in tutte le puntate, Giulia De Lellis risultata vincitrice con il maggiore numero di voti, tanto da passare, alcune settimane dopo, direttamente in finale... 
Ecco che all'improvviso ieri, durante l'ultima puntata, quella finale, nel momento del tele-voto, non si riusciva ad esprimere la propria preferenza; io stesso ho potuto assistere in prima persona, di quanto fosse impossibile per mia figlia votare per la De Lellis: il sistema rifiutava il voto online espresso...  più volte difatti ha provato e sempre con lo stesso esito, fintanto che io steso gli ho detto "prova a votare per Bossari", ed ecco che improvvisamente il sistema accettava la votazione fatta...
Mia figlia era ovviamente adirata, ma facevo notare lei, che non vi fosse nulla di anormale o di cui cui sorprendersi, d'altronde è la stessa cosa che accade durante le votazioni elettorali: voti per uno e ne sale incredibilmente un'altro!!! 
Ah... che ridere... scherzo naturalmente, ma in fondo, difficilmente sono lontano dalla verità... perché potete starne certi, in quella votazione online, ci sarà stato lo "zampino" della produzione, che avrà fatto in modo di manipolare quel tele voto...
Non mi sorprenderei infatti se a breve, questa polemica finirà -come molte inchieste di questo paese- sul tavolo di un magistrato, che purtroppo, invece di potersi concentrarsi su procedimenti ben più importanti, sarà costretto ad avere a che fare, con questo cosiddetto (perdonate l'abuso del paragone ) "mondo dello spettacolo"!!!
Peraltro, perché meravigliarsi, il sottoscritto aveva già dichiarato in tempi non sospetti alla propria figlia, il nome del vincitore... Daniele Bossari!!!
Lo stesso d'altronde era stato dato per vincente, già alcune settimane prima, sul web, in particolare su "Wikipedia"... 
La sua vittoria d'altronde era stata già preceduta da alcune circostanze che ne avevano aumentato il consenso: vedasi la richiesta di matrimonio espressa alla propria compagna, la figlia che gli regala una stella celeste, oppure quando sentendosi già sconfitto, per lo scontro diretto con la De Lellis... risultava sorpreso d'aver superato quella difficile votazione e come dargli torto, era stata fino ad allora la vincitrice da sempre del tele-voto... qualcuno ne aveva attribuito i meriti a quelle sue fans, meglio conosciute come le "bambine"!!!
Ovviamente, nessuno discute il vincitore, era l'unico d'altronde che meritava - anche secondo mia figlia- quel premio, ma quantomeno, una votazione più regolare,  avrebbe tolto ogni tipo di dubbio...
Io resto sempre dell'idea che la televisione dovrebbe dedicarsi a qualcosa di più importante... ma i nostri faziosi media, hanno più interesse a distrarci... facendoci svagare ("panem et circenses"), che a farci percepire i reali problemi di questo nostro paese!!!

lunedì 4 dicembre 2017

L'Associazione Nazionale Antimafia "Alfredo Agosta", invita a denunciare i furti d'agrumi...

Da sempre l'agricoltura è utilizzata dalla signoria territoriale mafiosa, per realizzare illeciti guadagni, il più delle volte a scapito delle risorse pubbliche, ma ultimamente anche nei confronti dei privati, proprietari dei terreni coltivati ad agrumi, che ormai subiscono periodicamente furti e quant'altro...
Per anni, l'imposizione da parte di quell'ambiente criminale, si era limitato al controllo dell'acqua, risorsa preziosa in quanto essenziale per la coltivazione di quelle coltivazioni, in particolare proprio degli agrumi che possiedono un grande valore in quanto vengono esportati nei mercati, nazionale e internazionali, ed era il motivo che spingeva per l'appunto quell'associazione mafiosa a esercitare, attraverso i propri affiliati, un forte condizionamento sui consorzi d'irrigazione.
Negli anni qualcosa è cambiato ed ora a finire sotto bersaglio sono i produttori di quegli agrumi,  che si ritrovano ad essere abbattuti da quei continui furti, con danni provocati non solo alle strutture di pertinenza o alle recinzioni esterne, che ogni qualvolta vengono divelte, ma di scoprire successivamente di come quei ladri, nel compiere i furti, abbiano distrutto quelle piante, che subiscono in maniera grave, una vera e proprio recisione a causa degli strappi subiti...
Inoltre, a causa di quanto sopra, quegli stessi produttori si ritrovano a dover subire ulteriori danni...
Il primo causato dei ripristini necessari che obbligano ad un esborso considerevole di denaro e successivamente, nel doversi ritrovare a competere quella propria produzione con quella da poco trafugata, venduta ovviamente nei mercati o al dettaglio a prezzi inferiori, provocando di conseguenza, una perdita economica, che produce di fatto la condizione, di ritrovarsi con i propri magazzini pieni, poiché la produzione resta invenduta...
Tutto ciò garantisce a quell'associazione mafiosa, uno sviluppo di mercato parallelo e illegale, che frutta centinaia di migliaia di euro e che trova sin da subito, una serie di commercianti abusivi o di ambulanti senza autorizzazione, pronti a rendersi disponibili a finalizzare quelle attività illegali... 
Ecco perché l'Associazione Alfredo Agosta, invita tutti i produttori e i commercianti di categoria a denunciare i furti subiti, in particolare il messaggio è rivolto alle aziende agricole poste nella provincia etnea...
Peraltro, solo così... si può pensare di cambiare questo fenomeno illecito, che alimenta con questo suo ulteriore business, quel mondo già ampio di malaffare...
E' tempo quindi di denunciare e l’Associazione Nazionale Antimafia "Alfredo Agosta", invita i produttori di categoria a contattarli direttamente, per poter denunciare gli eventuali furti subiti; potete inviare una mail a: info@associazionealfredoagosta.it
D'altronde qual è il primo dovere di un cittadino? 
La risposta è semplice: essere se stesso!!!


Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo