Translate

mercoledì 31 dicembre 2014

Condannato il blogger Navalny ed il fratello...


Chissà... quanti sono in Italia, quelli che desiderano vedere condannati questa "maledetta" categoria dei Blogger...
Già un gruppo di "maledetti" soggetti, che si permette " liberamente " di esprimere le proprie opinioni senza dover essere sottomesso a nessuno... ad alcun finanziatore, editore, senza aver necessità di sovvenzionamenti, una specie rara... già quasi fosse un genere in via d'estinzione...
Riuscire a poter comunicare in maniera indipendente è una conquista che soltanto in pochi possono permettersi... ed è un qualcosa, che non attiene a regole prestabilite, non bisogna guardare lontano... nel mondo, non bisogna difatti andare lontano. perché ciò che si vuole è vicino a noi... è dentro di noi!!!
Quante volte infatti, nel corso delle giornate, si trattengono per i motivi più svariati, tutte quelle riflessioni che vorremmo esternare agli altri, ma che poi, non si riuscono a far emergere... 
Per cui, immaginate quindi che, se non riuscite a fare ciò che volete in un paese, diciamo  "libero e democratico", cosa potrebbe accadere se vi trovaste in uno di quei paesi, nel quale l'informazione è legata ad un sistema che segue una forma... quella dittatoriale!!! 
E' per questo che oggi quindi parlo di uomo e di suo fratello, che non hanno alcuna paura di parlare, di scrivere, di gridare ad alta voce quanto avviene nel loro paese... in quella finta "democrazia" chiamata Russia... 

Infatti, per non smentirsi, il tribunale russo ha condannato a tre anni e mezzo di carcere (con sospensione della pena) l’avvocato Alexei Navalny, considerato in questo momento l’oppositore numero uno del Cremlino, ed il fratello, Oleg Navalny, il quale è stato anch'esso condannato, nello stesso processo, a tre a anni e sei mesi da scontare in una colonia penale... chissà forse lo mandano in villeggiatura in Siberia...

Ovviamente il Presidente Vladimir Putin non commenta la condanna, neanche per dichiarazione del suo portavoce il quale ha solo detto: non è argomento da rapportare al Presidente...

La sentenza era fissata per il 15 gennaio, ma avendo intuito che la protesta iniziava a farsi sentire anche sui social network, ed avendo già questa campagna in pochi giorni raggiunto numeri considerevoli, ecco che, per evitare eventuali movimento di dissenso e di raduni illegali già previsti per il giorno 15... ecco, grazie ad una iniqua normativa, che equipara un "post" ad un reato, si è provveduto ad anticipare la sentenza, ovviamente predeterminata...

Si... sarebbe stato più facile parlare di un 2014 che sta per finire... avevo già infatti preparato un post su quanto si poteva fare e non si è fatto... ma ho preferito dedicarmi a chi oggi sta perdendo la propria libertà, che non è soltanto quella fisica, ma soprattutto quella rappresentata dalla costrizione, dal silenzio...
Mettere il bavaglio e impedire così loro di poter parlare, privare questi due soggetti di quella libertà di parola, che con la forza oggi, si vorrebbe ridurre al silenzio!!!
Volerli privare di gridare i propri pensieri, equivale di fatto ad una vera e propria censura, dimenticando che da sempre la storia dimostra, che nulla può essere controllato e ancor più imbavagliato... se espresso da parole semplici che vanno in profondo all'anima...   

Anche perché così facendo, si limita un uomo, ma si crea un modello, un'eroe, un martire... che forse è proprio quello che si sarebbe voluto evitare...

Certo, oggi la Russia non fa una bella figura... perché è evidente a chiunque, che tutti i quel paese, possono divenire colpevoli... senza doverlo necessariamente essere... ed è proprio uno dei tanti motivi che oggi, portano l'economia russa in crisi e la propria moneta il il rublo, ad avere perso il 50% del proprio potere d'acquisto!!!
Forse è venuto il momento di cambiare... ormai non basteranno più i carri armati a tenere ancora unito un paese, che ormai... va, pian piano disgregandosi!!!

martedì 30 dicembre 2014

Parole...soltanto parole...

Ho perso il conto dei mesi da quando Matteo Renzi dirige il nostro governo... 
Mentalmente l'avevo abbandonato già dopo poche settimane... anche perché il limite massimo di sopportazione alle chiacchiere era giunto già da un pezzo... ma proprio oggi ho avuto modo di sentirgli dire che ormai, si sente come Al Pacino nell'allenatore del film "Ogni maledetta domenica" peccato che ormai non si tratta più di cambiare i tecnici alla nostra nazionale... pardon nazione, ma si tratta di rinnovare totalmente la squadra che non riesce più a contrastare la velocità degli avversari...
In particolare, essendo il nostro paese posizionato in "Lega Pro" e cioè al  livello più basso a carattere professionistico del campionato di calcio, ecco che, essendo questa categoria costituita da forze giovani... diventa basilare se non essenziale, come si dice... "pedalare" o meglio correre, perché con le discussioni non si giunge da nessuna parte...
Comunque nelle 2 ore e1/2 di conferenza... ha dichiarato, in modo molto sicuro, di aver mantenuto tutti gli impegni del 2014...
Ecco... a questa frase mi sono chiesto se per caso non avessi acceso involontariamente il decoder satellitare e mi fossi posizionato in un qualche canale straniero e la persona intervistata (sicuramente... un sosia) stesse parlando del proprio paese e non certamente del nostro!!!
Io... come diceva il film di  Checco Zalone... "Cado dalle nubi", veramente, non riesco a capire se quando parla c'èci fa, perché quando proclama... ( mi ricorda spiacevolmente qualcun'altro... ) che affacciato da quel balcone... parlava in tedesco e prometteva la "vittoria" ai cugini crucchi...
Il nuovo slogan... o meglio dire twitt è RITMO!!!
Già "ritmo" sarà la nuova parola del 2015, che darà un profondo senso di cambiamento e d’urgenza, e comunque sin dora afferma che se sbaglia "sara tutta colpa sua e non ci saranno alibi"...
Mi chiedo quindi... cosa farà appena avrà fallito: sara il primo finalmente a dimettersi dalla politica per proprie colpe... rinuncerà a tutti i privilegi finora acquisiti, a quella pensione ormai assicurata..., licenzierà tutti i familiari che ha fatto finora assumere..., ma vedremo cosa farà....
In che modo quindi pagherà in prima persona lo sfacelo che in collaborazione a tutti i suoi colleghi ( a favore o contrari che siano... ) sta per causare al nostro paese???   
Ho voluto quindi concentrare le parole più importanti del suo discorso per l'Anno 2015 e precisamente:
1) Ritmo... che poi è la stessa parola del 2014... peccato che il ritmo, quest'anno appena passato, sia stato "molto lento"!!!  
2) Derby... peccato che ormai i derby con gli altri paesi dell'UE sono stati tutti persi... e soltanto con la Grecia abbiamo pareggiato!!!  
3) Arroganza... di questa ne abbiamo avuta abbastanza e non è per niente vero... che "è meglio essere giudicato arrogante che disertore..." perché se alla fine è vero...non si è scappati, comunque, sempre al fallimento ci avrà condotto!!!

4) Alibi, ecco qui vediamo come pian piano è salito sulla sommità della Cappella Sistina... si è lui... l'uomo che tocca con un dito DIO: c’è un impegno morale, se falliamo la colpa sarà tutta mia, se ce la facciamo ha vinto l’Italia... nessun alibi!!! 

5)Tarantolato... credo di essere stato tra i primi ad averlo scritto, ed anche se egli attribuisce all'urgenza il motivo per cui dice di essere tarantolato... egli stesso da oggi un senso all'urgenza misurata non in mesi, ma in ore... peccato che però nel frattempo... sia passato nel nostro paese quasi un anno... inutilmente direi!!! 
6) Contagio... evviva abbiamo anche uno scienziato adesso... che dice: nessun contagio con la Grecia; neanche fossero stati colpiti dall'Ebola o dall'Aids...    
7) Corrotti... ah... qui da il meglio di se... " ho chiesto di aumentare le pene, a mio giudizio si deve restituire il maltolto, tutto e non in parte...; gli sconti si fanno al supermercato e non ai corrotti"... scusi ma allora cosa ci fanno tutti quei "signori" ancora li seduti???  
8) Canguri... lo dicevo che avevo cambiato canale ed ero sintonizzato su un canale australiano...adesso le leggi verranno approvate in tempi rapidi... già salteranno tutte come canguri...
9) Test... si mancava soltanto un test politico per quella sedia della Quirinale... come se già non si è deciso a chi darla... ma per favore se l'abolissimo questo Presidente... non sarebbe meglio??? 
10) Chi sbaglia paga... peccato che in Italia non si è mai visto nessuno pagare... forse in Giappone... li certamente si...  ma da noi mai..., in particolare se chi deve pagare è poi un impiegato pubblico... allora si che vedremo come si scatenerebbe il finimondo... già, perché sin d'ora, un buon 30% dovrebbe andarsene a casa!!!
Renzi... il tempo delle parole è finito, ed è un vero peccato che in Italia, c'è ancora chi vuole credere alle favole!!!
Io, mi sento moralmente "pronto" come tutti quei cittadini, che avendo intuito quanto stava per accadere nel loro paese..., hanno fatto i bagagli e sono andati a vivere in un paese più civile!!!

lunedì 29 dicembre 2014

Quale futuro per questa terra...

Le mafie sono un problema internazionale e bisogna sottolinearlo con forza...
Da sempre Don Luigi Ciotti, presidente di Libera, tenta di evidenziarne i rischi, grazie al lavoro messo in atto presso il Parlamento Europeo, perché ormai, risulta evidente quanto sia necessaria una modifica legislativa sulla confisca dei beni, anche a livello comunitario.
Ora se da un lato s'avverte la speranza di un futuro migliore, di un rinnovamento nelle coscienze, dall'altro il cambiamento impone a tutti, coraggio, unione e soprattutto una nuova educazione che esprima rispetto delle regole civili, responsabilità e legalità...
Il percorso è lungo e non basteranno i soliti dibattiti e convegni, le solite testimonianze dei familiari delle vittime, come non è fondamentale incontrare i nostri politici e forse neanche noi, semplici cittadini...
Non serve incoraggiare con pranzi, concerti, spettacoli nelle piazze delle città come non è fondamentale promuovere nelle scuole quei principi di legalità, se poi, quegli stessi adolescenti tornando a casa, s'immergono in problemi familiari ben più gravi, come, trovare il padre senza un lavoro, oppure scoprire che la madre non sa cosa dover cucinare avendo il frigo vuoto o dove ancore, i fratelli, dopo essersi sbattuti per tutta la giornata, racimolare "a nero" solo pochi euro che non bastono neppure per pagarsi le sigarette...
Ed allora... cosa dobbiamo dire a quei ragazzi... quando si rendono conto da soli... che non vi è alcun futuro in questa nostra terra!!!
Di cosa vogliamo discutere, quindi????
Già, cosa può importare a quei ragazzi che in Sicilia, nella loro terra c'è la mafia ed i loro mafiosi...
Cosa può loro interessare, quando vedono che, proprio i figli di quei cosiddetti mafiosi, stanno bene... vivono nel lusso... perché a loro non manca niente..., ed allora, come si suole modificare queste certamente "povere"... coscienze???
Per favore, le parole sono belle e forse lo sono anche gli intenti, ma sono e restano solo e soltanto belle iniziative, perché, se alla fine non si cambia in maniera "decisa" quanto colluso con questo sistema, non cambierà mai nulla!!!
Non basteranno cento, mille, diecimila arresti, non serviranno condanne, sequestri e confische... non saranno mai sufficienti... perché, per ognuno di loro... c'è ne sarà sempre un'altro pronto a sostituirlo!!!
Sì... faranno a gara per prenderne il posto, anzi non aspettano altro, acquisiranno finalmente quel potere a cui da sempre aspiravano, comandare, diventare protagonisti, possedere quanto più possono prendere, per se e per i propri cari!!!
La verità è che questo sistema fa comodo a tutti in particolare proprio alle istituzioni ed alle forze politiche, che proprio attraverso quegli appoggi, hanno da sempre trovato il consenso elettorale necessario tanto ricercato...
Perché se alla fine, non si modifica definitivamente questo modo di fare politica, se non si realizzano non soltanto quelle necessarie leggi ferree contro chi delinque, ma soprattutto, non si concretizzano quelle indispensabili politiche sociali... tutto il resto alla fine risulta inutile, serve soltanto a "mantenere" quel casermone della "giustizia", fatto di commissioni, associazioni, presidenti, consiglieri, giudici, sostituti procuratori, amministratori, assistenti, segretari, portantini, ufficiali, militari e quant'altro possa soltanto servire a dimostrare all'opinione pubblica che si sta operando... si peccato che questa rappresenti, solo e soltanto, una lotta "impalpabile", sempre parziale e mai definitiva...
Perché, fintanto saranno questi gli uomini che dovranno contrastarla, se sono gli stessi uomini con cui la mafia a portato avanti trattative... e quant'altro, allora, come possiamo mai sperare che in tempi celeri, si potrà giungere a quella ricercata speranza di cambiamento, tanta desiderata da questi, sempre più rari, siciliani onesti???

domenica 28 dicembre 2014

Quando l'onestà paga...???

Chiedo scusa a tutti i miei lettori che attraverso le loro email, mi hanno in questi giorni, chiesto i motivi del mio assoluto silenzio... 
Purtroppo come ho spiegato loro, ciò è stato dovuto, ad un "improvviso" blocco del mio dominio: nicola-costanzo.com che stranamente è stato "interrotto", come se qualcosa ne abbia arrestato il servizio...
Non credo si sia potuto trattare di un qualche hacker... non sono così famoso da ricevere il loro interessamento, ma credo forse di aver intaccato con qualche mia affermazione, qualcosa che forse andava tenuto segretato.
Comunque ora sono nuovamente qui... e restando immutato a quei sani principi di libertà, riprendo da dove avevo interrotto, perché - pur non avendo avuto la possibilità di pubblicare - ho continuato in questi giorni a scrivere quanto ritenevo giusto fare emergere o replicare a particolari situazioni che ritenevo fossero state fatte passare dai media in maniera leggera, suscitando così nel pubblico il benché minimo interesse, orientando o ancor meglio diminuendo, il consenso e l'attenzione di quanti, potevano eventualmente esserne incuriositi...
Ciò di cui oggi voglio parlarvi è la notizia con cui Beppe Grillo ha aperto il proprio Blog e cioè quella dell'immagine del Pm di Matteo, posta volutamente in prima pagina sul Time...
E' evidente l'intenzione di Grillo, di voler mettere in copertina una persona onesta, cioè quella di aver trovato tra i tanti suoi connazionali... un soggetto per bene, un semplice italiano che con il proprio lavoro è riuscito dove invece in  molti... tanti... mancano!!!  
Ecco per Grillo è lui, l’uomo dell’Anno!!!
Lui... il Sostituto Procuratore di Palermo: Nino Di Matteo. 
Un uomo che viene elogiato perché raro tra i tanti... inusitato nel contesto in cui opera, difficile infatti da ritrovare soprattutto tra certi personaggi pubblici... più inclini ad operare trattative e collusioni, in un mondo disonesto e parallelo, dove da sempre il malaffare la fa da padrone e dove è frequente trovare soggetti, che invece di adoperarsi per la cosa pubblica, si facciano corrompere e si prestano a meccanismi illegali... 
Comunque, nella sua semplicità... per quanto mi riguarda, non rappresenta qualcosa d'irraggiungibile, d'inarrivabile, non possiede chissà quale rara ed unica qualità...
Ognuno di noi infatti ne possiede le caratteristiche, sono presenti sin dalla nascita, è una peculiarità intrinseca, si tratta soltanto di metterla in pratica, di concretizzarla con le proprie azioni, di porre in concreto quanto necessario per, contrastare, fare emergere, allontanare, denunciare e via discorrendo, quanto si ritiene del tutto illegale...
Non si tratta quindi di essere diversi, ma di essere se stessi, senza compromessi e soprattutto senza dover mediare la propria onesta per l'altrui disonesta!!!
Certo, in questo nostro strano paese, nel quale ovunque si guardi, si trovi ad essere circondati da corruzione e disfacimento, ecco che l'essere onesti, diventa stranamente una virtù... 
Ed allora, se da un lato, in questa immaginaria copertina mi sento onorato nell'essere rappresentato dal Sostituto Procuratore di Palermo, Nino Di Matteo, dall'altro mi sento profondamente imbarazzato, nel sapere che quel riconoscimento ricevuto, non è da inglobarsi con la propria attività professionale, ma sottolinea la difficoltà nel nostro paese di continuare a comportarsi in maniera onesta!!!
Anche perché ciò che nessuno osa dire... è che proprio in questo paese, l'essere onesti non è qualcosa da ricercarsi, anzi il più delle volte, attraverso i propri modi, si da scomodamente fastidio ad un sistema, che è profondamente marcio e che pretende di non essere mai messo in discussione da quel semplice e scomodo cittadino...
Si tratta di non perdere proprie posizioni acquisite, ruoli con tanto "sudore" conquistati ( quanto meritatamente e tutto da scoprire...), ai quali ora non si vuole certamente rinunciare!!!  
Dopotutto, se vediamo in quali modi "leggeri" vengono poi trattati, da parte della nostra giustizia, tutti quegli arresti di politici/amministratori/imprenditori corrotti, ecco se paragoniamo i danni realizzati da questi, con le pene ricevute, ecco che capiamo perfettamente, perché la stra-maggioranza preferisce essere disonesta!!!
Fintanto questo nostro sistema, permette con i suoi uomini, di realizzare leggi che non fanno altro che permettere tutti gli abusi a cui quotidianamente assistiamo, ecco che fintanto ci sarà un'impianto legislativo così iniquo e saranno sempre i soliti "fessi" a pagare per tutti (mentre i furbetti verranno nel contempo premiati),  ecco che non si potrà sperare in alcun profondo e necessario cambiamento !
Chissà se avrò la fortuna un giorno... di potere vedere nel mio paese, nella mia terra, l'onestà definitivamente premiata... 
Io comunque, continuo sempre a camminare per la mia strada... senza alcuna necessità di avere modelli da imitare ( se pur apprezzabili come il Pm N. Di Matteo ) e senza aver bisogno ulteriormente di ricevere esempi morali, in quanto da sempre posseduti e soprattutto in tutti questi anni... concretamente manifestati!!! 

domenica 7 dicembre 2014

Siamo al "livello spazzatura"...


STANDARD & POOR'S declassa l'italia a "BBB- " un rating che ci porta appena un gradino sopra a quello che viene definito "livello spazzatura"...
L'agenzia Standard and Poor's Corporation è una società privata con base negli Stati Uniti che realizza ricerche finanziarie e analisi su titoli azionari e obbligazioni, fra le prime tre agenzie di rating al mondo insieme a Moody's e Fitch Ratings....
Essa, prevede che la nostra economia dovrebbe iniziare ad uscire dalla recessione ad iniziare dal 2015, ma che alla fine le stime sulla ripresa del prodotto interno lordo resteranno modeste...
Il motivo di questa mancata crescita è principalmente dovuto ad un consistente debito pubblico e da uno sviluppo molto debole, a causa della bassa competitività in tutti i vari settori...
Se a quanto sopra, aggiungiamo i mancati investimenti esteri, ecco che il "dado è tratto"...
Sentivo alcuni giorni fa, un professore in economia internazionale, il quale dichiarava che, se il nostro paese, iniziasse oggi, a fare e riforme necessarie, i risultati comincerebbero a vedersi non prima del 2030!!!
Infatti, pur considerando i passi fatti dal premier Renzi con il Jobs Act (spiega nel rapporto di Standard & Poor's), le misure previste non creeranno occupazione nel breve termine'' e soprattutto poiché i decreti attuativi della riforma, potrebbero essere modificati alla luce di una opposizione sempre più crescente...
Certo, come si dice... "un bel rospo da digerire" per il premier, e non è proprio il momento adatto, con i problemi che in casa già si ritrova... ma sperare che con queste riforme blande si possa risvegliare a breve l'economia del nostro paese... è una pura follia!!!
Per risollevare il paese ci vogliono riforme concrete, e non continuare con i soliti twitt... bisogna ridare credito alle imprese, alla ricerca scientifica, all'università, investire sul capitale umano, unire l'insieme di conoscenze e competenze, per far si che le capacità acquisite nel corso della vita, possano divenire supporto d'idee e di strategie rinnovate, per modificare e tagliare in modo netto, quei rami vecchi ed inutili del nostro paese e premiare infine, tutte quelle giovani energie, uniche forze innovative per un paese che meriterebbe di avanzare verso un completo rinnovamento... ovviamente il tutto "ripulito" da quel sistema marcio e corrotto, che non fa altro che danneggiare non soltanto l'opinione che ormai il mondo ha su di noi... ma soprattutto qualsivoglia prospettiva futura di sviluppo...

sabato 6 dicembre 2014

ROMA...LADRONA!!!!

Ladri, delinquenti, farabutti, disonesti, lestofanti, banditi, truffatori, furfanti... e potrei continuare in eterno... è questi sono soltanto gli aggettivi cosiddetti educati... poi potrei continuare con una sfilza di quelli.... molto... ma molto volgari che certamente, ancor più si addicono, a questi cosiddetti criminali...
Il bello è che ancora tra loro c'è chi dice che nulla centri con quanto emerso e continua a girare con una macchina blu, l'autista e quattro poliziotti...
Altro che associazione malavitosa... altro che mafia... qui c'è rappresentato tutto lo schifo del nostro paese!!!
Dalla politica... ai funzionari, dai dirigenti... ai terroristi.... dai delinquenti... fino (proprio per non farci mancare nulla...) ai poliziotti, naturalmente anch'essi corrotti!!! 
Come sempre il business è costituito dagli appalti pubblici... dalle aggiudicazioni, dalle infiltrazioni nel mondo imprenditoriale, ai campi d'accoglienza per nomadi e immigrati....
I reati ci sono tutti... associazione di stampo mafioso, usura, estorsione, turbativa d’asta, corruzione, bilanci societari fasulli, fatturazioni inesistenti, riciclaggio di valori e denaro proveniente da altri reati e via discorrendo...
Dalle indagini si è potuti risalire a tutta una serie di personaggi, che gravitano nel mondo della Capitale e che hanno permesso a pochi soggetti, di affondare le proprie radici in un sistema malato e colluso, grazie in particolare a intimidazioni puntuali e mirate...
Ora tutta la politica s'indigna... ed allora dico... noi cosa dovremmo fare...
Non mi interessa chi c'era a capo dell'organizzazione e chi erano i suoi collaboratori... (quelli, questo hanno sempre fatto da sempre ), ma ciò che mi preme sottolineare è il sistema corruttivo attorno che si era venuto a creare, gente insospettabile, che per poche migliaia di euro, hanno venduto la propria dignità...
Non sto parlando di quanti percepivano 20/30.000 euro al mese... quelli seppur schifosamente ladri... possono, "se non moralmente", essere ancora giustificati da una condotta umana "meschina", alla quale tutti quelli che oggi si mostrano come sdegnati, pronti a lapidare i colpevoli, ecco non so quanti di questi, trovandosi al loro posto... si sarebbero comportati diversamente..., ovviamente entrambi offendono i principi di giustizia e coscienza morale, ma sono quelli che si sono accontentati e venduti per pochi euro che mi danno ancor più disgusto..., meschini accattoni, che per un caffè al giorno si sono prestati a questo gioco infame...
Ora ci diranno che si prenderanno nuovi provvedimenti, che le regole cambieranno... come sempre dopotutto fino alla prossima eclatante scoperta...
Si giustificano con i sequestri realizzati, con i milioni recuperati in proprietà, aziende, bar, ristoranti, pizzerie, locali vari, appartamenti, terreni, auto e moto...  e dopo che si sono mangiati Roma... dopo che hanno fatto sparire milioni e milioni di euro... ecco... che come i cowboy... arrivano finalmente le forze dell'ordine... quelle "oneste e pulite ".
Chissà se poi, oltre la capitale il giro non sia anche da estendere a tutta la regione Lazio, chissà se a breve non uscirà un'altra inchiesta analoga ( pensavo l'altra sera, se la stessa vicenda, non possa essere stata realizzata anche da noi, proprio qui in Sicilia, dove maggiore sono gli sbarchi ed in particolare se in quei centri d'accoglienza la gestione da parte di queste cosiddette organizzazioni internazionali dell'immigrazione, sia altrettanto limpida e controllata, vedasi per esempio Mineo - con il più grande centro per richiedenti asilo in provincia di Catania - oppure il Tropicana ( ex discoteca ) di Ragusa o al centro Papa Francesco di Priolo Gargallo a Siracusa, tutti ubicati lontano dai centri abitati, in un mondo a sé, in cui il richiedente asilo, vive in una situazione di spaesamento e di profonda distanza...
Tutte strutture che presentano le stesse caratteristiche, da quelle in provincia di Foggia (Borgo Mezzanone) per passare a Castelnuovo di Porto (Roma), dal centro di Bari (Palese) fino a quello di Crotone... tutti infatti rispondono ad una precisa strategia e cioè quella di – tenere lontano i richiedenti asilo dai cittadini limitrofi, ridurre al massimo ogni possibilità d'incontro e d’accoglienza - impedendo di fatto, la cosiddetta “integrazione” che nelle tante manifestazioni propagandistiche, viene promossa...
Si è vero... i migranti possono spostarsi... ma per andare dove???
Ora si vuole fare chiarezza e trasparenza, sempre dopo comunque..., giustificati questa volta dal fatto che le indagini subivano sì dei ritardi, ma a causa delle informazioni trasversali che venivano riportate a chi si trovava indagato, che ovviamente provvedeva lautamente -per tali informazioni- a ringraziare...
Mi chiedo... ma come hanno fatto gli stessi colleghi a non accorgersi che, all'improvviso, qualcuno nel loro gruppo modificava quel proprio tenore di vita, come per esempio... un'orologio al polso costoso, il cambiare l'auto con un modello di fascia alta, il trasferimento d'abitazione, il vestirsi meglio oppure con un viaggio in crociera o settimanalmente, la pubblicazione sul proprio social network o su quello della propria compagna, di foto in resort in cui alloggiare nei fine settimana???
Cos'è, per intuire o comprendere quanto stava accadendo attorno a voi, avevate bisogno di vederli sfrecciare sulle strade di Roma, chissà... se non proprio, dinnanzi al Colosseo, con belle e sgargianti colorate monoposto da F1???
E' impossibile non avvertire dei dubbi o subodorare che qualcosa si nascondesse in quel collega, quel particolare tenore di vita a cui voi non potete aspirare... o debbo presumere che forse...non erano i soli ad appartenere a quel corrotto sistema???
Qualcuno certamente sapeva ed ha taciuto... qualcun'altro ha fatto finta di non sapere, mentre molti altri, si son girati per non vedere...
Per fortuna comunque, che alla fine - qualcuno ha fatto la sua parte... e la giustizia ha vinto!!!
Come ripeto sempre qui non si tratta di aspettare i passi indietro o l'autosospensioni, qui il popolo sovrano deve iniziare a decidersi con chi stare...e non da chi deve essere governato, ma da quali soggetti vuole essere amministrato, se continuare ad avere questa "gentaglia" o iniziare definitivamente un percorso di pulizia e rinnovamento... e "purtroppo" per una volta da Siciliano... mi devo venire a trovare d'accordo con un leghista: Salvini...
Credo che ormai, sia giunto il tempo della completa metamorfosi!!!

mercoledì 3 dicembre 2014

Sentirsi ITALIANI!!!


Credo che queste foto rappresentino perfettamente la condizione attuale di gran parte dei cittadini italiani...
ITALIA un paese al primo posto nel mondo..., come... cosa sto dicendo... vi sembro impazzito...??? 
No!!! tranquilli... intendevo dire che siamo al primo posto per il record mondiale delle tasse!!!!
Abbiamo superato la quota del 53% del Pil e non lo dico io, ma uno studio dell'Ufficio Studi Confcommercio...
Siamo i più tartassati al mondo... ed il bello che quelli che pagano sono sempre gli stessi, senza considerare che nel frattempo, l'evasione, costituisce anch'essa un ulteriore primato ( circa il 18% ) di cui il nostro paese può andare fiero!!!
Una situazione che oltre a diventare a breve ingovernabile, inizia a non poter essere più sostenibile finanziariamente da quei poveri contribuenti che da anni ormai, vedono in questo Stato, soltanto obblighi e mai benefici...
Dopotutto a cosa assistiamo..., sperperi, truffe, benefit, pensioni d'oro, stipendi milionari e come tanti pecoroni... stiamo qui ad aspettare ed ascoltare quelle inutili dichiarazioni dei nostri soliti politici... che non fanno altro che prenderci per il c...
Dai calcoli realizzati, in questi ultimi anni il nostro paese ha perso in termini di Pil reale per ogni cittadino l’11,6%... soltanto la Grecia ha fatto peggio di noi, con un disavanzo del 23,2%. 
Tutti gli altri sono andati in positivo in particolare la Germania per esempio ha visto aumentare il Pil 4,4 punti percentuali...

Si parla da anni di ripresa... ma di quale ripresa non si capisce... è tutta una falsità perché ciò che conta sono sempre i numeri, ma loro quelli non sanno leggerli...
Uno Stato che basa principalmente la propria economia sulla pressione fiscale è uno stato in convalescenza... quasi prossimo alla morte!!!   
Non si possono contare..., centinaia e centinaia di tasse... che conducono ad una crescita che non supera mai - neanche nelle migliori condizioni - lo 0,1-0,3% e qualcuno ha ancora il coraggio di ringraziare per quegli 80 euro in busta paga, che avrebbero dovuto far aumentare - non si capisce in quale modo - la ripresa dei nostri consumi...
La verità è che per sopravvivere ci si è indebitati... e non si tratta come il nostro Presidente del Consiglio va ripetendo... di una mancata fiducia per il nostro paese - quella ormai se la sono giocata i suoi predecessori - qui si prende constatazione di quanto sta avvenendo e cioè del nulla!!!   
Le parole - in tempi elettorali - erano belle, ancor più le promesse - per chi ci ha voluto credere - ma la verità purtroppo è un'altra... costituisce oggi proprio il rischio più alto per la nostra economia e cioè quello di vedere nuovamente innescato un processo d'indebolimento, caratterizzato non soltanto dall'allontanamento degli investitori esteri, ma soprattutto, nell'assistere a speculazioni finanziarie che, realizzate attraverso processi di sfiducia, debilitare presto la nostra economia con azioni al ribasso...
Pensare che, con le solite manovre correttive si possano risolvere i problemi di crescita di questo paese è da folli... perché così facendo non solo non verranno risolti i problemi, ma si crea una pericolosa scintilla, che potrebbe condurre ad aggravare una tensione, che in questi mesi -sta già ovunque- sempre più inasprendosi...

martedì 2 dicembre 2014

Barbara D'Urso... e quella mancata sensibilità dei reporter...

Stasera, mi ero da pochi minuti ritirato a casa, quando in televisione si stava parlando del piccolo Loris Andrea, barbaramente ucciso in Provincia di Ragusa.
Erano le 18.28 quando in diretta, viene inquadrata (nella più completa oscurità) un'area, dalla quale - parzialmente illuminata - erano, posti in ginocchio, i genitori in preghiera...
Stavano posando dei fuori, lì per terra... non molto lontano da dove, il loro bambino, ha vissuto tragicamente gli ultimi istanti della propria vita...
Un momento di profondo dolore, di grande tristezza, una di quelle esperienze che non si vorrebbero mai vivere... e non parlo in prima persona, ma anche quando ne subiamo il dolore da spettatori inermi...
In una circostanza così triste, però, diventa inconcepibile assistere a dei reporter (a qualunque organizzazione essi possano appartenere), che nello svolgimento della propria professione, sfruttano le disgrazie altrui, per eccedere su quanto loro richiesto e chissà se forse, non si cerchi - con il proprio operato - di promuovere non solo se stessi ma anche l'audience del programma per il quale si sta trasmettendo...
Mi sento profondamente frustrato, nel dover vedere quella mancata sensibilità, anche di coloro che, in virtù di presentatori dovrebbero essere garanti di quella riservatezza, di quel rispetto che proprio in questi particolari momenti è fatto anche di silenzi...
Ho assistito in diretta ad un incivile comportamento, ad una aggressiva e inconcepibile maleducazione, la mancanza totale di quei valori civili e morali, rozza e insolente manifestazione che punta principalmente a voler sfruttare in modo morboso, l'altrui sofferenza...
Come può chiamarsi, se non cafonaggine, indifferenza, incuranza, quella di voler riprendere a tutti i costi ( peggio ancor... di quanto fatto da quegli odiosi paparazzi di Lady D ) un momento intimo, insistere... nel voler avvicinarsi a tutti i costi per non perdere un'urlo, una lacrima...
Com'è possibile proiettare a pochi centimetri quel fascio di luce accecante... sui visi dei genitori accovacciati, lì inginocchiati, a pochi passi da quel profondo dramma...
Dover costringere un genitore a reagire in modo violento per poter ottenere un po' di privacy, una ricercata intimità per tentare di giustificare quella condizione, la difficoltà di un figlio portato via ingiustamente... un figlio che ora non c'è più..., Invece di accompagnare quel lutto profondo con discrezione, questi modi d'operare di pseudo reporter, non fanno altro che inasprire ulteriore violenza...
Vedere in quali modi s'interferisce nella vita dei familiari, di chi ha dovuto subito in prima persona, questa lacerazione al cuore, continuare a riprendere con la videocamera, rincorrere il nonno all'interno di un negozio, piazzarsi con auto, furgoni, telecamere, macchine fotografiche e quant'altro per poter immortalare la disperazione delle persone... è profondamente scorretto!!!   
Non c'è..., già non ci può essere giustificazione 
per tali comportamenti...
L'attenzione da parte dei giornalisti dovrebbe essere indirizzata alla ricerca ed al sostegno che, attraverso le dichiarazioni di quanti presenti, possano condurre a facilitare la cattura dell'assassino, di quel quel criminale che ancora circola liberamente, che ha ucciso e commesso un delitto infame e che merita ( a differenza di quanto in molti obbietteranno ) una "giustizia" certamente opposta a quella che purtroppo invece riceverà appena agguantato, prima dai nostri tribunali e poi ( debbo aggiungere a sostegno di chi ancora crede...) da quel perdono "divino"...
Cara Barbara, lo capisco..., in un mondo nel quale ogni giorno ci vengono presentate scene di violenze familiari, vittime di femminicidio, terroristi che sgozzano, omicidi realizzati non soltanto dalle solite associazioni criminali... e via discorrendo, potresti pensare che questo mio attacco, nei riguardi della tua trasmissione, è un po' fuori luogo, perché sarebbe... come voler vedere la pagliuzza e non vedere la trave!!!
Ma sta proprio lì la differenza..., vedi, non è mia intenzione considerare la tua trasmissione "inutile e futile" come quelle che giornalmente vengono mandate in onda, quelle certamente sì... del tutto "inservibili ed inconcludenti", ma è proprio perché non è mia intenzione criticare o fare di tutta un'erba un fascio, che chiedo te, di correggere, i comportamenti dei tuoi collaboratori, di voler considerare per un'istante che forse, in questi anni, questa continua intromissione, sia divenuta non soltanto invasione dell'altrui libertà... ma soprattutto si sia trasformata in vera e propria violenza, che certamente non opera alcun spargimento di sangue, ma che di fatto, aggredisce l'animo umano...
Non dico quindi che sia ingiusto parlarne... anzi tutt'altro, non si vorrebbe farlo... ma è corretto che certe informazioni vengano date, perché soltanto così, purtroppo, ci si può preparare da tutti quei possibili pericoli, che "particolari" cortesie gentili da parte d'estranei, potrebbero alla fine condurre a conclusioni ben diverse da quelle a cui si era -causa di una sommaria e frettolosa analisi- creduto!!!

lunedì 24 novembre 2014

A... votare??? Nessuno!!!

Erano in molti a pensare che ci sarebbe stato un calo dell'affluenza... ma forse in pochi immaginavano ad un tracollo così deciso!!!
Le elezioni regionali in Emilia Romagna ed in Calabria, sono state vinte dall'astensionismo!!!
Hanno votato in media circa quattro elettori su dieci ed in particolare nella regione emiliana, con da sempre la maggiore affluenza e soprattutto sempre ligia al dovere quando si è trattato di andare a di votare per il proprio partito di colore "rosso", ecco che anche da loro, si conta soltanto un terzo degli aventi diritto...
Difatti, il prossimo presidente della Regione sarà il primo ad essere eletto con un numero di votanti inferiore non solo al 50%... ma bensì al 37%...
Un segnale chiaro a tutti... anche se come sempre i nostri politici faranno finta di non capire e cercheranno le solite attenuanti...
Ha vincere sono i cittadini che ormai sono stanchi di tutta questa politica inutile che cerca solo di salvaguardare le proprie posizioni, quei privilegi che continuano ancora a mantenere, alla faccia proprio nostra che invece continuiamo come sempre a dover pagare...
In Calabria - ma lì il voto viene ancora oggi influenzato dalle solite "amicizie" e da quel clientelismo speranzoso dal quale si spera di poter ricevere un vantaggio per se o per un proprio caro...
In definitiva sono andati a votare il 43,8% dei cittadini contro il 59% delle elezioni del 2010... ma comunque sempre più di quella temuta astensione, di cui in tanti si preoccupavano...
Una cosa è certa la politica ha perso..., perde su tutti i fronti, perde ogni giorno con le scelte inique che va facendo, perde mantenendo quei privilegi, perde non adottando vere politiche di sviluppo, di ricerca, d'innovazione...
Perde soprattutto quanto è convinta che con qualche Twitt... si possa modificare un paese allo sbando o con le solite frasi fatte... nelle quali si colpevolizza coloro che con le proprie affermazioni - secondo loro - remano contro questo sistema... ( ma se ormai non cè più neanche la barca...).
La settimana scorsa nel programma serale "Otto e mezzo" condotto dalla giornalista Lilly Gruber era presente la Prof.ssa Mariana Mazzucato - se riuscirete a vedere il video resterete profondamente colpiti dalle parole adottate e da quelle procedure, che a suo dire uno Stato dovrebbe realizzare...
Sono riportate nel Suo libro intitolato " Lo Stato innovatore " nel quale diversifica l’impresa privata considerata da sempre una forza innovativa, mentre lo Stato bollato come una forza inerziale, troppo grosso e pesante per fungere da motore dinamico...
Chi è difatti l’imprenditore più audace, l’innovatore più prolifico? Chi finanzia la ricerca che produce le tecnologie più rivoluzionarie? Qual è il motore dinamico di settori come la green economy, le telecomunicazioni, le nanotecnologie, la farmaceutica? Lo Stato.
È lo Stato, nelle economie più avanzate, a farsi carico del rischio d’investimento iniziale all'origine delle nuove tecnologie.
È lo Stato, attraverso fondi decentralizzati, a finanziare ampiamente lo sviluppo di nuovi prodotti fino alla commercializzazione ed ancora è lo Stato il creatore di tecnologie rivoluzionarie come quelle che rendono l’IPhone così "smart": internet, touch screen e gps.
Ed è lo Stato a giocare il ruolo più importante nel finanziare la rivoluzione verde delle energie alternative.
Ed allora, se è lo Stato il maggior innovatore, perché allora tutti i profitti provenienti da un rischio collettivo finiscono ai privati?
Per cui alla fine altro che elezione... qui ci vorrebbe forse una... @§#@çò*^one!!!

sabato 22 novembre 2014

Li hanno uccisi due volte...



Si, una prima volta li ha uccisi l'Eternit... ed una seconda volta, tutte quelle anomale procedure, create a modello "escamotage" da questo nostro Stato...

Uno Stato che dovrebbe difendere i propri cittadini, essere garante dei diritti dei più deboli contro i più forti, usare quel principio salomonico per il quale vale sempre la regola principale della giustizia... ed invece... ciò che viene realizzato è tutto il contrario!!!
E' stata creata appositamente - da parte dei soliti furbetti - la regola della "prescrizione" ed allora perché non approfittarne!!!

Infatti al processo di terzo grado, in Cassazione è arrivata la decisione della sentenza: la corte ha dichiarato prescritto il reato, e non solo, sono stati annullati anche i risarcimenti per le vittime...
Ma forse, chi doveva essere condannato era soltanto un poveretto,  che poco sapeva dell'utilizzo di questo materiale pericoloso, un'imprenditore che tentava di portare soltanto avanti la propria azienda???
No!!! Un vero e proprio magnate - per di più svizzero - il miliardario svizzero Stephan Schmidheiny ( poi chissà perché l'azienda era venuto a farla proprio qui, resta un altro mistero... già a quest'ora - se pur con dispiacere - sarebbero i suoi con cittadini e forse qualche suo parente a piangersi i morti...) che ovviamente ne esce indenne...
Ora tutti a gridare allo scandalo, una vera e propria vergogna e c'è chi tra la folla grida con rabbia "siete servi dei padroni"...
Certamente qualche errore sulla procedura adottata -così come dichiarato dal procuratore generale- credo ci sia stata, tra cui, non avere legato gli omicidi delle vittime al disastro ambientale...
Ora che il processo è andato come andato, si tenta di riaprirlo non più per disastro ma per omicidio... 
Mi chiedo, come sia possibile che esperti legali, abbiano operato tale scelta???
Come è possibile che prima di procedere a questo dibattimento non abbiano provveduto a valutare tutte quelle soluzioni a disposizioni della controparte???
Perché non hanno blindato - tutte quelle eventuali circostanze - che avrebbero sicuramente portato ad una diversa soluzione???
Come è possibile che oggi assistiamo ad una assoluzione???
Tutte domande che i familiari (per nome/conto delle vittime) dovrebbero farsi e chissà se tra queste risposte,  non ci sia proprio quella di dover cambiare i legali???

venerdì 21 novembre 2014

Quanti amici hai su Facebook o Twitter???


Sembra che ci sia gente "malata", che non avendo un cazzo da fare... trascorre la propria giornata, invitando amici sui social network, in particolare su Facebook/Twitter...
Sperano in tal maniera, d'aumentare in modo esponenziale il numero di persone -a loro modo- "conosciute"...
Si viaggia in media d'invitare circa 500 persone al giorno, per giungere a circa 15.000 in un mese...
Numeri fuori di testa... perché di tutti questi - chissà forse - se ne conosce davvero soltanto un centinaio...
Così facendo, si sentono famosi, importanti, credono di aver raggiunto il successo... ma la verità in fondo... è che non li conosce nessuno!!!
Sono degli emeriti sconosciuti, non scrivono nulla, condividono di solito quanto fatto da altri, postano quasi sempre post inutili... e quando non sanno cosa aggiungere... ci fanno un resoconto fotografico della giornata appena trascorsa...
Esiste comunque un calcolo matematico che descrive quanti amici può davvero - nel corso della propria vita - avere un essere umano e la risposta sembra si aggiri intorno ai 150...
È questo il Numero di Dunbar: ovvero,  rappresenta il limite cognitivo teorico che concerne il numero di persone con cui un individuo è in grado di mantenere relazioni sociali stabili, ossia relazioni nelle quali un individuo conosce non solo l'identità di ciascuna persona ma come queste, si relazionano con ognuna delle altre...
Il numero è stato introdotto dall'antropologo britannico Robin Dunbar, il quale ha individuato una correlazione tra le dimensioni dell'encefalo dei primati e quelle dei gruppi sociali degli stessi. 
In seguito, applicò la sua teoria usando le dimensioni medie dell'encefalo umano e, evincendolo dai risultati degli studi sui primati, giunse alla conclusione che gli esseri umani sono in grado di mantenere solo 150 relazioni sociali stabili.
Quindi, in definitiva, questa rappresenta la quantità massima di persone che possono far parte del nostro emisfero emotivo, superare tale limite rappresenterebbe solo ed esclusivamente una perdita di tempo...
Per cui, alla fine, chi sono tutte le restanti persone con cui condividiamo i nostri pensieri, le nostre azioni quotidiane, le nostre emozioni, i passatempi, gli amici, le vacanze, i familiari, ecc... fino a giungere ad informazioni che sarebbero di esclusivo carattere personale e privato???
Anche perché a molti sfugge che, un preciso "osservatore", visionando quanto da Voi pubblicato, può giungere a realizzare un profilo della Vs. persona, dell'abitazione nella quale vivete, del tenore di vita...
Ed ancora, quale auto possedete, quali e quanti oggetti vi sono in casa... e non parlo soltanto della vostra, ma anche quella dei vostri amici, dalle foto è possibile capire quali regali avete ricevuti, quali gioielli vi sono stati regalato dal Vs. partner, ed ancora se vivete da soli o in compagnia, se avete bisogno di un conforto, se siete felici o tristi, dove lavorate e quale professione svolgete, se siete alla ricerca di una storia sentimentale importante... o se volete soltanto divertirvi...
Non tutti coloro che vi osservano sono persone perbene... molti e sono i tanti -in particolare se non fanno realmente parte dei Vs. amici- possono essere dei lestofanti, fino a nascondersi tra essi dei veri e propri criminali, psicopatici, pedofili, ladri e purtroppo come abbiamo sentito in questi anni...anche assassini...
Cosa fare quindi... per difendersi???
Innanzitutto proteggere la propria privacy... non accettare inviti da sconosciuti, eliminare quanti vi contattano "stranamente" dopo anni in cui vi eravate persi... semplici conoscenti di cui poco sapete e che adesso "euforici" vi contattano..., insomma, una massa di gente di cui non sapete nulla...
Ed ancora, cercare di non pubblicare mai l'interno delle vs. abitazioni, di avvisare i vs. figli - abituati ormai ai continui e diffusi selfie - di non fotografare oggetti o parte della abitazione stessa...
Se non vi volete trovare ad avere successivamente dei grossi fastidi, se soprattutto volete evitare di ritrovarvi in situazioni difficili da gestire o con situazioni o rapporti equivoci, che inevitabilmente portano con sé tutta una serie di spiacevoli conseguenze... ecco prima di accettare una amicizia... bisogna innanzitutto iniziare a fare pulizia tra i propri contatti...
Si è vero... questo gesto comporta chissà forse qualche sacrificio, non sarete più così numericamente importanti, non scalerete più le classifiche generali dei social network, ma chissà forse un giorno, così facendo... mi ringrazierete!!! 

giovedì 20 novembre 2014

Fatti non foste per viver come bruti, ma per seguir virtute e conoscenza...

Sin da piccolo, sono stato educato a credere nella disciplina, nella gerarchia, nell'ordine e soprattutto nella giustizia...
Crescendo, ho provato di mettere in pratica il rispetto di quei precetti, facendo in modo che, questo mio carattere "autonomo" non facesse affiorare quanto in autorevolezza questo mio Dna di suo già non possedesse è cioè, quell'insita predisposizione a svincolarsi da certe regole determinate, a differenza dei tanti, che proprio con le loro azioni, evidenziano quanto siano ben disposti ad essere dominati...
Non si è trattato mai d'influenzare gli altri o quantomeno di plagiare le altrui scelte e mai azione è stata intrapresa per condizionarne gli eventi, come nessuna forza fisica ha imposto qualcuno a doversi sottomettere, qui, non si è voluto ad ogni costi primeggiare sugli altri e nemmeno suggestionare con arroganza...
Quanto alcuni di noi possiedono, è qualcosa di insito e di naturale... non c'è niente di divino, non si possiede alcun "alone dorato" che muove - quasi vi fosse una forza sovrannaturale - gli altri a seguirlo...
Questa emancipazione nasce da dentro, da quell'essere padroni di se, dal ricercare in ogni occasione quell'equilibrio personale...
Si tratta di portare a confronto le proprie - più o meno valide - argomentazioni ed ascoltare nel contempo le ragioni altrui, valutare insieme agli altri e in modo corretto gli sviluppi, senza preclusioni o preconcetti, determinando se quanto esposto tra gli intervenuti, potrà essere ritenuto ragionevolmente valido...
Premesso che - siamo tutti importanti ma che nessuno è indispensabile- ho cercato nel corso degli anni, di avere continuamente in mente questa citazione, in particolare quando mi sono dovuto trovare nella posizione di dovermi confrontare con gli altri, quando cioè, non vi era alcuna necessita di paragonare i differenti ruoli ricoperti o quando le responsabilità personali erano assolutamente diverse in correlazione agli incarichi ricevuti, ma soprattutto in considerazione delle sanzioni previste per essi dalla legislazione vigente...
Medesima situazione si è ovviamente ripetuta nei confronti di coloro che, per evidenti proprie e dirette posizioni, si trovavano in situazioni superiori e certamente predominanti ...
Purtroppo però, come in tutti i frangenti della vita di ognuno di noi, mi sono dovuto imbattere in qualcuno che ahimè... soffriva di "mancato protagonismo"  e quindi, per i più svariati motivi, mi sono ritrovato -a fasi alterne- qualcuno, che senza alcun preciso motivo si sia voluto interporre nella mia vita...
Non so come definirlo... un tentativo di danneggiarmi, di mettermi in cattiva luce, un modo per screditarmi o di rovinare la mia reputazione, una precisa ricerca su come trovare nella mia persona quell'eventuale punto debole, quel voler allontanare il sottoscritto... per avere così la possibilità egli stesso d'eccellere...
Quella ossessionata ricerca, che permetteva loro, di potermi definitivamente osservare da un punto di vista superiore, quasi ci trovassimo in una di quelle competizioni, nelle quali si prova a tutti i costi, di superare chi ci precede, tentando di raggiungere quella posizione... pur sapendo il più delle volte... di non esserne meritevoli.
Scorrendo i flashback della mia vita, mi sembra di rivedere da adulto... quei modi di gelosia fanciulleschi ( perché a quella età... non si può certamente parlare d'invidia... ), dove i miei ex compagni dell'elementare, tentavano in tutti i modi, d'impressionare la maestra che "casualmente" però... aveva un debole per me.
Crescendo questa "strana" antipatia è sempre andata aumentando..., ricordo quando nelle scuole medie, i miei compagni mi volevano "linciare", quando seppero che avevo vinto ad un concorso nazionale tra scuole, l'enciclopedia  per il dipinto più bello ( e che mio padre - da gran signore quale è sempre stato - donò alla scuola stessa...), o come quando al diploma, tutti erano a controllare il mio voto che fu ( insieme ad un collega ) il secondo più alto e non solo per l'istituto, ma per quanti ebbero quell'anno a sostenere l'esame di tutto il comprensorio per la nostra provincia...
La stessa situazione si è ripetuta successivamente all'Università... (fintanto che ho dato esami...) prima di seguire le orme di Fiorello nei vari villaggi turistici/alberghi, dove anche lì... ho lasciato un segno indelebile...
Ovviamente, tengo per me, quei momenti particolari nei quale - modestamente - io ero predisposto a primeggiare..., ma, volendo balzare, per giungere direttamente ai periodi professionali, ecco che sintetizzando, anche lì, purtroppo, ho sempre avuto "qualcuno" di riflesso che ha tentato di mettere in discussione gli ordini ricevuti o di discutere le procedure e quindi la messa in pratica di quelle azioni...
Ancor più quando, nel mostrarsi amico, ha poi successivamente tentato di pugnalarmi... un continuo tentare di gettare fango, sperando di far vacillare negli altri (quasi sempre poi i superiori, titolari, ecc.. delle aziende nelle quali entrambi operavamo ) quelle certezze che avevano riposto nei miei riguardi...
L'errore che però in molti commettono - è dovuto sicuramente a quanto poco mi conoscono -  e quello di confondere i modi signorili ed a volte permissivi, in proprie convinzione personali nelle quali credono sia possibile permettersi manifestazioni personali e professionali, irrispettose ed altezzose... pur non avendone lo status!!!
Ecco..., quello rappresenta l'errore più grande che nei miei riguardi possa compiersi..., perché ( come dice quel proverbio cinese: siediti lungo la riva del fiume e aspetta prima o poi vedrai passare il cadavere del tuo nemico ), si da inizio ad una contesa che ha sempre portato ad una ed una sola conclusione...
Poi, allorché s'assiste alla mia "istintiva" reazione ( è come nella savana... un vera e propria impulso di sopravvivenza), si resta interdetti, il più delle volte si reagisce in maniera offesa, poiché non si era preparati e soprattutto non s'aspettava una tale replica...
Perché poi, alla fine, questi soggetti... sono come tutti quei provocatori... lanciano la pietra ma vorrebbero nascondere la mano, o come quando chiamati personalmente, alzano il dito indicando il proprio compagno quale "unico responsabile", sono gli stessi dopotutto che non muovono mai una foglia, non si espongono mai in prima persona, cercano di non dover essere richiamati, sospesi lì... bravi al loro posto, nessuna lotta per quei propri diritti evitando gli scontri personali, stanno nascosti dietro quelle barricate... protetti, mentre a combattere mandano sempre gli altri... quelli appunto come il sottoscritto...
Tutta questa  gente... mi fa solo tanta tristezza, perché nel voler gestire i propri compiti ed il lavoro dei colleghi, discorda, non con quel preciso ordine ricevuto, ma "stranamente" con chi l'ha consegnato, perfetta rappresentazione di quella "fallacia ad hominem", cioè quel voler giudicare (indipendentemente da chi lo ha emesso) il messaggero, e non il messaggio!!!.
Ma come dice il proverbio... "Ambasciatore non porta pena", per cui... non si riesce a capire perché alla fine, si suole colpire proprio colui che non possiede in se alcuna colpa... se non quella esclusiva di aver accettato l'ingrato compito di comunicare le altrui richieste...
Vorrei concludere riportando un passo del "divino" Dante che più di altri si coniuga per questi soggetti, sperando che con il tempo, qualcosa in loro possa correggersi...: fatti non foste per viver come bruti, ma per seguir virtute e conoscenza...

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo