Translate

martedì 29 luglio 2014

Uno su mille... ce la fa.

Sono in molti ogni giorno, coloro che tentano di sopravvivere con i pochi euro di pensione o di salario... e se pensate che mentre quattro pensionati su dieci non giungono a percepire nemmeno 1000 euro, ci sono invece circa 200mila pensionati che superano i 5.000 euro al mese, ma soprattutto c'è chi, in quanto pensionato nella cosiddetta fascia "oro"... riceve più di 15.000 al mese!!!
Ecco, già da questo si vede come in Italia, la diseguaglianza e la diversità di trattamento, tra chi ha dedicato tutta la propria vita a lavorare e quanti invece hanno saputo godere di quei meccanismi politico/marioli attraverso i quali e con solo pochi anni d'attività, sono giunti a percepire, grazie in particolare alle complicità di quanti, hanno in modo vergognoso governato questo ns. stato colluso, permettendo così, nel corso di questi 50 anni, di giungere alle attuali diseguaglianze sociali ed economiche...
Ancora oggi, con i cosiddetti "effimeri" tagli, sentiamo di soggetti che stanno andando in pensione con un tetto di circa 240.000 euro l'anno...
Non capisco perché, ognuno di Noi è costretto a ricevere dall'INPS, in percentuale, quanto giustamente versato negli anni della propria professione e c'è chi invece... riceve con quei pochi soldi versati, pensioni da favola!!!
E' proprio l'immagine vergognosa del ns. paese, dove chi produce soffre e chi non fa un cazzo... gode!!!
Non si capisce come si può pensare ancora di andare avanti... di sentire quotidianamente le stesse cazzate da parte di questi inutili soggetti, messi lì a discutere e promuovere leggi "at personam", senza mai effettuare una diminuzione di quei personali privilegi, di quelle spese inutili, di quei godimenti, quasi fossero diritto naturale, che vengono trasferiti ai propri "altrettanto rincog.... " figli bamboccioni che, senza la manina del papà, non saprebbero neanche dove andare!!!
Molte volte mi chiedo, se sono io che vedo le cose per come non sono... oppure sono gli altri che non percepiscono la realtà ed immaginano, condizionati dalla propaganda messa in atto, di vivere in un paese fantastico... diverso da quello che vedo io.
Debbo forse credere che non ci sia più nessuno disposto a combattere per la propria dignità???
Come riporto nella mia pagina di Twitter: indignarsi non basta più....  
Non serve rimanere immobili ed attendere che il ns. paese vada alla sfascio, bisogna farsi sentire, unirsi tutti insieme, manifestare per il diritto di regole civili, di convivenza e di uguaglianza sociale...
Non può esistere e non potrà ancora resistere molto, alle spinte economiche e di sviluppo mondiali, un paese come il ns. che si regge soltanto, attraverso i finanziamenti ed i prestiti concessi dall'Europa, dalla Cina, Russia e USA...
Ogni giorno le ns. imprese chiudono, oppure vengono cedute a gruppi esteri, i licenziamenti sono quotidiani, la miseria sempre più visibile è ovunque nelle ns. strade, un paese che come una barca distrutta, barcolla tra diseguaglianze e disoccupazione. 
E' evidente che i ns. governanti, non sanno dove mettere le mani ( o meglio quelli sanno dove metterle e cioè nelle ns. tasche... ma mi riferivo alla loro capacità d'individuare i problemi e trovare quei giusti correttivi... ), che a questa incertezza economica, non riescono a dare quella corretta programmazione, che permetta una equa gestione del welfare, e soprattutto che premia definitivamente la meritocrazia, lasciando a casa - definitivamente - questi figli di papà che ci hanno condotto al lastrico...
E’ giunto il momento di cambiare, di ribaltare quell'ordine precostituito, fare emergere il diritto della persona, della dignità personale, della giustizia sociale, di quella rinascita democratica che permette a tutti di godere di una effettiva uguaglianza tra tutti e non soltanto a quelli appartenenti alla cosiddetta casta...
Senza uguaglianza, senza lo sforzo costante di ognuno di noi, non ci sarà mai democrazia..., ma soltanto dittatura legalizzata dove chi ha il potere economico e politico comanda e tutti gli altri subiscono...
Le guerra in corso... non sono soltanto quelle a cui assistiamo inermi davanti ai Tg, in Medio Oriente, in Ucraina, in Libia, ecc... le guerre in corso sono anche tra noi, dove milioni di famiglie sono alla fame... indebitate, dove non riescono più ad essere felici perché sottomessi a continui ed esosi pagamenti, perché non riescono più a pagare il mutuo della casa o le bollette e dove le rate finanziarie, sono da tempo scadute, dove si cerca di risparmiare anche nella spesa alimentare, dove gli acquisti o la cena fuori casa, costituiscono ormai qualcosa che appartiene ai ricordi... e dove le ferie lontano da casa, sono qualcosa da sognare e desiderare...
Ecco questo è il quadro reale del ns. paese... e capisco pure che quanto sopra da me descritto, demoralizzi tutti coloro che sono ancora illusi da una possibile e celere ripresa..., ma come si dice... non c'è peggior cieco di chi non vuol sentire... e sono proprio questi i soggetti, che fanno male al ns. paese, perché continuano a rivolgersi e sperare, proprio in coloro, che nel corso di questo mezzo secolo, sono stati capaci di distruggerla!!! 
Come può essere veramente libero, un uomo, se gli si negano i mezzi per esercitare la libertà? 
Come può essere libero, se i frutti del suo lavoro non sono a sua disposizione perché ne faccia quel che più vuole, ma vengono trattati come parte d'un fondo comune... di ricchezza pubblica?".
Non è un caso che infatti, durante tutta la Storia dell'umanità, le più gravi insidie alla libertà individuale sono partite, sempre, dallo Stato!!!

venerdì 25 luglio 2014

Arrestato Amministratore Giudiziario!!!


