Translate

mercoledì 26 dicembre 2012

Femminicidio...

Per fortuna il volantino è stato ritirato ed anche lo pseudo sacerdote risulta sparito nel nulla e speriamo che non torni più a celebrare messa in altre parrocchie...
La pazzia dell'uomo si manifesta in molte vesti e tra queste c'è anche quella talare, in particolare ciò è quanto successo al parroco della chiesa di San Terenzo a Lerici, che riprendendo una lettera pastorale " Mulieres dignitatem " muove dubbi sul "femminicidio", accusando proprio le donne, che attraverso il loro modo di vivere, di mostrarsi, nei manifestati comportamenti, si sono allontanate dalla virtù e dalla famiglia...
Già la colpa delle donne è quella di provocare, generando attraverso particolari usi e costumi, una forma di violenza estrema, generata questa, sia nel pubblico che nel privato, con maltrattamenti fisici e psicologici, sessuali e familiari, ponendo gli aggressori, il più delle volte impuniti, da regole maschiliste e da Istituzioni disinteressate, accompagnando così la donna violentata e indifesa, a trovare e giustificare, quale unica soluzione a quella ricercata libertà... il suicidio!!!
Ed è così che Pietro Corsi ( chiamarlo " Don " mi fa venire il volta stomaco... ) pubblica nella propria bacheca, quanto egli considera corretto, cioè che il comportamento delle donne, debba passare attraverso una autocritica..., dove le responsabilità di quanto possa avvenire all'interno delle case, delle famiglie, sia da imputare ad entrambi le parti ed in particolare alle donne...
Questa autonomia, tanto ricercata da parte delle donne, questa voluta autosufficienza, questo modo libero di vivere i rapporti, questa libertà sessuale manifestata, provoca tensione ed in alcuni soggetti manifestazione di forza, che non sapendosi esprimere, attraverso le parole ed il dialogo, sfocia in reazioni che conducono alla violenza...
E' quindi, di chi è la colpa se come scrive nel suo volantino, le ragazze o le signore mature, circolano per strada, con quei vestiti provocanti e succinti... e quanti tradimenti si consumano sui luoghi di lavoro, nelle palestre o nei cinema? 
Potrebbero farne a meno..., già costoro provocano negli uomini istinti animaleschi, provocando quando non facilmente percorribile, violenze o abusi sessuali..., quindi alla fine care donne... la colpa è vostra perché ve la siete cercate!!!
Ora quello che disgusta non è credere che una persona, con forti problemi psichici, possa giungere a condividere una qualunque lettera, che nasconde al suo interno un messaggio subliminale, pericoloso e perverso..., ma sapere che coloro che si sentono predestinati a dover trasmettere messaggi d'amore e di pace, manifestano e giustificano, atti criminali che vanno sempre condannati e dove coloro che li commettono, debbono ricevere misure restrittive esemplari, potendo stravolgere le attuali regole carcerarie, ponendo così questi criminali, in Istituti penitenziari a conduzione femminile...
Tollerare ancora, da parte di preti, manifestazioni del genere, palesano logiche di una inespressa mascolinità, trovando conferme in quelle soffocate inibizione per l'altrui sesso e dove passate e represse umiliazioni, nascondono oggi gli effetti della propria omosessualità...  
Preferisco quindi l'amore decantato da padre Vito Lombardo, parroco della chiesa di San Lorenzo, che durante l'omelia, ha dichiarato ai propri fedeli presenti, il proprio amore per un ragazza di Marsala,  che entro quattro mesi gli darà un figlio...
Ecco almeno un uomo, prima ancora che prete..., ha deciso di provare e trasmettere con un gesto, quell'intima manifestazione gratuita d'amore, verso un altro simile..., già, lo stesso messaggio d'amore che c'è stato trasmesso per millenni, dove attraverso l'unione si giunge alla fiducia, alla consapevolezza ed alla responsabilità, non soltanto per noi stessi, ma soprattutto nei riguardi del  nostro partner...

giovedì 20 dicembre 2012

Santa Romana Chiesa...

In un tempo di crisi, siamo sempre più incoraggiati dalla nostra Chiesa, a limitare l'acquisto di tutti quei beni futili e non necessari e ci viene chiesto di metterci a disposizione degli altri, di provvedere  ove possibile, ad aiutare innanzitutto il nostro prossimo...
Ecco che in Sicilia, dove la religione è fortemente sentita, dove le tradizioni hanno una importanza fondamentale, dove certi comportamenti, hanno condizionato le scelte fatte dai nostri avi, dove simbologie pagane sono state accostate alle immagini sacre, già una regione la nostra, dove fede e superstizione convivono da sempre...
Così, ci si aspetta che anche dall'altra parte si faccia lo stesso, in un momento di rinuncia, proprio gli uomini di Chiesa, mostrino quale strada percorrere...
Ed invece scopri che non è così... già qualcuno elargisce e loro ovviamente non disdegnano...
Infatti, tra gli uomini di Chiesa, c'era anche il nostro ex Presidente della Regione, che tra una preghiera e l'altra è riuscito a trovare ben otto milioni di euro, da poter distribuire a parrocchie ed oratori...
E certo, perché se da un lato si predica bene, dall'altro si razzola male, ed è così che i beni ecclesiastici, quelli che da sempre non pagano tasse..., ricevono così i nostri soldi, per manutenzioni, formazione, seminari ed attività varie che poco hanno a che fare con la comunità...
Ora, capisco i preti ed i loro funzionari, che fanno ciò, quasi fosse un mestiere e quindi provano a trarre in tutti i modi possibili, quei mezzi necessari per il loro sostentamento, quand'anche questi possano giungere per vie insolite, nascoste ed inconsuete, e dove, se necessario, bisogna evitare di diffonderne la notizie, considerato il particolare momento, che verrebbe certamente visto, in maniera negativa...
Ho letto in quali modi ed a chi gli stanziamenti sono stati indirizzati... e pensare che molti di questi soldi, non verranno utilizzati per lo scopo a cui sono stati destinati, mi fa ancora più rabbia...
Uno spreco, già un'ulteriore spreco verso strutture, che sono destinate alla fine a rimanere lì, inutili mausolei, tra centinaia di edifici, copie di quelle già presenti...
Ovviamente dalla Chiesa, mi sarei aspettato un comportamento più coerente, adeguato con l'istituzione che rappresenta, e proprio perché, si prodiga a forza moralizzatrice, avrebbe dovuto cercare almeno, di non cadere in antitesi, per non mostrare incoerenza a quei principi, che da sempre va enunciando...

lunedì 17 dicembre 2012

Concorso a cattedre...

Oggi 17 Dicembre inizia per circa 320.000 insegnanti, la speranza di poter divenire insegnanti di ruolo...
Un posto ogni 28 professori, per poco più di 11.500 cattedre da assegnarsi, attraverso prove pre-selettive, che prevedono test dove si dovrà rispondere a 50 domande, su una banca dati di 3.500...
Ovviamente quanto sopra ha destato molti dubbi e perplessità, innanzitutto per aver anticipatamente già fornito le risposte, dando così a tutti la possibilità di prepararsi quasi fosse un quiz per l'esame della patente...       
Ma non solo, appena sapute le domande comprensive delle risposte, sono usciti in circolazione dei software che permettevano di prepararsi ai test, fornendo immediatamente i risultati dei test effettuati e correggendo da subito le risposte date...
Non dimentichiamoci che sono sufficienti per passare la selezione, 35 domande sulle 50 e conoscendo a monte le domande e le risposte, possiamo dire che anche le mie figlie, che possiedono una memoria visiva formidabile, riuscirebbero a passare semplicemente il test... 
Ovviamente le regole di questo concorso contrastano quanto richiesto dalla Direttiva Europea, ma come sappiamo da noi le regole esistono proprio, per essere violate... ed ancora questo concorso non tiene conto di tutti quegli insegnanti precari, che da anni si trovano in lista d'attesa... una attesa che non arriverà purtroppo mai!!! 
Quindi perché invece di pensare d'inserire coloro che erano in graduatoria si è pensato a realizzare un concorso...???, semplice per poter favorire i figli dei soliti amici appartenenti alla casta, che essendo da poco laureati, non sarebbero riusciti con questo stato di cose, ad entrare definitivamente nel sistema scuola se non prima di trent'anni...
Ed allora ecco escogitato il concorso... , la trovata è veramente geniale..., con un colpo di spugna si gettano via, anni di precariato, mentre si regolarizzano docenti che non possiedono neanche l'abilitazione all'insegnamento... 
La scuola ormai in questo ventennio, ha toccato il fondo e si è giunti ad un punto di non ritorno, dove i docenti non trovano più quel fervore, quella creatività e quella ispirazione che da sempre ha caratterizzato la  conduzione a compiere una professione, che è stata sempre considerata, non un semplice lavoro,  ma un atto nobile e d'amore verso gli altri, trasmissione di conoscenza, crescita dell'individuo...
Nel contempo gli alunni, trovando questa confusione e disorganizzazione, aule costituite da 30-40 ragazzi, programmi che per essere realizzati, scorrono in maniera talmente celere, che non possono essere minimamente approfonditi ed è cosi che alla fine i nostri ragazzi, risultano sempre più impreparati...
Comunque, alla fine il concorso è partito..., e posso dire sin d'ora, che mi aspetto di dover sentire nei prossimi giorni, che qualcosa non sia andato per il verso giusto, che i computer abbiano dato risultati discordanti, che qualcosa abbia condizionato le risposte, che qualcuno abbia saputo approfittare del sistema per violarlo..., ma soprattutto se i soliti raccomandati predisposti a vincerlo questo concorso, dovessero non farcela, ecco che allora si troverà il modo alla fine di doverlo ripetere... senza dimenticare che comunque, si potrà sempre fare ricorso...

domenica 16 dicembre 2012

Software open free... nella Pubblica Amministrazione...


Ormai, ovunque si volga l'orecchio, si sente ripetere che questo è per il nostro Paese, un periodo di crisi e di estrema difficoltà, dove tra le prioritarie regole, c'è il risparmio ed il contrasto alla illegalità ed agli sprechi...
Allora mi chiedevo, dal momento che la pubblica amministrazione spende i nostri soldi, ed abbiamo visto in questi giorni in quale maniera, i consiglieri della Regione Lombardia, si facevano rimborsare, propri acquisti, come se nulla fosse... ecco sperando che le regole fin qui non osservate e fatte rispettare, da parte di coloro che erano deputati a tale compito, ecco che quindi, con la speranza che qualcosa possa finalmente cambiare..., pensavo opportuno suggerire che, nel limitare l'utilizzo improprio del denaro pubblico, tutti gli amministratori, iniziassero a dare regole certe, sui modi ed i comportamenti da doversi utilizzare, nel confermare le forniture richieste...
Quindi, pensavo che si potrebbe iniziare a risparmiare, utilizzando software free invece di tutti quelli registrati che oltre al prezzo d'acquisto, legano noi con aggiornamenti costanti ed a pagamento...
Quindi perché non adottare software open, già soltanto questo farebbe risparmiare alle nostre casse centinaia di migliaia di euro, date soprattutto a società che, essendo quasi tutte estere, non pagano in tasse al nostro paese, neanche un euro...
Si ammetto che questo è soltanto un piccolo passo, nel Paese dello spreco..., ma ogni piccolo passo può rappresentare un punto di partenza e se non si inizia, non si avrà una fine!!!
O meglio, una fine ci sarà sicuramente, se continuiamo ad assistere immobili alle ruberie dei nostri amministratori, ma soprattutto se ci si compiace, nel voler appoggiare ogni loro scelta, condividerne le proposte, credere alle loro parole, sperare che così facendo, un giorno verrete premiati...
Poveri illusi, non vedete che sono tutti d'accordo..., questo è un sistema che non si vuole cambiare, perché così com'è, va bene a molti ed in particolare a loro..., che possono continuare a dilapidare i nostri sacrifici, continuando a vivere le loro vite, sulle nostre spalle...
Vedere, con quanto sentimento, assistevano stamani all'Inno di Mameli, diretto dal grande maestro Riccardo Muti, già, osservare con quanta intensità ed emozione, trasmettevano noi,  quel senso di patriottismo...
Si, messi tutti in fila ad ascoltare l'Inno Nazionale, cosa avranno realmente provato...,  chissà se per un momento avranno pensato ( ripercorrendo i fatti che in questi anni sono andati emersi), se realmente fossero degni di rappresentarci e se quanto finora fatto, insieme ai loro colleghi, potesse essere quanto di meglio, dovevamo augurarci...
Lascio alle coscienze la risposta..., in un momento in cui le festività hanno il sapore amaro della sconfitta, desidero comunque augurare loro, di poter godere... delle stesse difficoltà, che finora hanno riservato a noi...

mercoledì 12 dicembre 2012

Ignoranza... povera ignoranza!!!


Ho letto che da uno studio svolto in questi giorni, tramite monitoraggio web, quasi la metà degli italiani commette errori madornali in ambito letterario... in particolare a certe richieste le risposte erano del tipo: la Musa di Dante? La Monna Lisa oppure il deserto dei Tartari? Una marca di dentifricio...ed ancora Don Abbondio... è il nemico di Peppone, Pinocchio ???... scritto da Walt Disney...
Per cui interrogati su autori, romanzi e personaggi della tradizione letteraria nazionale e mondiale, un italiano su due rispondeva in maniera errata, ciò è dovuto principalmente alla poca lettura di giornali e libri, ed anche frutto dell'utilizzo del Web e dei suoi social network che portano a ridurre drasticamente i contenuti ,attraverso piccoli messaggi o come si vuole ormai definirli... Twit!!!
Basta girare per le proprie città è vedrete che i giornalai vanno sempre più svanendo mentre le librerie chiudono..., anche le fiere specializzate hanno presentato dei cali nelle presenze ed ormai vanno scomparendo anche coloro che prima vendevano nelle bancarelle di strada... 
Gli stessi ragazzi... non leggono, a stento utilizzano libri scolastici, ridotti all'osso, quasi fossero parenti dei famosi " Bignami " e non parliamo dei romanzi, fatti acquistare dai professori a noi genitori, su temi ed argomentazioni a volte veramente banali e ridicoli e scritti da autori totalmente sconosciuti... che poi, per sostegno ai figli o per non dissolvere quanto speso, si finisce alla fine ( noi genitori... ) a leggere quanto acquistato!!!   
Poi comunque, mi piace che s'impone loro, i soliti Promessi Sposi o la Divina Commedia... dove se da un lato troviamo giustamente che la figura femminile che guida Dante attraverso i nove cieli del Paradiso è Beatrice, altri invece scambiano la donna amata dal poeta, con Penelope la moglie di Ulisse nella Odissea, oppure con la celebre Monna Lisa...
Per fortuna che in altre scuole hanno adottato programmi più leggeri, attraverso la lettura di romanzi contemporanei... senza però approfondirne e comprenderne gli autori o il periodo storico a cui appartenevano... o ancora in quale periodo è stato ambientato il romanzo...
Difatti alla domanda su cos'è il Cantico dei Cantici?, la maggioranza risponde che si tratta di una poesia di San Francesco, confondendola ovviamente con il Cantico delle Creature..., mentre soltanto 1/3 ha risposto esattamente, inserendolo nel contesto dell’Antico Testamento della Bibbia...
E quest'ultimo fatto, mi conduce a spostare l'attenzione, su ciò che per me risulta il problema più grave, cioè non tanto la scomparsa della lettura..., ormai legata all'utilizzo di Monitor, Ipad e Smartphone, ma quanto quello della scomparsa della scrittura...
Oggi infatti, non si scrive più, si usano frasi ripetitive, quasi fossero modelli prestampati, su ogni tipo di testo che poi si deve produrre, a modello fotocopia o lettera email...
Già..., non si scrive più a mano..., in particolare i ragazzi,  se non hanno a disposizione un palmare o un telefonino, non sanno prendere appunti, trasformando quanto scritto, in un nuovo linguaggio crittografico, tipo sms..., che soltanto loro sanno interpretare...
Così facendo, dimenticano quanto sia bello scrivere..., pur tra gli mille errori di grammatica, di sintassi e d'ortografia, ma sempre scrivendo e così, lasciando un segno nel tempo della nostra presenza..., perché come dicevano gli antichi... " Verba volant, scripta manent... ".







martedì 11 dicembre 2012

Incandidabilità e Anticorruzione...



L’interdizione dai pubblici uffici è una pena accessoria disciplinata dagli artt. 28 e seguenti del codice penale.
L'art. 29 c.p. prevede in via generale:
- l'interdizione perpetua dai pubblici uffici a seguito di condanna all'ergastolo e di condanna alla reclusione per un tempo non inferiore a 5 anni (si rammenta che il massimo della pena detentiva prevista per il nuovo reato introdotto dal disegno di legge in esame è di 5 anni);
- l'interdizione dai pubblici uffici per la durata di 5 anni in caso di condanna alla reclusione per un tempo non inferiore a 3 anni.
L'art. 317-bis c.p. prevede l'interdizione perpetua in caso di condanna per i reati di cui agli artt. 314 (peculato) e 317 (concussione) c.p..
Se, tuttavia, per circostanze attenuanti viene inflitta la reclusione per un tempo inferiore a tre anni, la condanna importa l'interdizione temporanea.
Ai sensi del’art. 28 c.p. l’interdizione comporta la privazione, tra gli altri, del diritto di elettorato o di eleggibilità in qualsiasi elezione e di ogni altro diritto politico.
La lettera b) prevede l’incandidabilità per coloro che sono stati condannati in via definitiva, con una pena di almeno 2 anni, per i delitti previsti dal libro II, titolo II, capo I del codice penale.
Si tratta dei delitti contro la pubblica amministrazione, quali peculato, malversazione, concussione, corruzione, ecc. ( per l'elenco completo si veda sopra, la sintesi riferita all'articolo 8, comma 5 del disegno di legge). 
La medesima lettera b) prevede altresì, l’incandidabilità per “altri delitti” per i quali la legge preveda una pena detentiva superiore, nel massimo, a 3 anni.
La lettera c) prevede che sia il legislatore delegato a determinare il termine di durata dell’incandidabilità - la quale, si è ricordato, è temporanea.
La lettera d) stabilisce che l’incandidabilità operi anche nel caso di applicazione della pena su richiesta, ai sensi dell’art. 444 c.p.p. (patteggiamento).
Non è prevista analoga disposizione per il divieto di assunzione di cariche di cui al comma 1 e al comma 2, lettera g).
La lettera e) individua tra le finalità del testo unico il coordinamento delle norme sull’incandidabilità con quelle in materia di interdizione dai pubblici uffici e di riabilitazione, nonché con le restrizioni all’esercizio del diritto di voto attivo.
Per quanto riguarda la riabilitazione: l’art. 178 c.p. prevede che la riabilitazione estingue le pene accessorie ed ogni altro effetto penale della condanna, salvo che la legge disponga diversamente.
Il divieto di ricoprire cariche di Governo (comma 2, lettera f))
La lettera f) prevede che le cause di incandidabilità a deputato e senatore si applicano anche ai fini della assunzione delle cariche di Governo (Presidente del Consiglio dei ministri, Ministri, Viceministri e Sottosegretari), alle medesime condizioni.
Per i membri del Governo, la incandidabilità si tramuta in divieto di ricoprire cariche di governo.
- incandidabilità a livello locale (comma 2, lettere g)-h))
La lettera g) prevede che il testo unico operi una completa ricognizione delle disposizioni vigenti in materia di:
- incandidabilità alle seguenti elezioni di enti locali:
- provinciali;
- comunali;
- circoscrizionali;
Il divieto a ricoprire le seguenti cariche:
- presidente della provincia;
- sindaco;
- assessore provinciale e comunale;
- consigliere provinciale e comunale;
- presidente e componente del consiglio circoscrizionale;
- presidente e componente del consiglio di amministrazione dei consorzi;
- presidente e componente dei consigli e delle giunte delle unioni di comuni;
- consigliere di amministrazione e presidente delle aziende speciali e delle istituzioni di cui all'articolo 114 del testo unico degli enti locali (D.Lgs. 267/2000);
- presidente e componente degli organi delle comunità montane.
A differenza dell’incandidabilità parlamentare, istituto completamente nuovo, l’ordinamento vigente già prevede alcune cause ostative alla candidatura negli enti locali derivanti da condanna definitiva.
Si ricorda che l'art. 58 del testo unico degli enti locali (d.lgs. 267/2000) prevede che non possono essere candidati alle elezioni provinciali, comunali e circoscrizionali, e non possono comunque ricoprire le cariche di presidente della provincia, sindaco, assessore e consigliere provinciale e comunale, presidente e componente del consiglio circoscrizionale, presidente e componente del consiglio di amministrazione dei consorzi, presidente e componente dei consigli e delle giunte delle unioni di comuni, consigliere di amministrazione e presidente delle aziende speciali e delle istituzioni di cui all'art. 114 TU, presidente e componente degli organi delle comunità montane coloro che hanno riportato una condanna definitiva per uno dei seguenti delitti:
- associazione di tipo mafioso o associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti; delitto concernente l’importazione, l’esportazione, la produzione, la vendita di armi; delitto di favoreggiamento personale o reale commesso in relazione a tali reati;
-  peculato, malversazione a danno dello Stato, concussione, corruzione per un atto d’ufficio, corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio, corruzione in atti giudiziari, corruzione di persona incaricata di un pubblico servizio;
-  delitti, diversi da quelli di cui al punto precedente, commessi con abuso dei poteri o con violazione dei doveri inerenti ad una pubblica funzione o a un pubblico servizio per i quali sia stata comminata definitivamente la pena della reclusione non inferiore a sei mesi;
-  delitti non colposi per i quali sai stata inflitta una pena della reclusione non inferiore a due anni.
Le medesime condizioni di non candidabilità sussistono anche per coloro nei confronti dei quali sia stata applicata, con provvedimento definitivo, una misura di prevenzione, in quanto indiziati di appartenere ad una associazione di stampo mafioso.
L'eventuale elezione di coloro che si trovano nelle condizioni descritte è nulla.
L'organo che ha convalidato l'elezione è tenuto a revocarla non appena viene a conoscenza della loro esistenza.
In caso di sentenza non definitiva si applica la sospensione dalle carica e con il passaggio in giudicato della sentenza di condanna è prevista la decadenza di diritto (art. 59 TUEL).
Il testo attuale della disposizione suddetta è stato introdotto dall'art. 1 della legge 13 Dicembre 1999, n. 475, per conformare il testo alla sentenza della Corte costituzionale n. 141 del 1996 che aveva dichiarato l'illegittimità costituzionale della precedente formulazione (che ancorava la situazione ostativa anche a decisioni non irrevocabili).
La Corte ha affermato che l'incandidabilità va considerata come una particolarissima causa di ineleggibilità che va valutata alla luce del diritto di elettorato passivo, che l'art. 51 Cost. assicura in via generale.
Secondo la Corte, solo una sentenza irrevocabile può giustificare l'esclusione dei cittadini che intendono concorrere alle cariche elettive; né vale obiettare che si tratta di elezioni amministrative, e non di quelle politiche generali, perché pure in questo caso è in gioco il principio democratico, assistito dal riconoscimento costituzionale delle autonomie locali.

Quindi alla fine è stato approvato un decreto, in base al quale chi ha avuto condanne definitive per peculato, corruzione, concussione, terrorismo, mafia fino ad 2 anni e 1 giorno non può essere candidabile, fino a 2 anni invece si. 

Meno male che si pensava di fare pulizia, ma forse se avessero adottato la regola più semplice e cioè quella di mettere fuori, tutti coloro che hanno subito una condanna penale, credo che alla fine di quelli oggi al parlamento, ne sarebbero restati pochi...
L'Italia politica è fantastica nel sapere sempre trovare le giuste soluzioni o per meglio dire escamotage, per favorire sempre ed ovunque i propri uomini di potere... in vari modi, ma sempre mirati ad ottenere per qualcuno benefici, sia che si tratta di politica, che di economia, che di leggi ad personam, di fisco e via discorrendo...
Queste regole non cambieranno mai... c'erano ai tempi dei romani... e ci sono ancora oggi!!!
Voi pensate di poterle cambiare le regole, che attraverso il voto o i referendum si possano modificare le attuale condizioni, tutte baggianate... appena qualcosa cambia... loro intervengono per rimettere le cose nuovamente apposto!!! 
Non c'è tra loro una regola scritta..., ma è una regola di vita, per quanti vogliono appartenere a quella casta, ad un sistema ben radicato, fatto di complicità, favoreggiamenti, raccomandazioni, alleanze e connivenze, tali da non permettere a nessuno di poterne modificare o soltanto incrinarne la struttura...
Un Paese dove s'intrecciano sistemi legali a quelli corruttivi, dove i processi vengono indirizzati..., dove le indagini trovano ostacoli alla verità, dove si attuano accordi con mafia e terrorismo, dove i giudici che si ribellano..., vengono uccisi oppure trasferiti se non azzittiti in procure emarginate!!!
Nessuno parla...nessuno vuole parlare e quei pochi che potrebbero farlo, per paura tacciono..., mentre gli altri, già quelli di cui invece sentiamo manifestare le opinioni, sono ovviamente pagati per dire ciò che piace loro... e noi tutti qui...ad ascoltare " pacificamente " una verità che non esiste!!!

lunedì 10 dicembre 2012

Mario Monti and the Day after...


Già è passato soltanto un giorno, da quando si è presentato dal Presidente Napolitano, per annunciare le proprie dimissioni, dichiarando di aver fatto la cosa giusta e manifestando grande preoccupazione, non certamente per se... ( ah..., di questo ne siamo pienamente convinti, infatti i problemi creati con questo suo modo di governare..., li lascia soltanto a noi... ) tanto alla fine, anch'esso, continuerà ad essere un ulteriore peso a carico..., già come i tanti " morti viventi " che da anni ci portiamo dietro...
Tutti a manifestare preoccupazione per ciò che può succedere..., ma cosa dovrebbe ulteriormente succedere oltre quello che stiamo vivendo...
Credetemi, non è per fare la solita retorica, per voler disprezzare la nostra politica ed i loro uomini, in questo sono bravi già per loro conto, e per favore, non cercate di convincermi con la credibilità internazionale finalmente recuperata..., non contavamo prima e non contiamo oggi..., sono parole, soltanto parole!!!
Se da un lato si è cercato di migliorare i conti, dall'altro i " grandi "nostri " professori " della Bocconi..., hanno dato il meglio delle loro conoscenze per portare ( ancor più di quanto aveva fatto il Governo del Cavaliere), il nostro Paese in completa  caduta libera...
Inoltre, se le esaminiamo, ad una ad una, queste meravigliose proposte, ci accorgiamo che sono state indirizzate, per voler colpire i soliti poveri, dipendenti, anziani, precari e pensionati..., gli altri ( amici... ), hanno ricevuto frustate, che possono paragonarsi a colpi di piume!!!
Nessun provvedimento è stato fatto per colpire la casta ed i suoi interlocutori..., dopotutto lui ne fa parte e quindi, non potevamo certo sperare che andasse contro il suo stesso sistema..., quello che l'ha posto proprio lì!!!  
E adesso... senza questo statista internazionale, cosa ci può capitare...??? 
Beh... io un idea l'avrei,  ma vista l'esperienza che ha colpito il Direttore Sallusti, preferisco non manifestarla!!! 
E dire che, per un momento, avevo creduto nelle potenzialità di quest'uomo, dove coinvolto e travolto dalle difficoltà di un Paese, ormai nel baratro, ecco che, speravo che i titoli preferenziali che lo precedevano, fossero sufficienti a dimostrarne la preparazione..., ma invece oggi mi sento profondamente deluso, mettendo in dubbio anche quelle acclamate capacità... che forse come molti nostri professori, si possiedono certamente, ma soltanto nella teoria e poco nella pratica...
Mi chiedo, ma il nostro Presidente, non poteva cercare qualcuno esterno con questo sistema, con la politica, un concreto ed esperto professionista d'economia reale, invece di chiamare un semplice teorico??? 
Comunque, che ormai si pensi soltanto alle prossime elezioni è evidente a tutti, Maroni ordina e Alfano esegue..., pensando forse che gli Italiani possano dimenticare quanto successo in questi anni, sono dei veri illusi!!!
Scommetto sin d'ora, che alle prossime elezioni il PDL non raggiungerà nemmeno il 13% e la Lega forse a stento raggiungerà quel fatidico 5% e non mi interessa proprio, se il professore entrerà in politica, sostenuto da altri personaggi che lasciano il tempo che trovano, se non per essere stati bravi, a stare come cagnolini dietro i soliti industriali, proprietari dell'Italia...
Vedrete a breve, nascere come funghi nuovi partiti, esponenti politici che proveranno a riciclarsi sotto nuove insegne, presentando come premier, qualche faccia nuova e pulita, mentre loro, ben nascosti, tenteranno di recuperare quei voti necessari, sperando di riempire bene il proprio calderone, per poterlo successivamente barattare, a chi ne farà successivamente richiesta... per così riprendersi quelle poltrone, per breve tempo mollate...     
Sembra che le dimissioni diverranno effettive, solo dopo l'approvazione della legge di stabilità, in un paese ormai che di stabilità nulla possiede...
Il lavoro, la famiglia, la casa ed anche purtroppo la salute..., ecco che ovunque si vede instabilità, ma c'è qualcuno che ancora vuole illuderci, di aver trovato la bacchetta magica, quella ricetta giusta per risolvere i nostri problemi...
Già, quegli impegni presi in Europa e non rispettati, una ripresa economica palesata che non ha avuto i risultati sperati, uno spreco generale che non si è saputo contrastare, una condizione morale che non è per nulla migliorata..., giudizi negativi dati da chiunque s'incontri per strada, quel essere considerato mediocre, che offende per quanto svolto, certamente più se stesso che noi altri!
Caro Professore, mi dica... a cosa può esserle servito fare questa esperienza, per poi dover essere ricordato dalle generazioni future, come un profano ed inabile tecnico..., semplice portatore dell'altrui volere...

domenica 2 dicembre 2012

Renzi ed i voti del Centrodestra...


Adesso, sono convinto più che mai, che dietro le primarie del PD, qualcuno abbia un disegno nascosto che spinga ad appoggiare Matteo Renzi, più di quanto le sue idee abbiano convinto gli elettori a votarlo...
Infatti, se da un lato i messaggi progressisti, di cambiamento e rottamazione, a modello Grillo, trovano ampio consenso, tra gli elettori del centrosinistra che vedono in lui, un riformatore di quella politica logora, svolta e diretta sempre dai soliti quattro dirigenti dell'organo esecutivo del partito, a modello Politburo dell'ex U.R.S.S., dall'altro pensare di affidare all'ultimo arrivato quel potere di gestire il partito per nome e per conto di tutti gli iscritti e ben altra cosa ( infatti difficilmente vedrete riuscirà nell'intento... anche se l'intenzione non era male... ).
Continuare a dover vedere, dopo circa trent'anni le stesse facce, senatori e deputati che da sempre si dividono la torta e non permettono alle nuove generazioni ( se non ai propri figli ) di poter fare politica, ecco che quindi questa rivoluzione fatta da un uomo che esce da quegli schemi preordinati, comincia a fare scalpore e certamente a mettere in crisi lo stesso suo partito...
Lo stesso fatto che Renzi proponga il suo " non programma " ci fa capire, quanto egli sia predisposto a non continuare con i vecchi schemi, ma nella proposizione di nuovi...
Se ne osserviamo i 12 punti, vediamo che vengono toccati tutti quegli argomenti di cui oggi il nostro paese soffre ed è onesto quando esprime: questo non è un programma: la solita raccolta di buone intenzioni e di proposte astratte che popolano le campagne elettorali e spariscono il giorno dopo, qui non troverete né proclami, né promesse, perché la formula magica per risolvere i problemi dell'Italia non esiste..., perché la verità e che oggi non esiste alcuna ricetta magica, fatta da chissà quale professore, che possa attraverso anche il proprio prestigio personale, trovare le giuste soluzioni, per risolvere i tanti nostri problemi...
In molti punti è evidente che cavalca la scia dei cosiddetti "grillini" e di quanto da loro fatto finora..., a cominciare dal: abolire il finanziamento pubblico ai partiti, togliere i vitalizi, dare trasparenza sui finanziatori e sulle spese delle campagne elettorali, dimezzare gli assessori, abolire il controllo dei partiti sulla Rai, premiare sempre il merito ed abolire definitivamente le raccomandazioni, cambiare le regole sul conflitto d'interesse e sulle leggi ad personam...
Proposte bellissime, in un momento in cui ormai gli annunci di cambiamento sono all'ordine del giorno e di cui tutti si fanno portavoce, tentando di convincere quel nutrito gruppo di astenuti, che delusi da questa politica, faranno di tutto per non andare al voto...
Ed allora da questa diatriba, all'interno del PD, in questa contesa tra Renzi ed il suo segretario Bersani, qualcuno certamente sta godendo a vedersi questo teatrino, in particolare coloro che appartengono al centrodestra..., che alzando l'ingegno, provano a creare confusione tra queste primarie...
Infatti di questi giorni le denunce di alcuni cittadini, segretari di quelle postazioni dove si svolgono le votazioni, dove a loro dire, si è cercato di violare il regolamento,  in particolare da parte di alcuni consiglieri di altri partiti, che si sono presentati per votare Matteo Renzi..., in conflitto con quanto prevede il regolamento che dice, che non possono partecipare al voto delle primarie persone che abbiano svolto attività incompatibili con il Partito democratico...
Ormai le si studiano tutte pur di creare disordine in casa altrui..., in un momento in cui le certezze sono svanite, ed i partiti che finora sono stati al governo, tentano, ormai declassati, di salvare il salvabile... e sperano anche attraverso le solite unioni di comodo, di poter continuare quanto finora malamente svolto... 




sabato 1 dicembre 2012

Ispirazione dei cristiani...e voto dei cattolici!!!

Oggi ascoltavo il TG1 delle 13.30 e durante le varie notizie politiche, mi accorgevo che, gli esponenti dei partiti intervistati, manifestavano il proprio interesse, per il voto dei cattolici...
Ed allora Carlo Giovanardi del Pdl ricerca quel sostegno d'ispirazione cristiana che ovviamente loro da sempre sostengono ( l'abbiamo visto infatti in questi anni, con quali modi... ), il partito dei Cristiani Popolari con Mario Baccini, chiede a cattolici di ritrovare e riconoscere loro, quale unico movimento, fatto da persone oneste e moralmente apposto e soprattutto che abbiano le idee chiare su progetti futuri..., ecc, ecc...,  e cosa dire del leader dell'UDC, Casini che attraverso quello scudo crociato, tenta di riunire tutti coloro che si riconoscono nel linguaggio della serietà e della verità... ( mi sembra di rivedere quegli appelli fatti secoli fa, prima di partire per una delle tante crociate), tutti cercano ovunque di riciclarsi come nuovi paladini per ricostruire una Italia ormai distrutta... 
Mi vergogno..., già mi vergogno di essere cristiano... ed ancora di più di essere cattolico!!!
Se sono queste le persone che oggi debbano continuare a rappresentarmi, se continuano a  promuovere principi di verità, a cui Cristo a dedicato la propria vita, ecco che non posso che sentirmi offeso e divenire così sempre più laico...
Ciò che si vuole imporre attraverso l'essere cosiddetto " cristiano " è quel voler obbligare e canalizzare attraverso la fede, quel flusso di voti, promuovendo i cittadini ad un'impegno costante sia nel campo della politica, che in quello sociale...
Questo voler insistere sulla necessità che il cristiano debba indirizzare il proprio voto, su ragioni che  nulla poi centrano con la religione, su quanto scritto dai vangeli o in quel voler esaltarne la dignità dell'uomo.
Considerato poi, che coloro che sono demandati a governare attraverso quel voto, nulla fanno per una corretta ed operosa convivenza tra gli uomini, anzi attraverso quelle loro azioni, non producono altro che diffondere ovunque disuguaglianza e povertà..., creando differenze di classe, dove per  se e per i propri familiari, conservano una vita fatta di lusso e di sprechi, esternati con altezzosità a  modello sfregio, in particolare nei confronti di quanti purtroppo invece oggi, stanno sopravvivendo...  
E la Chiesa allora perché non si mobilità...??? Non dovrebbe diffondere quegli insegnamenti che fanno parte del messaggio cristiano...???. In quella sua missione evangelizzatrice non dovrebbe lottare per le ingiustizie proponendo nuovi modelli di convivenza, che ne esaltino i valori morali...??? Ed ancora perché non viene espresso un chiaro disappunto, su quanto i nostri politici propongono...??? Perché non voler esporre in maniera definitiva, che le istanze perpetrate da questi partiti nulla centrano con il messaggio evangelico e con le sue esigenze...???
Ecco a tante domande, nessuna risposta chiara!!!
Sorge spontanea allora la domanda: in quali ambiti il cosiddetto "cristiano" deve indirizzare il proprio impegno civile e sociale e dove invece deve porre interesse per la vita politica???
Forse l'impegno deve essere svolto soltanto nell'applicazione delle regole dell'amministrazione pubblica, nell'apprezzamento delle strutture istituzionali, per la promozione e valorizzazione di una sempre più cosciente partecipazione alle attività di una città, eretta per l'uomo e la sua comunità...
Certamente, quanto svolto in questi anni dagli uomini politici, attraverso i ripetuti scandali, economici e sessuali, non hanno fatto altro che creare e diffondere la convinzione, in particolare proprio nei cattolici, che la politica raffiguri ed incarni in se il "male"..., qualcosa da cui allontanarsi e da cui è certamente meglio non averci a che fare..., 
Ecco, che allora, occorre interrogarsi sui modi in cui una comunità ecclesiale, debba e possa contribuire a sviluppare nei suoi membri, un senso profondo della partecipazione alla vita politica, imprimendo in maniera chiara, quali obbiettivi raggiungere e come riuscire a conciliare i benefici della comunità intera, a discapito di quella natura "perversa" umana, che porta tendenzialmente ad esprimere ed a ricercare per se, quei vantaggi e quegli interessi personali, che si attuano proprio attraverso quelle cariche politicamente acquisite...
Ed infine basta a questi politicanti inutili, di tentare con approcci e metodi fuorvianti, misti tra il sacro ed il profano, ingannando con loquaci orazioni, quanto non è di loro pertinenza...
Lascino a chi di dovere, l'altrui competenza!!!

Istagram

Instagram

Note sul Blog "Liberi pensieri"

Disclaimer (uso e condizioni):

Questo blog non rappresenta una “testata giornalistica” in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto, non può considerarsi “prodotto editoriale” (sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1 co.3 legge n.62 del 2001).

Gli articoli sono pubblicati sotto Licenza "Blogger", dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l'Autore), che non vi sia alcuno scopo commerciale e che ciò sia preventivamente comunicato all'indirizzo nicolacostanzo67@gmail.com

Le rare immagini utilizzate sono tratte liberamente da internet, quindi valutate di “pubblico dominio”, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog al seguente indirizzo email:nicolacostanzo67@gmail.com, che provvederà alla loro pronta rimozione.

L'autore dichiara inoltre di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Copyright © LIBERI PENSIERI di Nicola Costanzo

Resteranno per sempre dei...

Resteranno per sempre dei...

Seguimi via email

Bloghissimo...

Aggregatore rss

I Blog che seguo