Sono anni che vado dichiarando delle difficoltà a cui le imprese sottoposte a confisca debbono sottostare...
Ad iniziarsi proprio da quel "particolare ed esclusivo" sistema con in quale si giunge alla scelta dei nominativi cui affidare ii controllo societario...
Un vero e proprio rituale quello delle nomine degli amministratori giudiziari, che segue il provvedimento con il quale il tribunale nomina il giudice delegato alla procedura...
Un sistema quasi clientelare, nel quale girano personaggi che hanno ritenuto di poter disporre dei beni confiscati quasi fossero "personali" e su cui costruire i loro vitalizi...
Difatti la consuetudine ha permesso che la maggioranza dei patrimoni confiscati, siano attualmente nelle mani di queste soggetti che, in modo del tutto arbitrario, li gestiscono spesso con discutibile efficienza e soprattutto senza alcun rispetto delle disposizioni di legge.
In particolare queste mie considerazioni, poggiano su fattori determinanti e cioè:
- il primo, quello dei pagamenti: eseguiti questi, senza alcun rispetto di quelle regole elementari chiamate "priorità", nelle quali pur valendo sempre la regola della cosiddetta “par condicio creditorum”... e cioè che in base a questo principio, i creditori hanno tutti il diritto di essere soddisfatti in egual misura rispetto al patrimonio del debitore, questo però, finché non sussistano diritti di prelazione che dividono i creditori in differenti categorie, alle quali corrispondono ovviamente differenti trattamenti e cioè se si appartiene alla categorie dei privilegiati ( lo Stato, le istituzioni per debiti tributari ed il personale dipendente) oppure dei cosiddetti chirografari, che non godono del diritto di prelazione ( e dunque... saranno soddisfatti successivamente i creditori privilegiati).
- il secondo, quella della rotazione nelle amministrazioni giudiziarie, prevista dalla legge (così come la destinazione dei beni) che dovrebbe avvenire entro 90 giorni o al massimo 180, mentre invece - esistono reali casi in cui società con patrimoni milionari, sono da 15 anni nelle mani dello stesso professionista che per altro, possedeva un doppio incarico, giungendo a prendere cosi negli anni parcelle d'oro ( circa 7 milioni di euro) sia come amministratore giudiziario e sia (150 mila euro) come presidente del consiglio di amministrazione... controllore e controllato nella stessa persona...
- il terzo, la gestione in contemporanea di società - appartenenti questo allo stesso gruppo - che ora vengono ad avere il medesimo amministratore, che ovviamente nell'operare, si ritroverà a seconda della situazione ad essere, una volta creditore ed un'altra volta debitore e viceversa, operando così a "sensazione", scelte strategiche di solito errate o certamente non convenienti per l'una rispetto all'altra...  
- il quarto, la poca dimestichezza con il settore tecnico da affrontare - per non voler aggiungere,  la poca capacità professionale e personale che questi amministratori giudiziari hanno, garanzia loro data soltanto sulla carta, in quanto iscritti all'Albo nazionale degli amministratori giudiziari, ma per il resto, poco conoscono di quel campo con cui adesso debbono andare ad insediarsi, vedasi imprese alimentari, di costruzione, gestione ambientale, impianti industriali, ecc..., e dove - circostanza questa che secondo il sottoscritto dovrebbe essere sempre adottata - questi amministratori, pur avendo la possibilità di chiedere al giudice delegato il consenso a farsi coadiuvare da tecnici o da altri soggetti qualificati, questi amministratori... preferiscono operare in modo del tutto arbitrario, facendo di solito cazz..., ed in questo, non pensiate che ci sia soltanto l'inadeguatezza professionale... perché al suo interno si nasconde il vero motivo, rappresentato da una personalità debole che per propria convenienza, preferisce in ogni circostanza evitare... quei possibili scontri o eventuali denunce di responsabilità!!!
Quanto sopra è appena emerso, dall'ultima indagine condotta dalla Procura Calabrese, dove è stato scoperto ( ma parliamo sempre dell'acqua calda... ) che la condotta di un amministratore giudiziario infedele, consentiva alla 'ndrangheta di continuare a controllare le stesse imprese sequestrate alcuni anni prima ad alcune cosche...
Il boss arrestato, grazie alla complicità dell'amministratore giudiziario nominato dal Tribunale, continuava a gestire in maniera diretta le proprie aziende sequestrate, impartendo ordini e fornendo indicazioni che permettevano così alle società collegate di progredire nel malaffare...
Ora in galera sono finiti in tanti, non soltanto coloro che erano affiliati alla cosca, ma anche  insospettabili professionisti, commercialisti ed avvocati, accusati tutti di far parte dell'organizzazione o di averla favorita. Tra questi Rosario Spinella, professionista reggino che il Tribunale aveva designato quale amministratore giudiziario delle aziende sequestrate preventivamente quando era scattata l'operazione...
Spinella è accusato di aver amministrato le aziende, praticamente facendo partecipare il clan a tutte scelte strategiche delle società.
Il manager poi attraverso la sovra-fatturazione delle prestazioni avrebbe costituito un fondo nero al quale i boss potevano attingere, soldi che poi finivano direttamente nelle mani della "famiglia"...
Oltre al commercialista nella lista delle persone finite in manette anche gli avvocati Giulia Dieni e Giuseppe Putortì, legali storici del boss, ora accusati di aver fatto da staffette e portaordini del boss, approfittando della possibilità di avere con lui colloqui in carcere.
Gli inquirenti hanno rilevato che i familiari del boss, era sempre presenti nei cantieri ed aveva la disponibilità di uomini e mezzi che gestivano a loro piacimento, eludendo di fatto, le disposizioni impartite del Tribunale. 
Voler credere oggi che questi rappresenti siano soltanto un caso sporadico è falso.... e vi assicuro che non c'è bisogno d'attraversare lo stretto, basta guardare a casa nostra e di queste imprese e di questi amministratori collusi, ne troviamo a centinaia - basterebbe prendere in mano le carte di quella loro "professionale" gestione amministrativa e ci si accorge subito ( o meglio... ciò è possibile se chi legge le carte è capace di poter individuare anche tra quegli interspazi bui... occultati nel proprio interno, difficilissimi da intuire o da comprendere, anche purtroppo... per gli stessi inquirenti) di come questa loro condotta, sia stata volontariamente, disdicevole e manchevole, un operato svolto non con piena autonomia, ma fortemente condizionato e indubbiamente sottomesso!!!  
Ci sono uomini che credono tanto nella "famiglia" che ne hanno due...

giovedì 24 luglio 2014

Assunzioni alla Mc Donald's


Ieri, mentre rientravo dalla pausa pranzo, ho assistito in Piazza Stesicoro ad una iniziativa veramente interessante.
La Mc Donald's, con l'apertura di un nuovo punto vendita all'interno del centro commerciale "Porte di Catania", ha deciso di assumere 10 dipendenti.
Sono giunti circa 3.000 CV e nella prima selezione erano circa un centinaio le persone di ogni età, che si sono presentate... 
I ragazzi sono lì speranzosi..., forse anche un po intimoriti e preoccupati del colloquio che di lì a breve si andrà a svolgere, ed in questa fila ci sono anche persone un po più in là con gli anni... 40/50enni, che anch'essi s'informano su come poter inviare le proprie referenze...
Come si dice la speranza è l'ultima a morire... e speriamo che non si finisce con il detto "chi di speranza vive disperato muore...".
Meglio comunque questa opportunità che il nulla... perché di questo oggi parliamo... non c'è una sola attività ( escludendo quelle legate alle attività criminali ) che non sia di nazionalità cinese... che vada bene...
Sono quasi tutti chiusi e quei pochi che resistono lo fanno ( in perdita ) con la speranza che ritornino momenti migliori...  
Mc Italia Job Tour, si chiama così l'evento per la ricerca del nuovo personale in tutto il territorio nazionale e rappresenta per la nostra regione, la terza apertura di un punto vendita in un solo anno... 
Ragazzi a cui imparare una nuova metodologia di lavoro, in un settore quello del "mordi e fuggi" già famoso in tutto il mondo, ma che non sente alcuna crisi economica, anzi s'evolve proponendo sempre più spesso, iniziative interessanti, nelle quali risparmiare, come quelle appena conclusa nel periodo dei mondiali di calcio...
Una società che mette in primo piano la forza dell'individuo, del lavoratori e che premia la meritocrazia, permettendo a chiunque, anche a quanti appena entrati, di poter crescere all'interno dell'azienda e diventare così essi stessi, responsabili di un punto vendita e non solo in Italia, ma in tutto il mondo... 
Una realtà diversa, innovativa, da imitare, che non attende sovvenzioni e finanziamenti statali, che non si rivolge ad alcun "intermediario" politico e non... ma che, attraverso quella corretta politica del "saper fare", riesce a contrastare questo momento negativo e tenta di diminuire quell'alto numero di disoccupati presenti nella ns. regione.     
Provare comunque non costa nulla e chissà se proprio tra quei fortunati, non possa uscire anche il vs. nome... 

mercoledì 23 luglio 2014

Quella Casta Siciliana...

Che schifo... mi vergogno di essere rappresentato da questi soggetti... e dire che dovrebbero loro a guardarsi allo specchio e vergognarsi ...  
Uno vero schifo sapere che, mentre nella nostra Regione si muore ogni giorno di fame... ci sono soggetti che guadagnano 600.000 Euro all'anno!!!
Gente poi, che non è capace neanche di fare... come diceva sempre un mio vecchio insegnante... lo zero con il bicchiere
Il bello è che non si è certi neanche se questa sia l'esatta cifra... in quanto proprio il ns. Governatore della Regione, Rosario Crocetta, invitato nella trasmissione di La7 dichiarava di non essere certo dei numeri...
Lo capisco... da quando si è insediato sta cercando di mettere dei grossi tappi, a quelle enormi falle create dai suoi predecessori, ed ora si ritrova ad avere un'isola che sta calando a fondo...
Gli sprechi sono enormi, casermoni di palazzi con personale dipendente, che in quegli uffici non si capisce cosa facciano..., spese folli ad iniziare con l'energia elettrica per raffreddare quei locali, bollette telefoniche esose a causa delle continue ed inutili telefonate che nel corso della giornata vengono svolte, una professione svolta attraverso continui collegamenti nei social network per far passare oziosamente le proprie giornate e linee Hot..., che servono a risvegliarsi da quel torpore quotidiano...
Un Segretario ( sarà pure generale ) dell'Assemblea Regionale Siciliana che secondo il ns. Presidente Crocetta... - dicevo sopra... non ne è certo - guadagna intorno ai 600 mila euro e dichiara pure, che è uno scandalo mondiale, ma che non può farci nulla!!!
Ma poi mi chiedevo... ma chi sarà mai questo Segretario... Kofi Annan, Ban Ki-Moon... e poi di quale Stato??? 
La Sicilia..., ahhhhh..??? come???... non è un Capo di Stato... ah... e neanche un Generale e neppure un Presidente... e chi cazzo è allora...??? Un semplice segretario... e guadagna più di Obama... INCREDIBILE!!!!
La cosa assurda è che ho letto oggi da qualche parte sul web, che questa forma di attacco verso il ns. Presidente è soltanto un modo pregiudizievole di descrivere la nostra terra, di fare così... di tutta un'erba un fascio, terra ovunque di sprechi...
Ma che cazzo significa " pregiudizievole ", qui si tratta di rubare... pur avendone - a titolo giustificativo - pienamente diritto... ma sempre di ladri si tratta!!!
Non hanno la benché minima decenza ( ma quale dignità dovrebbero avere... per favore ) questi venderebbero anche le loro madri pur di non rinunciare ad una fetta cospicua del loro stipendio..., certo qualcuno giustifica che lo fanno soltanto per non dover un giorno... morir di fame!!!
Caro Presidente, da un paio di giorni, proprio sotto il Suo Ufficio ( inutile... ) che tanto ha voluto qui a Catania, in Corso Sicilia 40, casualmente proprio due piani sopra il mio, staziona una coppia con il proprio figliolo di pochi anni... non sono clochard e neppure zingari, ma siciliani come Lei e me, che pur di sopravvivere e non riuscendo a trovare lavoro, fieri di quella propria dignità, si sono messi a vendere poche cose, per lo più, abbigliamento intimo, calze, magliette per recuperare qualcosa... per poter mangiare.
Mi sono permesso - parlandoci - di acquistare qualcosa ( proprio per non mortificarli con l'elemosina... ) e quando si è trattato di restituirmi il resto - hanno preteso - pur io insistendo - che io prendessi quanto in più!!!   
Altra gente, persone modeste ma certamente onorabili, che in quella loro difficoltà non hanno perso la dignità!!!
Altro che voler denigrare la Sicilia, noi ci denigriamo da soli... non abbiamo bisogno di alcun aiuto in questo... siamo bravi da noi!!!
Tutti i numeri ( e possiamo confrontarli quando vuole tutti...) sono contro... e per favore abbandoniamo questa nostra aria di vittime, questa sorta di programmato razzismo culturale che vorremmo barattare attaccando le altre regioni..., La prego quando si vogliono esprimere paragoni, si vada prima a vivere per anni - per come ha fatto il sottoscritto - in regioni come il Trentino, Verbano Cusio Ossola, Emilia Romagna, Toscana ed anche le tanto contestate Lombardia e Veneto...  
Qui non si tratta di difendere nessuno, in particolare questi personaggi appartenenti da sempre a quella casta siciliana..., qui si tratta di iniziare a dare regole certe, di correttezza, di moralità, di mettere definitivamente i ladri - di qualunque tipo, in particolare proprio quelli con il colletto bianco inamidato - in galera...
Nel giorno in cui avevo ricordato il Capo della Squadra Mobile, Boris Giuliano, Lui sì... vero SICILIANO, nato in quella meravigliosa cittadina che è da sempre Piazza Armerina e morto... ucciso... nell'adempiere al proprio dovere, per poco meno di 1.500.000 Lire...
Mi viene il voltastomaco a pensare che stasera purtroppo, tanti suoi colleghi, sono qui per strada non solo per proteggere noi, ma soprattutto a dover proteggere quegli scarti di persone senz'anima...!!!    
A fine mese, quando ricevo lo stipendio, faccio l'esame di coscienza e mi chiedo se me lo sono guadagnato.
Paolo Borsellino 

martedì 22 luglio 2014

In ricordo di Boris...

Dovevo pubblicarlo ieri sera... ma sfortunatamente la connessione Wi-Fi non funzionava...
Comunque desideravo ricordare l'investigatore e capo della Squadra Mobile, Boris Giuliano, morto a soli 35 anni fa, con sette colpi di pistola sparati vigliaccamente alle spalle, mentre faceva come sua abitudine, colazione in un Bar di Palermo!!!
L'ennesimo ricordo di una persona perbene... di quelle che un tempo c'erano e che adesso si contano sulla punta delle dita...
Ora, viene ricordato con manifestazioni e con la posa di corone di fiori, ma questi sono solo gesti ( che certamente faranno anche piacere ai familiari ) che però hanno - come vado sempre ripetendo - un peso fugace, non compensano minimamente le azioni ed il sacrificio di queste vite, cadute per la lotta alla mafia...
Si parla. sì... si discute tanto di come fare, di quali procedure attuare, certamente indispensabili perché si possa un dì assistere a quel reale cambiamento nella vita sociale di ogni giorno...
Una giornata come tante altre, come quella di ognuno di noi, verso le otto del mattino ( siamo il 21 luglio del 1979), mentre si dirige verso quell'amato caffè mattutino... muore... ucciso!!!
Muore, già e per cosa... per quel senso dello "stato"... lo stesso che poi tratterà successivamente con i mandanti????
Oppure per quel ruolo di funzionario in cui fortemente credeva o per quelle indagini cui dedicava impegno e dedizione???
O forse per quell'essere stato soprannominato "lo sceriffo" dai propri colleghi... o per aver capito prima di chiunque altro, che soltanto indagando nei patrimoni economici, era possibile determinare i possibili collegamenti sulle famiglie ed i legami di cosa nostra, già, quegli intrecci di capitali e stupefacenti, che facevano da spola tra l'America e la Sicilia...
Un lavoro professionale quello del Capo della Squadra Mobile, che ha certamente contribuito a delineare gli interessi e le collusioni imprenditoriali di quel periodo, ma che purtroppo, pur tenendo conto delle numerose condanne effettuate attraverso il maxi-processo, non hanno permesso ancora oggi, l'eliminazione totale di questa abominevole piaga dal ns. territorio...  
Proseguire la lotta, fare memoria, educare sin dalle scuole i ragazzi alla legalità è di fondamentale importanza perché si eserciti quel rinnovamento culturale, che porti con impegno ad una lotta contro questo crimine organizzato...
E' vero, bisogna darne atto, che da alcuni anni... "finalmente" un rinnovato Stato, attraverso nuovi irreprensibili uomini, onesti e leali, si è potuto - grazie ad un'incessante lotta a 360° - tagliare molti di quei tentacoli, che fino a poco tempo fa, erano del tutto ignoti... 
Ma ancora molto comunque resta da fare, in primis, deve "sciaguratamente" saper fare uno sforzo, lavare quei propri panni sporchi, che ancora parte di quel sistema e mi riferisco a quanti, all'interno della politica, delle forze dell'ordine, delle amministrazioni pubbliche ed anche di coloro che godendo di quegli incarichi istituzionali prestigiosi, invece che servire correttamente lo Stato, operano - attualmente - in maniera servile e celata, per obbedire ai loro reali padroni...!!!     
Non ho paura delle parole dei violenti... ma del silenzio degli onesti....

sabato 19 luglio 2014

Sono stanco...

Già, sono stanco di combattere contro tutta una serie di dilettanti...
Si... mi sono stancato!!!
E' dire che..., se un giorno me l'avessero detto non ci avrei creduto..., anche perché per sfiancare il sottoscritto c'è ne vuole, eppure sembra che pian piano ci stiano riuscendo...
Vi starete chiedendo, di cosa o di chi sto parlando???
Sono certo che vi meraviglierete di sapere a chi dedico questo mio post, già non crederete a vostri occhi..., sarete sorpresi con quanto ho deciso di affidare all'opinione pubblica!!!
Quanto andrò di seguito a raccontare, si basa su una serie di procedure e di meccanismi aberranti, che non hanno fatto altro, che prolungare il tempo all'infinito..., operando con l'esclusiva volontà di traslare quanto più possibile, ciò che era indispensabile realizzare all'istante, prontamente, nel più breve tempo possibile, ed invece, attuando e posticipando quanto sopra, si è soltanto tolto del tempo essenziale ed ovviamente la " salute " del sottoscritto...
Come si dice..., si sa che quando s'inizia una battaglia, non si è mai certi dell'esito e si sa anche, che ci sono periodi nei quali, i combattimenti ( perché di questo ormai stiamo parlando...) si prolunghino più del necessario - cioè oltre quel termine ragionevole perché si possa giungere ad un esito, positivo e/o negativo non sta me dirlo..., ma che si possa giungere ad una definizione certa e non più aleatoria - che conduca infine ad esaurire anche quelle residue forze messe in campo, contribuendo cosiffatto, ad indebolire anche quell'ultimo entusiasmo fin lì espresso...
Perché sono quelli i momenti in cui, anche al più "onesto guerriero", viene da pensare che forse sia giunto il momento di ritirarsi, di non prolungare più del dovuto una guerra che è ormai divenuta del tutto inutile!!!
Ecco che alla fine si è riusciti nell'intento e cioè di distruggere fisicamente anche quello stesso combattivo, sicuramente vincitore, ma che ora pensa di ritirare le proprie forze dal campo di battaglia per concedersi finalmente una tregua...
Ciò è quanto dovrebbe accadere anche al sottoscritto, ma non so dirvi il perchè, sarà questa mia natura... ecco, a differenza di quel cosiddetto "guerriero"..., io, non abbandono mai la lotta, poiché persevero nella volontà che la giustizia faccia sempre il proprio corso, pur quando, gli uomini scelti e messi in campo, dimostrano inadeguatezza, debolezza e inesperienza, arrestandosi "casualmente" prima di quando vi possa essere, una eventuale remota possibilità di scontro... ed è per questo, che mi fermo in attesa, del migliore momento, per sferrare un nuovo mirato attacco!!
Una vicenda, questa, che rivelata potrà sembrare incredibile... ma quanto andrò "a breve" a raccontare, trova conferma, in una serie di azioni  e atti, che finora non sono ancora emersi, per la sola esclusiva volontà di coloro che avrebbero dovuto farlo, e che per le ragioni sopra espresse, si trovano - in questo preciso momento - in estrema difficoltà!!!
Difatti, quanto andrò a riportare, rappresenta in compiuto, quanto in molti vanno dichiarando; mi riferisco a quei " principi della legalità ", che tanto si ergono nei loro palcoscenici pubblici - abilmente preparati - ma che poi, in sostanza non hanno volutamente attuare, anzi, quando ciò è accaduto è stato soltanto perché spinti da terzi...
Tendono quindi a scaricare su altri... quelle indotte azioni, addossando, proprio a coloro da cui avevano ricevuto il sostegno, le colpe del loro operato, che mai avrebbero ( viste le ripetute e continue marce indietro ) voluto compiere...
Ovviamente esiste un motivo a quei tipi di comportamento, che trovano spiegazione e conferma nei silenzi, in quei modi d'operare, in quel saper intuire quando - ed in questo sono maestri - è meglio non mettere il dito nell'acqua calda... 
Una denuncia di esercizio realizzata da quegli "uomini dello stato " che non sempre purtroppo rappresentano lo Stato, ma bensì fanno parte di quei personaggi che nel corso degli ultimi anni, hanno solo svolto, trattative, ammorbidimenti, concessioni, disorientamento, ostacoli, per far si che non emergano, depistaggi, reticenze e collusioni...
Come ha giustamente dichiarato il Magistrato antimafia palermitano - Antonino Ingroia - incaricato dalle Nazioni Unite in Guatemala per seguire da vicino le rotte del narcotraffico internazionale:
le reticenze e le omertà non sono solo degli uomini di mafia, ma ci sono depistaggi e reticenze degli uomini dello Stato e delle istituzioni, e quando queste reticenze e depistaggi vengono da uomini dello Stato e delle istituzioni che ostacolano la verità, non ce la possono fare da soli, hanno bisogno di voi, della società civile che questa verità la vogliono: la verità è una conquista collettiva!
Certo, quanto dichiarato è vero... serve un impegno doppio affinché possa emergere la verità, ma quando il sostegno richiesto, viene successivamente dato, ecco che ci si accorge di come esiste una barriera invisibile creata a mo' di muro, che scontra con l'indifferenza di un sistema, che impone che nulla debba cambiare... ed è allora che risulta impossibile, continuare a credere, che si possa vincere!!!
CONTINUA... 

martedì 15 luglio 2014

Papa Francesco: tutto questo sta cambiando e cambierà

Mai nessun pontefice aveva assunto una posizione così drastica contro la mafia, e proprio ad una settimana dalla vergognosa processione di Oppido Mamertina, con la statua della Madonna costretta a inchinarsi davanti alla finestra di un boss, ecco che Papa Francesco ha dichiarato: tutto questo sta cambiando e cambierà!!!
Certamente per far ciò, per contrastare qualsivoglia attività organizzata di queste associazioni criminali, bisogna immergersi, penetrando nelle viscere interne, limitazione quest'ultima difficile da poter attuare, visto l'arduo vaglio selettivo che viene imposto, per essere inseriti all'interno di una famiglia mafiosa... 
Per cui, cercare di approfondire la conoscenza di questo fenomeno, significa potersi calare in prima persona direttamente e/o indirettamente in una realtà diversa da quella finora vissuta, immedesimandosi in quanti ne hanno fatto parte, e che soltanto da pentiti, ne hanno svelano i retroscena di quella misteriosa "onorata" società...
Sono in tanti quelli che giornalmente si propongono come nuovi paladini della legalità e per tentare di contrastare questo fenomeno, vanno richiedendo il sostegno dell’opinione pubblica, tentando di stimolarla, attraverso pubbliche manifestazioni, convegni, stampa, libri, social network, ecc... ma la verità, è che il dibattito, sulla presenza nel nostro territorio della mafia, non interessa a nessuno..., sono pochi infatti coloro che scrivono e ancor meno quelli che si mettono di traverso, nessuno denuncia e comprensibilmente  ancor meno parlano...
La mafia... è un fatto a se... cammina adiacente con la vita di ognuno di noi, in modo parallelo, distaccato, quasi fosse un'ombra estranea, già, non ci sfiora, anzi sta come noi...al proprio posto, ed è soltanto per quelle notizie di cronaca che vengono riportate, che, veniamo a sapere di quanto vicino a noi accade, un coinvolgimento soltanto momentaneo, dove le indagini dei pool antimafia, non condizionano affatto quell'estrema chiusura che da sempre c’è storicamente nella nostra isola e che ha radicato e sviluppato una mentalità "particolare" che riflette purtroppo quello che sono gli aspetti deteriori di noi siciliani in genere e cioè quello di caratterizzarsi per il vizio privato e per la pubblica virtù...
A parole siamo tutti bravi, rispettosi, crediamo in quei principi fondamentali di legalità, capisaldi intaccabili d'innanzi alla comunità, ma nella realtà, nella vita privata di ognuno di noi, per motivi sociali e/o familiari, il fine perseguito è quello dell'interesse privato... e ciò è dovuto in particolare, a causa di quel decadimento morale e culturale a cui la società ormai si è abituata, favorendo di fatto l'immiserire di quelle che rappresentavano le vere motivazioni comunitarie...
Alla fine quindi, ci si occupa soltanto del proprio "orticello", protetto da una difesa ad oltranza, si tenta di non perdere ciò che si ha, e non necessariamente perché si è egoisti con quanto è della collettività, ma bensì, perché si diventa sempre meno individui pensanti e si preferisce adeguare se stessi al corso degli eventi... ed è così che alla fine, la legalità... va a farsi benedire!!!
Ed allora tutti in fila, a rincorrere la strada più semplice, quel dare/avere, quel sottomettersi ad un potere politico, che permetta successivamente l'assegnazione di posti, di privilegi, di favori, ognuno di essi convinti di stare operando in modo giusto e corretto, di procedere in maniera onestà e nel realizzare ciò, si è ormai convinti di non intaccare la propria dignità... 
E' l'esempio istituzionale che da sempre i nostri politici hanno dato... e tutti, a quella modalità generalizzata s'accodano!!!
L’interesse comune è stato sostituito dall'interesse privato, sarà per necessità, sarà per mancanza di valori, sarà perché non si ha più voglia di combattere contro un sistema precostituito, sarà che da quando si è nati... ci si è sempre comportati da pecore..., sarà... per come riportava quel testo di una canzone " sarà quel che sarà "..., ma alla fine si cavalca l’onda per poter appagare soltanto i propri personali bisogni...
Ovviamente sono in tanti a ripetere che: se non lo faccio io, lo farà qualcun'altro e quindi alla fine sarò sempre io a rimetterci... mentre lui godrà di quei ricevuti benefici...
Purtroppo quanto detto è anch'esso vero..., ma la vita non è soltanto fatta di vantaggi e beni materiali, perché ci sono i sogni ed è soltanto attraverso quelli che si può tentare di cambiare questo mondo infame...
E' come essere dei semi di legalità, che sognano un mondo perfetto...sotto questa terra amara!!!
Fidatevi dei vostri sogni, perché in essi è nascosto il passaggio verso l'unica felicità...





lunedì 14 luglio 2014

Governatori di quale Sicilia...


Agli inizia degli anni sessanta, la nostra Regione fu al centro di una rinascita imprenditoriale, era questa una fase politica che poneva al centro di tutto, accordi instaurati tra i partiti di allora. chiamati a gestire particolari iniziative industriali...
Tra queste vi era la Sofis, prima società finanziaria pubblica costituita in Italia, in cui la Regione Sicilia acquisiva quote ed azioni di società, fuori da naturali logiche d’investimento, poiché si trattava di aziende in grandi difficoltà economiche e fuori mercato, e che proprio attraverso questa, si vedevano erogati finanziamenti senza alcun controllo...
Nella stessa metà degli anni sessanta, si decise di istituire anche quattro enti economici regionali, quali, l'Ente Minerario Siciliano, l’Ente siciliano per la promozione industriale, l'AZASI e l'Ente di Sviluppo Agricolo…
Non dobbiamo inoltre dimenticare, che questi sono anche gli anni in cui si parla d’investimenti da parte dell’ENI in Sicilia tramite l’Ing. Enrico Mattei, che solo per ricordarlo, il 27 ottobre 1962, morì mentre era in volo su un jet privato, tornando a Milano proprio da Catania; l'aereo, precipitò nelle campagne di Bascapè e le indagini allora svolte dall'Aeronautica Militare Italiana e dalla Procura di Pavia - su una eventuale ipotesi d’attentato - si chiusero “ come sempre da noi “ con un'archiviazione perché “il fatto non sussisteva”; in seguito però, precisamente nel 1997, il ritrovamento di reperti, analizzati con nuove tecnologie, fecero riaprire le indagini giudiziarie, dalle quali emerse che l'aereo venne dolosamente abbattuto, attraverso la deflagrazione di una bomba stimata in 150 grammi di tritolo, posta dietro al cruscotto dell'apparecchio, che si sarebbe attivata proprio durante la fase iniziale di atterraggio, si pensò, a causa dall'accensione delle luci di atterraggio o dall'apertura del carrello.
Sono anni in cui i Presidenti della Regione vengono eletti direttamente dall’ARS e dove nomi eccelsi come il Presidente Piersanti Mattarella ( 1978-1980 ) uomo politico della Democrazia Cristiana – ma che certamente rappresentava qualcosa di scomodo per l'allora sistema, ecco che allora, il 6 gennaio del 1980, fu assassinato dalla mafia…
Sono anche gli anni della grande speculazioni edilizia, di una espansione insensata, promossa con il tacito accordo tra mafia e politica, nomi quali Ciancimino, Salvo Lima e l'emergente mafia corleonese di Toto Riina… daranno così inizio a quella escalation economica e criminale, che condurrà a quelle stragi eccellenti, che avranno come vittime il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa e i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino…
L’autonomia data alla ns. Regione, sarà sempre combattuta in vicende più o meno tacite e illecite, fino a giungere alla tangentopoli siciliana, che vedrà – siamo intorno agli anni 1992/1995 - inquisiti oltre la metà dei 90 deputati dell'Assemblea, tra cui il Presidente della DC in Sicilia, Rino Nicolosi e quello dell'Ars, Paolo Piccione …
Il periodo si sussegue con continui ribaltoni tra coalizioni di centrodestra e centrosinistra, fino a giungere nel 2001 alla prima elezione diretta del presidente della Regione, che vedrà quale nuovo presidente Salvatore Cuffaro; questo però nel 2006 viene rinviato a giudizio per favoreggiamento alla mafia - rieletto nuovamente in maniera discutibile - già, superando Rita Borsellino ( sorella del giudice Paolo assassinato dalla mafia ), durerà fino al 2008 quando, dovrà nuovamente dimettersi, per la condanna definitiva a sette anni di reclusione, per favoreggiamento aggravato a Cosa nostra e rivelazione di segreto istruttori; attualmente, sta scontando dal 2011 la pena nel carcere romano di Rebibbia. 
A Cuffaro, il 14 Aprile 2008 è seguito Raffaele Lombardo - 57° Presidente del governo della Regione - leader di quel partito “ormai scomparso” autonomista, l'MPA, quando ( e siamo nel luglio 2012), Lombardo si dimise dinanzi l'Assemblea regionale siciliana dalla carica di Presidente, con alcuni mesi di anticipo rispetto alla scadenza naturale del mandato prevista per l'aprile 2013.
Oggi è Indagato per concorso esterno e per voto di scambio politico-mafioso presso la Procura della Repubblica di Catania, per dei rapporti con alcuni esponenti di Cosa Nostra.
Il 19 febbraio 2014 il giudice dell'udienza preliminare di Catania lo ha condannato in primo grado a sei anni e otto mesi di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa, all'interdizione perpetua dai pubblici uffici ed a un anno di libertà vigilata. 
Ecco, siamo giunti infine all'ex “ dipendente ENI in aspettativa…”che proprio il 28 Ottobre 2012, venne eletto - con il 30 % dei voti - Rosario Crocetta del PD.
Cosa dire, da quanto sopra appare evidente la volontà da parte dei ns. Governatori di trattare questa nostra isola come terra di conquista e soprattutto di omertà, dove non si viene soltanto per villeggiare o per godere delle ns. bellezze naturali culturali e artistiche, ma si viene per investire e riciclare denaro, per infiltrare ed infiltrarsi, attraverso i propri uomini, in posti di comando, settori fondamentali strategici dell’economia e della politica.
Un legame ben strutturato, capace di stabilire e determinare le sorti della nostra economia ed in particolare dei suoi cittadini 
Sono d’accordo con chi dichiara di voler applicare una Royalty sull'estrazione del greggio dal nostro territorio, sicuramente cinque volte superiore a quella modesta attuale, come concordo sulla vicenda MUOS e ENI o sul PetrolChimico di Gela, che dimostra per l’ennesima volta, come il ns. territorio e stato “ usato “ da queste grandi compagnie per inquinarlo con una serie di “ brutture “ costruite in parchi e oasi, che hanno distrutto quel meraviglioso e incontaminato patrimonio naturale, che oggi, per essere ripristinato, avrà necessità oltre che di investimenti milionari, soprattutto di un periodo previsto tra i trenta ed i cinquant'anni…
Augusta, Milazzo, Termini Imerese, Gela, Melilli, e le varie piattaforme offshore a 12 miglia al largo di Pozzallo, sono soltanto alcuni esempi di scempi realizzati nella ns. terra, che soltanto ora, si stanno scoprendo essere causa di morti, per tumori e/o malformazioni genetiche. 
Il problema non è soltanto l’aria totalmente inquinata, ma soprattutto la matrice ambientale, cioè l’inquinamento delle falde acquifere, nei terreni, in cui sono presenti sostanze chimiche che hanno avvelenato non solo gli ortaggi ma anche il bestiame...
I morti per queste cause, non vengono volontariamente evidenziati - da parte dello Stato ed in particolare dal nostro Governo Regionale, proprio per non voler mettere in allarme le popolazioni attigue, che continuano ad essere ignare sui pericoli che hanno finora corso e su quelli cui quotidianamente vanno incontro, è non parlo delle attuali generazioni, ma di quelle che ancora dovranno venire…
Con la promessa di nuovi posti di lavoro e prosperità per l’intera comunità, si è potuto illudere quei poveri siciliani “ ignoranti “, a credere che attraverso quel consensuale baratto, si potesse ridare una svolta a questa terra, modifica epocale di una territorio che a quei tempi, soffriva di una profonda miseria e che certamente necessitava di sostegni celeri… 
Cosa dire abbiamo visto come il consenso politico dei cittadini, abbia permesso di nominare “soggetti” che dai fatti sopra riportati, nulla avevano con il desiderio e la volontà di far progredire e sviluppare questa nostra Regione…
Un consenso politicamente corrotto, che vede allora, come oggi, il prezzo di un pagamento troppo alto, espresso purtroppo in termini di vite umane, non soltanto le loro ( quelle di questi infami governanti e dei loro cari…), ma, disgraziatamente anche le nostre, dei nostri figli e chissà malauguratamente forse… dei nostri futuri nipoti!!!

sabato 12 luglio 2014

Ex... " Made in Italy "

Ne avevo parlato alcuni mesi fa, elencando tutte quelle imprese che pian piano, stavano cedendo i propri marchi, alle lusinghe di solide società straniere...
Non si contano più, un'elenco infinito a cui in questi giorni si è aggiunta anche la "INDESIT" da sempre di proprietà della famiglia Merloni ed oggi passata alla WHIRLPOOL...
Infatti, il gruppo americano ha rilevato il 60% attraverso un investimento milionario in euro ( sono circa 750... ) ed un successivo premio del 5% sui valori di Borsa degli ultimi sei mesi...
Abbiamo già assistito a come Versace, Krizia, Perugina, Poltrona Frau, Riso Scotti, Sasso, Buitoni, Telecom, Loro Piana, Carapelli, Eridania, Fiorucci, Parmalat, Bertolli, Galbani, Peroni, Moretti, Plasmon, Dreher, sono passate in mano a gruppi stranieri, dimostrando la totale incapacità del gruppo dirigente di questo ns. Paese, che attraverso politiche folli ed anti-economiche hanno distrutto un settore, quello delle eccellenze, relegandoci così a non essere più competitivi ed a diventare gli ultimi a livello industriale...
Uno Stato che non ha saputo realizzare quelle necessarie riforme, ma che ha basato tutta la propria politica sull'assistenzialismo, sulle raccomandazioni, sui favoritismi, sui contributi e ammortizzatori sociali, sulle collaborazioni svolte da parte dei sindacati, sul mancato investimento nella ricerca e nella meritocrazia, ma sui soliti individui inutili, famigliari e parenti, di quanti messi li a governare...che non hanno permesso la crescita, ma che sono stati i responsabili di quella catastrofe in corso e di cui ancora in tanti non stanno realizzando...
Sappiamo già come vanno questi accordi, prima sembrano indolori, si parla tanto d'investimenti, di salvaguardia dei posti di lavoro, di prospettive e di business, di futuro, ma poi, in pochissimo tempo, s'inizia a parlare di mancata produzione, di maggiori costi, di esose tasse e così s'inizia a discutere di trasferimento dell'azienda verso l'estero, lasciando tutti i dipendenti - come molte volte dal sottoscritto preannunciato - direttamente a casa!!
Dopotutto si tratta di investimenti e di vantaggi economici, unico valore preso come riferimento fondamentale da parte dei soliti azionisti...
Cosa dire, salutando e ricordando tutte quelle ex società del made in Italy, andiamo ( per così dire ) avanti, sapendo sin d'ora che il futuro che ci aspetta, sarà sempre più governato da potenti holding straniere, che a seconda delle circostanze, decideranno le sorti di questo nostro sempre più povero paese...,dopotutto la finanza non è altro che l'arte di far passare i soldi di mano in mano, finché alla fine...quest'ultimi, non spariscono del tutto!!!

giovedì 10 luglio 2014

Il Procuratore aggiunto Gratteri critica il Ministro dell'interno Alfano!!!

Dopo la scandalosa vicenda sull'inchino effettuato durante la processione a Oppido Mamertina, il ministro Alfano, ha voluto prendere le distanze, dichiarando che la lotta alla mafia, inizia proprio nell'allontanarsi il più possibile da essa, opponendosi a quei comportamenti di soggezione e servilismo, che soprattutto in certe occasione anche rituali, riemergono quotidianamente in tutta la loro gravità...
Il ministro Alfano, si è così voluto complimentare con i carabinieri, che hanno saputo condannare quegli atti come “incommentabili”... - ora su ciò mi verrebbe di aprire una parentesi, con riferimento ad un " particolare " visita di cortesia, espletata proprio dal ministro qui a Catania, prima delle elezioni...
Mi piace comunque evidenziare, quanto dichiarato dal procuratore aggiunto di Reggio Calabria, Nicola Gratteri e cioè che se è vero che lo Stato, attraverso gli esigui mezzi e gli strumenti che ha a disposizione, sta facendo di tutto, anzi di più...per combattere la criminalità è altrettanto vero che le richieste di maggiore sostegno, fatte proprio al ministro dell’Interno ( aveva promesso 800 uomini in più ), avrebbero dovuto almeno questi...vedersi.
Il ministro, aveva anche promesso una task force e 5 sedi necessarie all'estero, che ovviamente, non sono state realizzate... Il Procuratore aggiunto, spera che alla fine, almeno giungano i 100 uomini ed un po di soldi per le volanti...
Alla fine di questa dichiarazione, mi sarei anche aspettato la richiesta esplicita per un po' di carburante, già per quelle stesse auto che ancora per poco sono in giro a controllare il ns. territorio e poi si vedrà...
E' logico che ognuno di noi, deve fare il proprio dovere e ancor più lo deve fare, chi è stato demandato a far perseguire tale compito, attraverso un programma culturale, di rinnovamento e cambiamento...
Le parole dette in tali circostanze sono sempre piene di significati molto profondi, sia che queste vengano espresse da Papa Francesco o direttamente dai rappresentanti dello Stato, ma certamente trovano poca valenza se i rapporti, continuano ad essere basati su legami che uniscono uomini delle mafie a politici, religiosi e funzionari dello Stato...
Quindi belle parole, ma che non trovano alcuna pratica nella realtà, dove tutti - direttamente o indirettamente - continuano ad omaggiare i vari personaggi della criminalità organizzata o di quanti stanno loro accanto... ed è per questo - ha spiegato il Proc. Gratteri - che il piano redatto contro l'associazione ’ndrangheta, ideato proprio dal ministro dell’Interno, è del tutto inefficace..., in particolare perché il personale predisposto per tale lotta, potrebbe risulterebbe inadeguato, senza alcuna esperienza sul campo, un territorio infido e ingannevole, pericolo e difficile da controllare, dove la popolazione difficilmente partecipa e dove chi appartiene a quel sistema è legato da rapporti di parentela stretti e quindi non collabora mai con le istituzioni, ed ecco quindi che si vuole gettare nella mischia questi giovani militari, quasi fossero poveri marines da lanciare in guerra nel Vietnam...
Il Procuratore aggiunto Gratteri si è poi detto convinto, che si riusciranno a cambiare le regole del gioco intervenendo sul blocco della prescrizione per le condanne di primo grado, sull’approvazione del falso in bilancio, sulle misure contro il voto di scambio.
Ed ancora, ai parlamentari della commissione dice – in Europa s’indaga poco e questo perché, negli altri Paesi manca l’articolo 416 bis; bisogna quindi insistere affinché l’Europa applichi il ritardato arresto, una regola che in Italia funziona e permette di arrivare ai grandi carichi evitando, magari, di arrestare i piccoli corrieri...
Per finire, è certamente rappresenta il pensiero più importante, ha chiesto di investire nella cultura, ricominciare ad insegnare ai ragazzi quelle materie, storia, geografia, arti, che hanno rappresentato quanto di positivo c'è stato nella società pensante calabrese, una rinascita culturale, necessaria per iniziare quel processo di trasformazione, passaggio obbligato che permetta una radicale eliminazione di quanto ancora presente nelle coscienze e dando finalmente così ai giovani, quella la possibilità di veder prosperare questa loro terra, privata in questi anni, anche dalle più semplici regole di legalità...


mercoledì 9 luglio 2014

Amara terra di Sicilia...

Preg.mo Logaritmo,
ho letto quanto da Lei riportato ( Live Sicilia del 06-07-2014 ) e riprendendo una sua frase “amara terra di Sicilia “, riporto un passo, scritto nel 1964 dall'allora Cardinale di Palermo, Ernesto Ruffini: mi trovo in Sicilia da 18 anni e ritengo poter dire di conoscere abbastanza questa grande e splendida Isola nonché il suo popolo, intelligente, generoso e buono. 
Quindi per l’appassionato amore che mi stringe alla verità e la profonda stima che andò sempre crescendo nel mio spirito per questa terra privilegiata, sento di dover dire una parola che dissipi pregiudizi e rettifichi concezioni le quali più della carità offendono la giustizia.
In questi ultimi tempi si direbbe che è stata organizzata una grave congiura per disonorare la Sicilia; e tre sono i fattori che maggiormente vi hanno contribuito: la mafia, il Gattopardo,ed il pubblicista Danilo Dolci…
La mafia: una propaganda spietata, mediante la stampa, la radio, la televisione ha finito per far credere in Italia e ali’Estero che di mafia è infetta largamente l’Isola… e che i Siciliani, in generale, sono mafiosi, giungendo così a denigrare una parte cospicua della nostra Patria, nonostante i grandi pregi che la rendono esimia nelle migliori manifestazioni dello spirito umano, inoltre se è vero che il nome di mafia è locale, ossia proprio della Sicilia, è pur vero che la realtà che ne costituisce il significato esiste un po’ ovunque e forse con peggiore accentuazione. 
Per non rifarmi a vecchie date, chiunque abbia letto anche di recente i giornali ha potuto notare – non di rado con somma indignazione e forte deplorazione – delitti inqualificabili commessi altrove, in Europa e fuori, da bande perfettamente organizzate. 
Quelle città e quelle Nazioni hanno il vantaggio di potere isolare le loro nefandezze, non avendo un nome storico che le unisca, ma non per questo giustizia e verità permettono che si faccia apparire il popolo di Sicilia più macchiato delle altre genti.
Il Gattopardo: un altro motivo di diffamazione è stato tratto, di certo contro l’intenzione dell’autore, del romanzo Giuseppe Tommasi,- Duca di Parma e Principe di Lampedusa, che ha raggiunto mezzo milione circa di esemplari.
Il volume, riprodotto in un film piuttosto seducente, è divenuto purtroppo, per una grande moltitudine, la fonte storica della Sicilia. 
Vi sono dipinte, a colori oscuri, la aristocrazia e la borghesia siciliane all'epoca del passaggio dal regno borbonico al regno d’Italia, che il lettore o lo spettatore può ritenere ancora viventi.
La rilassatezza dei costumi, l’ironia talvolta volgare sulle persone e sulle pratiche religiose danno un quadro assai spiacevole. 
Le miserie che affliggevano nel 8oo il popolo siciliano, dalle strade impervie all'assenza di igiene, dalla mancanza di istruzione a una pigrizia paga delle glorie antiche. . . è una lunga serie di motivi deprimenti che suscitano profondo scetticismo e creano disistima per il popolo cui il principe apparteneva.
Ora mi domando: è giusto fare della società di cento anni addietro la società di oggi? è giusto dar credito a un romanzo che un principe deluso compone nell'ultimo anno di vita e nulla sa trovare nella sua gente all'infuori dei difetti, che sono forse anche i suoi, e non riesce a vedere i Iati profondamente sani e in parte ammirevoli, quali la bontà semplice e robusta, il senso della famiglia ancor oggi resistente a ogni forza avversa, il senso dell’onore, il forte attaccamento alle più pure tradizioni cristiane, e altri pregi ?
Danilo Dolci: ecco alla mafia e al Gattopardo si aggiunge, per declassare la diletta Isola, il pubblicista Danilo Dolci, il quale venne a Palermo, per iniziare un’apparentemente campagna benefica, ma che doveva abbruttire il vero volto della Sicilia.
Basti dire che dopo più di dieci anni di pseudo-apostolato questa terra non può vantarsi di alcuna opera sociale di rilievo che sia da attribuirsi a lui, eppure continua a tener conferenze in diverse Nazioni, facendo credere che qui, nonostante il senso religioso e la presenza di molti Sacerdoti, regnano estrema povertà e somma trascuratezza da parte dei poteri pubblici. 
Intanto raccoglie plausi e denaro, destando viva commiserazione in quanti l’ascoltano per il popolo di Sicilia.
Dopo questa succinta descrizione della battaglia morale che si combatte, un po’ ovunque, contro una regione nobilissima, mi sia consentito manifestare l’intima pena che provo nel constatare come nella nostra stessa Nazione abbia preso incremento, in non pochi manovratori dell’opinione pubblica, il pessimo gusto di diffondere a tinte marcate i torti – talora falsi o, per lo meno, ingranditi – della Sicilia, le colpe e i delitti che vi si commettono, mentre si passano sotto silenzio le singolari prerogative che la rendono degna di rispetto e fanno concepire le migliori speranze per il suo avvenire.
Vede, rileggendo questi passi, emerge l’evidente volontà di non riconoscere quanto stava allora accadendo e rappresenta, per similitudine, la stessa insensibilità azione, manifestata negli anni passati, contro la mafia e le sue connivenze…
Le lotte condotte da parte dello Stato in questi ultimi anni, hanno certamente determinato un rinnovamento nelle coscienze che ha sì portato ad un risveglio culturale da troppo tempo assopito, ma che, nel quotidiano, hanno influito in maniera poco incisiva, perché è evidente a tutti, quanto ancora resta da fare…
la verità è che questo “sistema”, a differenza di quanto riportava il Cardinale, è ancora basato proprio sulla frase finale del libro “ Il Gattopardo “ e cioè che “ i suonatori cambiano ma che la musica resta sempre la stessa“ e dove, l’inquadramento all'interno dell’organigramma piramidale di questa associazione a delinquere, prevede a priori – a seconda dell’intervento giudiziario – quella naturale modifica dei propri “adepti, con il fondamentale principio che tutto però continui a funzionare, senza alcun inceppamento, sempre ed ovunque, nello stesso modo.
E’ evidente quindi che il sistema per continuare a funzionare, deve sempre avere dei validi sostituti, che ovviamente, vengono con il tempo preparati, inseriti nel contesto di quei nominativi “ricattabili”, scelti tra coloro ben disponibili a prestarsi per essere utilizzati successivamente come marionette, selezionati tra quanti sono ben disponibili ai compromessi, certamente anche per un personale tornaconto, economico o di carriera, che viene loro garantito, fintanto si ha la necessità di poterli utilizzare; in seguito, cioè quando ritenuti non più necessari, questi... saranno buttati, conseguenza logica di uno schema che correttamente Lei definisce “dare-avere” ma che io riduco in "usati e buttati".
Trovare oggi le giuste correzioni è alquanto difficile, ancor più ricercare soluzioni che si possano adattare a tutte quelle possibili variabili, difficili da prevedere poiché in costante trasformazione, aggiornamento continuo di rinnovamento di quei processi deviati, necessari per attuare nuovi meccanismi illegali.
Credo che ognuno di noi, debba fare la propria parte per debellare questa piaga e mi piace ricordare il Giudice Falcone, che disse: la mafia, non è un cancro proliferato per caso su un tessuto sano,vive in perfetta simbiosi con la miriade di protettori, complici, informatori, debitori di ogni tipo, grandi e piccoli maestri cantori, gente intimidita o ricattata che appartiene a tutti gli strati della società. Questo è il terreno di coltura di Cosa Nostra con tutto quello che comporta di implicazioni dirette o indirette, consapevoli o no, volontarie o obbligate, che spesso godono del consenso della popolazione.
Caro Logaritmo, stia certo che sarà il tempo a dare noi le giuste risposte e lì sapremo, una volta per sempre, da che parte eravamo tutti... realmente schierati!!!


lunedì 7 luglio 2014

Mafiosi, io vi scomunico!!!

Finalmente dopo anni di completo silenzio e connivenze da parte dei suoi uomini, di collusioni con il sistema mafia, ecco che un Papa - precisamente Papa Francesco - tuona la carica contro chi continua ad operare all'interno di quei meccanismi torbidi, che ormai ben conosciamo...
Ed è per questo che allora grido anch'io a gran voce: scomunicalo..., già scomunica chi ancora oggi dietro l'abito talare, si nasconde per paura o per non perdere la propria professione... - causa un possibile allontanarsi dei propri fedeli - perché poi è di questo che parliamo, del mantenere e conservare quei benefici, cui non si vuole rinunciare!!!   
Ed allora ecco che, mentre il Papa si "alza" a gridare contro questo malcostume..., c'è chi all'interno della Chiesa "s'inchina" o meglio fa inchinare il carro votivo per mezzo minuto sotto l'abitazione di un boss della 'ndrangheta, condannato all'ergastolo...
Come si dice due pesi e due misure, e difatti lo stesso parroco, non contento di quanto fatto emergere dai giornali, durante una successiva messa..., accorgendosi della presenza di giornalisti in fondo alla chiesa, ha chiesto ( in modo molto rustico, dopotutto è il suo cognome ) ai propri fedeli di prenderli a schiaffi... 
Ve la immaginate quella povera Madonna... anch'essa piegata ad omaggiare... e poi ci meravigliamo che a volte queste statue piangono... e cos'altro potrebbero fare, per farci capire che questi atteggiamenti, non fanno altro che farle soffrire!!!
Francesco, so che stai facendo pulizia all'interno della tua casa e capisco anche che certi panni vanno lavati senza fare tanto clamore..., ma forse è bene che, dopo aver allontanato definitivamente coloro che hanno abusato sessualmente di minori o abbiano avuto atteggiamenti non inclini con la vocazione scelta, ecco, fatta quella prioritaria pulizia, si passi a scomunicare definitivamente tutti quei preti mafiosi, che continuano a professare non il vero pentimento ( che se dimostrato con i fatti, può divenire per tutti, anche per i mafiosi, vero perdono per la propria salvezza... non soltanto perché si ha paura dell'altra vita, quella dell'aldilà, ma anche e soprattutto per dare nuovamente valore a questa, la stessa che non si è saputi valorizzare e di cui oggi si è deciso di pagarne il prezzo... ), ma quei valori innaturali, che non tengono conto di alcun rispetto, ne per se e neanche per le persone loro care, tendenti con le loro azioni solo e soltanto al proprio tornaconto ed ai propri interessi...
Ecco questi pseudo preti, vanno condannati e buttati in un girone qualsiasi di quell'Inferno Dantesco e preferibilmente - aggiungerei io... scherzosamente - girati nel pentolone con olio bollente...
Madre Teresa di Calcutta andava sempre dichiarando che "se vogliamo veramente amare, dobbiamo imparare a perdonare ”. 

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo